Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Stop ai voucher lavoro

Il Governo elimina i voucher lavoro e ripristina responsabilità solidale negli appalti

Stop ai voucher lavoro - Il Governo elimina i voucher lavoro e ripristina responsabilità solidale negli appalti

Il Governo ha approvato un decreto legge con il quale ha abolito il sistema del lavoro accessorio (c.d. voucher).
Il Consiglio dei Ministri nel giorno di venerdì 17 marzo 2017 ha approvato un decreto legge, pubblicato in tarda serata sulla Gazzetta Ufficiale, e già in vigore, il cui scopo evidente è stato quello di evitare la consultazione referendaria prevista per il prossimo 28 maggio, in cui i cittadini sarebbero stati chiamati a pronunciarsi sull’abrogazione dell’istituto del lavoro accessorio e su alcuni aspetti della disciplina della responsabilità solidale del committente nei confronti dei dipendenti dell’appaltatore.
A seguito quindi dell’entrata in vigore del DL 17 marzo 2017 n. 25 oltre ad interrompere l’utilizzo dei voucher-lavoro, si è ha contestualmente abolito anche le limitazioni alla responsabilità solidale negli appalti.

Fase transitoria: nonostante il sistema dei “voucher” sia stato abolito a far data dal 17 marzo, è prevista una fase transitoria per l’intero 2017, durante la quale si potranno utilizzare i voucher già acquistati ma non si potranno però acquistarne di nuovi.
Per quanto riguarda la disciplina della responsabilità solidale del committente con l’appaltatore, nonché con gli eventuali subappaltatori, per i trattamenti retributivi dei lavoratori impiegati nell’appalto, il decreto ripristina il precedente testo dell’art. 29 del DLgs. 276/2003, eliminando quelle parti della norma oggetto del quesito referendario. Viene così meno sia la possibilità per i contratti collettivi nazionali di escludere la responsabilità solidale, sostituendola con procedure di controllo e verifica della regolarità complessiva degli appalti, sia la necessità per il lavoratore che intenda far valere la responsabilità solidale del committente di convenire in giudizio anche l’appaltatore e di agire in via esecutiva prima nei suoi confronti, qualora il committente abbia eccepito in giudizio il beneficio della preventiva escussione.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitā circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirā all'Autoritā Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore č esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Studio Associato Doccini - Terricciola (PI)

Studio Associato Doccini

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Via Volterrana 225

56030 - Terricciola (PI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

I controlli fiscali nella ristorazione

Le metodologie di controllo nelle attività operanti nella ristorazione

Continua

Equitalia: i limiti alle azioni esecutive

Veicolo sottoposto a fermo amministrativo: utilizzi e vendita del mezzo, impugnazione e sospensione del fermo, vendita e rottamazione

Continua

Rottamazione delle cartelle, le novità introdotte

Prorogati i termini e maggiori dilazioni: queste le principali novità introdotte a seguito della conversione in legge del decreto

Continua

La rottamazione delle cartelle esattoriali

Entro il 23 gennaio 2017 è possibile presentare il modello di adesione con cui si potrà inviare la richiesta per lo sconto sulle sanzioni e interessi

Continua