Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Medicina legale e delle Assicurazioni

Discopatia lombare negli autisti

Esiste o no un collegamento tra l'attività di autista e la discopatia lombare?

Discopatia lombare negli autisti - Esiste o no un collegamento tra l'attività di autista e la discopatia lombare?

Scopo di questo breve articolo è comprendere se esita o no un collegamento tra l'attività di autista e lo genesi di discopatia lombare

La relazione tra tale mansione e lo sviluppo di malattie a carico dell’apparato muscolo-scheletrico è ben documentata da tempo. 

In particolare sono numerosi gli studi clinici ed epidemiologici che hanno rilevato una quota di alterazioni del tratto lombare del rachide significativamente maggiore in autisti impiegati nel trasporto pubblico rispetto alla popolazione generale. 

Ad esempio nell’ambito di una pubblicazione del 2010 sul “Giornale italiano di Medicina del Lavoro ed Ergonomia”, è emersa una prevalenza di lombalgia pari al 46,2% nel campione esaminato composto da autisti di autobus

I principali fattori di rischio dell'autista (sia di autous così come di pulmman o di mezzi pesanti) sono rappresentati dal  mantenimento di postura fissa e, in particolare, dall'esposizione alle vibrazioni

A conferma di quanto detto, nello studio sopracitato si trova scritto che: “l’esposizione combinata e protratta nel tempo a fattori fisici come le vibrazioni trasmesse al corpo intero, a fattori biomeccanici come la posizione seduta prolungata e la rotazione e flessione del tronco sarebbe responsabile delle patologie del rachide riscontrate”.  

Questo studio ha dunque confermato quanto già noto in letteratura sul ruolo di alcuni rischi (in particolare le vibrazioni) cui si espongono i conducenti di autobus, nello sviluppo della discopatia lombare. 

A tal proposito in una pubblicazione dell’INAIL (I disturbi muscolo-scheletrici lavorativi) risalente al 2012 si trova scritto che “l’attività di autista (di autocarri, mezzi di movimentazione terra, trattori, autobus, ecc.) espone a rischi specifici per la schiena dovuti alla posizione seduta protratta nel tempo e alle vibrazioni a cui è esposto il corpo intero”. 

Possiamo pertanto affermare come sia ormai dimostrato scientificamente il collegamento tra le vibrazioni cui si espone un autista di autobus o mezzo pesante e lo sviluppo di una discopatia lombare (dal bulging fino all'ernia vera e propria).  

Proprio in ragione di tale evidenza scientifica, esiste una specifica tutela di malattia da parte dell'INAIL. 

Come dimostrare l'esistenza della malattia? 

Gli esami principali sono la RMN (Risonanza Magnetica Nucleare) del rachide lombare e la EMG (ElettroMioGrafia) degli arti inferiori.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il tuo preventivo online

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Medicina legale e delle Assicurazioni

Studio Medico Legale Dr. Niccolo' Maria Sposimo - Firenze (FI)

Studio Medico Legale Dr. Niccolo' Maria Sposimo

Medici legali / Medicina Legale e delle Assicurazioni

via Cimabue 19/C

50121 - Firenze (FI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Lavoro notturno e malattie cardiovascolari

Le attività lavorative che prevedono turnazioni notturne sono in grado di aumentare il rischio di malattie cardiovascolari

Continua