Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza finanziaria e patrimoniale

La protezione dei beni personali e familiari/6

Tutela del valore e dell’integrità dei beni. La gestione dei rischi negli investimenti finanziari

La protezione dei beni personali e familiari/6 - Tutela del valore e dell’integrità dei beni. La gestione dei rischi negli investimenti finanziari

La maggior parte dei risparmiatori alla domanda “perché risparmia?” risponde “perché non si sa mai” e tiene quasi tutti i soldi sul conto corrente bancario o postale per affrontare possibili imprevisti. Questa tendenza è stata studiata dalla finanza comportamentale, una scienza che applica i principi di psicologia sperimentale del pensiero al comportamento finanziario e alla percezione del rischio. Le ricerche effettuate hanno dimostrato che l’impatto che subiamo in seguito ad una perdita pesa il doppio rispetto ad un guadagno.  Inoltre abbiamo la tendenza naturale a dare più importanza agli eventi recenti non tenendo conto dei benefici del lungo periodo. Di conseguenza, in seguito a flessioni dei nostri investimenti siamo portati a vendere. Questo comportamento è fortemente dannoso, poiché le discese hanno una durata limitata e sono sempre state seguite da un recupero. 

 

I nostri nonni inserivano il denaro risparmiato in buste, su ciascuna delle quali era scritta la destinazione: affitto, spesa, abbigliamento, scuola figli e così via. Allo stesso modo bisognerebbe dare un nome ai propri soldi per ragionare in termini di pianificazione finanziaria al fine di definire i propri progetti di vita e capire come dividere le risorse in modo da poterli raggiungere. Solo così è possibile stabilire delle priorità fra gli obiettivi e quali rischi sono sopportabili per ciascuno dei progetti. 

 

È necessario conoscere i principali rischi da affrontare quando si effettua un investimento in modo da sapere come contrastarli efficacemente. 

 

Il rischio generico riguarda le oscillazioni dell’intero mercato che influiscono sull’andamento dello strumento finanziario acquistato. Quindi l’andamento di un’azione quotata sulla borsa di Milano, o di un fondo comune specializzato sulla stessa borsa, è fortemente influenzato dal trend del mercato azionario italiano. 

 

Il rischio specifico è legato a tutti gli elementi che influiscono sull’azienda nella quale abbiamo investito. Per esempio la solidità patrimoniale, la capacità di produrre profitti e la bravura dei manager. 

 

Il rischio emittente è il rischio che il debitore (uno stato o un’azienda) si trovi in tali difficoltà economiche da non essere in grado di pagare gli interessi promessi o, in casi estremi, di rimborsare il capitale alla scadenza del prestito. 

 

Il rischio liquidità consiste nel rischio di non riuscire a disinvestire rapidamente lo strumento acquistato, oppure di doverlo fare perdendo molto rispetto alla somma investita. 

 

Il rischio interesse: occorre tener presente che il valore di un titolo che paga un interesse fisso scende quando i tassi d’interesse salgono. Per esempio in caso di aumento dell’1% dei tassi, il BTP con scadenza a 10 anni perderebbe oltre l’8% per allinearsi ai nuovi tassi di mercato. 

 

Il rischio valutario nasce quando si acquista uno strumento in monete diverse dall’euro e dipende dalle variazioni del tasso di cambio. Queste variazioni possono essere positive o negative. I meno giovani ricorderanno senz’altro le forti svalutazioni subìte dalla lira contro dollaro americano, franco svizzero, sterlina inglese e marco tedesco negli anni ’90. 

 

La gestione del rischio consiste nel pianificare adeguatamente. Dopo aver determinato il livello di liquidità necessario a soddisfare le proprie esigenze di breve periodo, bisogna definire l’orizzonte temporale e la sopportazione del rischio relativi a ciascuno dei progetti di vita identificati. Poi si dovrà eseguire anche un’intensa attività di monitoraggio per verificare nel tempo le soluzioni adottate. 

Con l’ausilio di sofisticati strumenti evoluti e sperimentati, sono in grado di valutare i singoli prodotti inclusi nel portafoglio e i rapporti di relazione fra questi.  Per fare bene tutto questo non basta un broker finanziario, ma è necessario un consulente che tenga sotto controllo in modo continuato la situazione familiare, professionale e patrimoniale complessiva e sappia anche gestire l’emotività del risparmiatore.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza finanziaria e patrimoniale

Petrini Paolo - Roma (RM)

Petrini Paolo

Consulenti Finanziari / Promozione Finanziaria e Patrimoniale

Via Cicerone, 54

00193 - Roma (RM)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

La protezione dei beni personali e familiari/8

L’Italia è attualmente considerata un paradiso fiscale per le successioni. Ma per quanto?

Continua

La protezione dei beni personali e familiari/7

Eredità, successione legittima e problemi collegati

Continua

PIR - Presentazione Piani Individuali di Risparmio

Una forma di investimento nell’economia reale italiana fiscalmente agevolata

Continua

La protezione dei beni personali e familiari/5

Tutela del valore e dell’integrità dei beni. La gestione dei rischi negli investimenti immobiliari

Continua

La protezione dei beni personali e familiari/4

Tutela nei confronti di terzi, la difesa da eventuali aggressioni relative ai beni di famiglia

Continua

La protezione dei beni personali e familiari/3

La difesa del futuro tenore di vita e l’integrazione della pensione

Continua

La protezione dei beni personali e familiari/2

Tutela della persona, che riguarda la difesa del livello di reddito attuale contro i danni improvvisi e imprevisti

Continua

La protezione dei beni personali e familiari/1

Un quadro globale sui danni economici e patrimoniali che possono colpire le nostre proprietà

Continua