Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto tributario

Condominio e uso della cosa comune

Cassazione: verso un'interpretazione meno restrittiva circa l'uso della cosa comune in condominio

Condominio e uso della cosa comune - Cassazione: verso un'interpretazione meno restrittiva circa l'uso della cosa comune in condominio

La Suprema Corte cassa la sentenza emessa dalla Corte d'Appello di Trieste la quale condannava il proprietario di un appartamento sito all'ultimo piano di un condominio all'eliminazione dell'apertura praticata sul tetto del fabbricato, nella specie una botola realizzata al fine di accedere direttamente dall'alloggio al tetto

 

Il ricorrente aveva, infatti, realizzato un'apertura nel soffitto e una copertura a vetri della stessa  ritenuta da parte ricorrente per un verso “non equivalente a un tetto vero e proprio a protezione della casa” e, per altro verso, in violazione dell'art. 1102 c.c. in quanto l'apertura modificava la destinazione d'uso della cosa comune. 

 

La Corte di Cassazione, respinta ogni difesa della resistente, accoglie il secondo motivo addotto dalla parte ricorrente circa il vizio di motivazione della sentenza d'Appello in quanto i giudici non hanno considerato che il taglio delle travi realizzato dal ricorrente “non può determinare l'alterazione della cosa comune che ne impedisce l'uso ai sensi della norma civilistica in questione”. I giudici di Trento avrebbero dovuto, infatti, a parere della Suprema Corte, “specificamente valutare, adeguatamente motivando, la violazione degli altri limiti indicati, anche con la realizzazione della bussola a copertura della nuova apertura”. 

 

In conclusione, il proprietario dell'appartamento sito all'ultimo piano era legittimato a praticare l'apertura anche se realizzata con il taglio di travi portanti del tetto in quanto i lavori non hanno creato problemi di statica all'edificio. Non si è realizzata, infatti, una violazione ex art. 1102 c.c. in quanto la disposizione, secondo quanto statuito dalla Corte di Cassazione, non deve essere interpretata  in maniera eccessivamente restrittiva: bisogna verificare, caso per caso, se le modifiche apportate hanno comportato un'alterazione dell'uso della cosa comune senza impedire al condomino ogni e qualsivoglia intervento

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto tributario

Avv. Giulio Mario Guffanti - Milano (MI)

Avv. Giulio Mario Guffanti

Avvocati / Civile

Viale Aretusa, 37

20147 - Milano (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Diritto Tributario: elusione e onere della prova

CTR Sardegna: abuso del diritto ed onere della prova, l’ufficio è tenuto a provare la condotta elusiva delle società.

Continua

Avviso di accertamento

La mancata risposta all'avviso di accertamento può comportare la legittimità dell'avviso di accertamento

Continua

Eredità: accettazione tacita

Sentenza n. 6811/2016 pagamento debiti ereditari ed accettazione tacita dell'eredità ex art. 476 c.c.: non vi è coincidenza

Continua

Condominio e trasformazione dell`area giardino

La trasformazione in parcheggio di una parte del giardino non costituisce alterazione del decoro architettonico. Cassazione Sentenza n. 24960/2016

Continua

Il via all’acquamineralometro

La Corte di Cassazione dà il via all’ acquamineralometro

Continua

Rottamazione delle cartelle e semplificazione

Approvato il d. l. n. 193/2016: al via la rottamazione delle cartelle e non solo

Continua

Redditometro: natante di piccole dimensioni

Corte di Cassazione: conferma l’annullamento dell’avviso di accertamento al contribuente proprietario di un natante di piccole dimensione

Continua

Diritto del consumo, adeguata informazione

Sentenza n. 17364/2016: l’adeguata informazione quale diritto fondamentale del consumatore/utente.

Continua

Rottamazione delle cartelle

Rottamazione delle cartelle: ultime news (modifiche al DL 193/2016).

Continua

Notifica ai soggetti residenti all'estero

Per il cittadino italiano residente all'estero e iscritto all'AIRE, la notificazione è valida se effettuata all'indirizzo della residenza estera

Continua

Contenzioso tributario - Competenza territoriale

Commissioni Tributarie Provinciali - Determinazione in base alla sede del concessionario. Illegittimità. Corte Costituzionale 3 marzo 2016

Continua

Amministratore di Condominio/Agente immobiliare?

L'Amministratore di Condominio può fare l'Agente Immobiliare?

Continua

Atto Tributario annullabilità, nullità

Annullabilità, nullità ed inesistenza dell'atto tributario. (Corte di Cassazione, con sentenza n. 22803 del 09.11.2015)

Continua

Mediazione tributaria obbligatoria

Ambiti di applicazione oggettivo e soggettivo

Continua

Indeducibilità indicazioni generiche in fattura

Corte di Cassazione n. 21980 del 28 ottobre 2015, "Fatturazione delle operazioni"

Continua

Notifiche Equitalia a mezzo posta

Commissione Tributaria Regionale Emilia Romagna, sent. n. 2005/8/2015

Continua