Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Risarcimento ai detenuti, all'esame della commissione

Il D.L. n° 92/2014 arriverà tra breve all'esame del Parlamento, dopo il vaglio della commissione giustizia

Risarcimento ai detenuti, all'esame della commissione - Il D.L. n° 92/2014 arriverà tra breve all'esame del Parlamento, dopo il vaglio della commissione giustizia

C'è grande attesa per conoscere quale sarà il dibattito in Parlamento in sede di conversione in Legge del Decreto Legge n° 92/2014. Il provvedimento di urgenza adottato dal Governo Renzi prevede, tra le altre misure, anche il ristoro di 8 euro a favore dei detenuti che abbiano vissuto la condizioni di sovraffolamento delle carceri italiane. Dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, il decreto deve essere convertito in legge entro 60 giorni, pena la decadenza. 

 

In Commissione Giustizia ci sarà l'audizione dei rappresentanti dell'Associazione Nazionale Magistrati e dell'Unione delle Camere Penali Italiane. Il testo – illustrato giovedi’ 3 luglio dalla presidente della commissione Donatella Ferranti – prevede risarcimenti in favore di detenuti e internati che siano stati sottoposti a trattamenti inumani o degradanti. La presidente ha ricordato che il testo si inserisce nel percorso avviato per risolvere la questione carceraria, affrontata con diversi provvedimenti che hanno portato il Comitato dei ministri del Consiglio d’Europa, nella decisione del 5 giugno scorso sull’esecuzione della sentenza Torreggiani, a valutare positivamente gli interventi del Governo Italiano per migliorare la situazione carceraria, e a rinviare al mese di giugno 2015 un’ulteriore valutazione sui progressi fatti nell’attuazione delle misure italiane per affrontare il problema del sovraffollamento. 

 

Il programma dei lavori sul D.L. prevede che la commissione esamini il testo e svolga eventuali audizioni tra l’8 e il 10 luglio, quindi, passi all’esame degli emendamenti (da presentare entro il 14) e conferisca entro il 17 il mandato al relatore a riferire in Assemblea dove l’esame e’ previsto a partire dal 21 luglio.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitā circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirā all'Autoritā Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
1 Commento

Paolo Fiocchi

09/07/2014 20:46

la ringrazio della sollecita risposta. riguardo ai chiarimenti che mi chiede confermo che terminerò definitivamente la mia pena ad ottobre. dal 25 aprile al 25 ottobre ho diritto allo sconto pena di 45 giorni a semestre, sono stato detenuto dal 24 aprile 2013 ed ho trascorso nel vecchio e decrepito reparto circa 11 mesi, per cui sarebbero
330 giorni che mi darebbero diritto a 33 giorni di sconto pena.credo che mi convenga prendere i 45 anziche i 33 del nuovo decreto, o posso avere diritto a tutti e due gli sconti , essendo due cose diverse? può essere sostituito dagli 8 euro al giorno decisi dal governo? spero di essermi spiegato bene. ho l'udienza della camera di consiglio a fine luglio, vedrò cosa decideranno, poi mi regolerò di conseguenza. grazie veramente tanto P: F:

Rispondi

Avv Vincenzo Guida

10/07/2014 07:07

sig. Paolo Fiocchi, lei oltre ad avere diritto ai 45 giorni a titolo di liberazione anticipata, ha diritto, secondo il numero decreto legge, ad un giorno di liberazione anticipata ogni 10 giorni trascorsi in carcere in condizioni inumane. Dunque la liberazione anticipata straordinaria, cioè quella introdotta da questo nuovo decreto legge, si somma alla liberazione anticipata ordinaria. Per cui nel suo caso si dovrebbero sommare i 45 giorni ai 33 giorni in base al decreto legge nuovo, per un totale di 78 giorni. Se il suo fine pena, però, è inferiore a 78 giorni, tutto quello che avanza, in termini di giorni, sarà risarcito 8 euro al giorno. Per cui credo che le convenga presentare subito l'istanza per questa liberazione anticipata speciale, in modo che sommando i giorni, il magistrato di sorveglianza le potrà assegnare gli 8 euro, per quel che riguarda il residuo pena. L'istanza va presentata al magistrato di sorveglienza, che dovrà decidere dapprima se effettivamente la sua condizioni carceraria sia stata inumana e poi le dovrà concedere il beneficio della liberazione anticipata. cordiali saluti

In risposta al commento di Paolo Fiocchi

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitā circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirā all'Autoritā Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
Annulla

L'autore č esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Risarcimento detenuti: pubblicata la legge in G.U.

Entra in vigore in maniera definitiva la legge

Continua

La Camera approva il risarcimento ai detenuti

La parola al Senato per il via libera definitivo

Continua

I rimedi dopo la sentenza Torreggiani

Risarcimento, svuota carceri, riduzione dei casi di applicazione di custodia cautelare in carcere

Continua

Parenti pregiudicati? Si al rilascio delle licenze

Il Consiglio di Stato ritiene irrilevanti le relazioni parentali con pregiudicati nel caso di licenze per la raccolta di scommesse

Continua

Risarcimento per i detenuti

Per chi ha subito il "sovraffolamento" delle carceri c`è il risarcimento di 8 euro oppure una riduzione della pena

Continua

Le pene per droghe leggere vanno riviste

Questa la decisione del Tribunale di Nocera Inferiore che riduce la condanna per il reato di spaccio di droghe leggere

Continua

Droghe leggere: ammessa la revisione della pena

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione si esprimono sulla possibilità di ridurre la pena nel caso di sentenza passata in giudicato

Continua

Droga: niente carcere per la lieve entità

Esclusa la custodia cautelare in carcere per il reato ex art. 73 V comma DPR n° 309/1990 con la modifica introdotta dalla legge n° 79/14

Continua

Il sistema sanzionatorio in materia di droghe

Gli effetti pratici della sentenza della Corte Costituzionale n° 32/2014

Continua