Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto amministrativo

Odori di sugo, fritti, etc.? E’ reato

Gli odori da cucina che superano la soglia della tollerabilità integrano la fattispecie di getto pericolose di cose ex art. 674 c.p.

Odori di sugo, fritti, etc.? E’ reato - Gli odori da cucina che superano la soglia della tollerabilità integrano la fattispecie di getto pericolose di cose ex art. 674 c.p.

La Cassazione è intervenuta recentemente[1] per porre fine ad una lite condominiale iniziata a motivo delle continue immissioni di fumi, odori e rumori provenienti dall’appartamento posto a piano terra, degli odierni imputati, atte a molestare e imbrattare l’alloggio di cui al sovrastante appartamento posto al terzo piano. 

Per gli Ermellini, la motivazione resa dalla Corte d’Appello è ampia e accurata nell’escludere la possibilità di pronunciare l’assoluzione per insussistenza del fatto perché, «non solo ha ritenuto correttamente sussunta la fattispecie concreta sotto la previsione dell’art. 674 c.p. che comprende anche le emissioni olfattive moleste come spiegato da questa Sezione con sentenza n. 45230/2014, Rv 260980, ma ha anche valutato in modo congruo la prova dei fatti raggiunta in primo grado attraverso le testimonianze delle persone offese, definite come chiare, precise, logicamente strutturate». 

In altri e più chiari termini, integra il reato di ‘getto pericoloso di cose’ il comportamento di chi emette odori da cucina tali da superare la normale tollerabilità. ‘Getto pericoloso di cose’ è la rubrica dell’art. 674 del codice penale che recita: «Chiunque getta o versa, in un luogo di pubblico transito o in un luogo privato ma di comune o di altrui uso, cose atte a offendere o imbrattare o molestare persone, ovvero, nei casi non consentiti dalla legge, provoca emissioni di gas, di vapori o di fumo, atti a cagionare tali effetti, è punito con l'arresto fino a un mese o con l'ammenda fino a duecentosei euro». 

E così, sono stati dichiarati colpevoli del reato ex art. 674 c.p. i proprietari dell’appartamento posto al piano terra per aver provocato continue immissioni di fumi, odori e rumori, in guisa intollerabile sì da molestare i vicini del terzo piano. 

Ed è la ‘normale tollerabilità’ di cui all’art. 844 c.c., in assenza di una predeterminazione normativa dei limiti delle emissioni, il criterio a cui si deve avere riguardo per verificare quando le immissioni olfattive integrano il reato di cui all’art. 674 c.p., nel caso di specie ampiamente superato, come è risultato provato, ritengono i Giudici di Piazza Cavour, dalle dichiarazioni delle persone offese e del tecnico di loro fiducia. 

Ciò precisato, nel reato di ‘getto pericoloso di cose’ possono essere ricomprese le emissioni degli odori di cucina che superino la normale tollerabilità. 

 

[1] Sez. III Penale, 24.03.2017, n. 14467

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto amministrativo

Avv. Cristiana Centanni - Roma (RM)

AVV. CRISTIANA CENTANNI

Avvocati / Civile

Via FRANCESCO DENZA 15

00197 - Roma (RM)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Danno da vacanza rovinata per forte ritardo volo

Se il volo è in forte ritardo, colui che ha acquistato dal tour operator il pacchetto turistico, va da quest'ultimo risarcito

Continua

Atto di aggiudicazione gara

Atto di aggiudicazione della gara non pubblicato nella sezione “amministrazione trasparente”. Quando scattano i trenta giorni per l’impugnativa?

Continua

Via libera al ‘sisma bonus’

Le novità del 'sisma bonus' introdotto con la Legge di Bilancio 2017

Continua

Gara. Esclusione. Nuovo codice appalti

Esclusione dell’Impresa dalla gara per la mancanza del requisito del pareggio di bilancio nell’ultimo triennio

Continua

Istanza di accesso agli atti

Illegittimo il rifiuto opposto dall’Amministrazione alla istanza di accesso agli atti della subappaltatrice

Continua

Condominio. Parti comuni. Trasformazione

La finestra può essere trasformata in accesso carraio per un uso più intenso della cosa comune

Continua

Termine dell`impugnazione dell`atto di ammissione alla gara

Quando decorre il termine di impugnazione dell'atto di ammissione alla gara dell'impresa aggiudicataria se non pubblicato sul sito dell'Appaltante?

Continua