Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto penale criminale

Omicidio e concorso anomalo nel reato

Non sempre l’aiuto dato all’autore di un omicidio configura un’ipotesi di concorso in quel reato

Omicidio e concorso anomalo nel reato - Non sempre l’aiuto dato all’autore di un omicidio configura un’ipotesi di concorso in quel reato

Il caso 

Tizio e Caio venivano tratti in arresto perché gravemente indiziati di aver partecipato, in concorso con Sempronio, all’omicidio di Mevio. 

 

Avverso l’ordinanza del Gip, proponeva ricorso la Difesa, lamentando l’insussistenza dell’aggravante della premeditazione nonché  della gravità indiziaria in ordine al contributo causalmente rilevante alla consumazione dell’omicidio. 

 

Era accaduto, infatti, che a sparare fosse stato Sempronio e che i due familiari, Tizio e Caio,  pur presenti sul luogo del delitto, avessero solo partecipato alla lite.   

 

In particolare, quanto alla premeditazione, la Difesa aveva contestato come non fosse in alcun modo ricollegabile al delitto la riunione svoltasi qualche ora prima dell’omicidio, atteso che nessun elemento indiziario consentiva di ritenere che in quella sede fosse stato deliberato il delitto. 

 

Il Tribunale del riesame di Reggio Calabria, accoglieva parzialmente le censure difensive, escludendo l’aggravante della premeditazione e riqualificando la condotta in quella di concorso anomalo nel reato, ritenendo che gli indagati, in realtà, avrebbero voluto commettere il reato di violenza aggravata dall'uso delle armi, e che erano però rimproverabili anche dell'omicidio che rappresentava uno sviluppo prevedibile del reato voluto. 

 

L’istituto del concorso anomalo e l’interpretazione giurisprudenziale 

Il concorso anomalo nel reato è disciplinato dall’art. 116 c.p. (Reato diverso da quello voluto da taluno dei concorrenti) il quale così dispone: “Qualora il reato commesso sia diverso da quello voluto da taluno dei concorrenti, anche questi ne risponde, se l’evento è conseguenza della sua azione o omissione. Se il reato commesso è più grave di quello voluto, la pena è diminuita riguardo a chi volle il reato meno grave”. 

 

La Corte Costituzionale, con sentenza 42/1965, ha affermato che il reato diverso e più grave commesso dal concorrente debba poter rappresentarsi alla psiche dell’agente, quale sviluppo prevedibile della realizzazione del reato voluto. La pronuncia è importante perché si è affermata la necessità che sussista il coefficiente della colpevolezza che deve accompagnare l’evento non voluto e, per tale via, rende rimproverabile l’agente anche per il fatto diverso. 

 

La Suprema Corte di Cassazione, Sezione Prima, 28 febbraio 2014,  n. 9770, ha fatto buon governo del predetto principio, laddove ha affermato che il reato diverso deve appunto essere prevedibile in concreto, in ossequio al principio di colpevolezza. 

 

Rilievi critici alla decisione del Tribunale  

Ad avviso della Difesa il Tribunale ha errato nel percorso motivazionale. Da nessun elemento certo, infatti, se ne poteva inferire che gli indagati avessero voluto la commissione del reato di violenza privata aggravata dall’uso delle armi. Tale delitto, infatti, era stato commesso la mattina, non già la sera. Ciò, a ben vedere, rappresenta un errore di diritto, posto che l’art. 116 c.p. presuppone la contiguità temporale tra la volizione del reato non commesso e la realizzazione di quello non voluto da parte del correo.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto penale criminale

Avv. Adele Manno - Catanzaro (CZ)

Avv. Adele Manno

Avvocati / Penale

Via Pugliese 12

88100 - Catanzaro (CZ)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Sovraffollamento carcerario

La Suprema Corte di Cassazione interpreta in maniera favorevole al detenuto il modo per calcolare lo spazio minimo vitale

Continua

Interposizione fittizia e locazione di immobile

Nessun reato commette chi, pur con l’intento di occultare la propria presenza dentro un’attività commerciale, non l’acquista ma ne diventa locatario

Continua

416 bis c.p.: quando è reato?

Le condotte di mera contiguità, come la vicinanza o disponibilità nei riguardi di singoli mafiosi, anche di spicco, non integrano il reato

Continua

Revoca patente guida e art. 7 Corte EDU

Sospetta illegittimità costituzionale della revoca della patente di guida al condannato per reati di stupefacenti

Continua

Stalking: bastano due condotte?

Mano dura della Cassazione: sussiste il concorso tra il reato di stalking e quello di esercizio arbitrario delle proprie ragioni

Continua

Mafiosi e misure di prevenzione: no ad automatismi

Devono essere accertati elementi sintomatici dell'attualità della pericolosità per l'applicazione di misure di prevenzione a condannati per mafia

Continua

Traffico di droga: nessuna confisca

No alla confisca “allargata” se l’associazione è dedita a traffici di sostanza stupefacente di lieve entità, possibile quella ex art. 240 c.p.p.

Continua