Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Assegno di mantenimento al coniuge e figli

Trattamento fiscale dell`assegno corrisposto al coniuge e dell’assegno di mantenimento corrisposto per i figli

Assegno di mantenimento al coniuge e figli - Trattamento fiscale dell`assegno corrisposto al coniuge e dell’assegno di mantenimento corrisposto per i figli

Il Giudice, in sede di sentenza di separazione legale (consensuale e giudiziale), scioglimento e annullamento di matrimonio, può stabilire il riconoscimento di un contributo economico al coniuge e/o ai figli.
 Fiscalmente sono due fattispecie diverse:
l’assegno periodico corrisposto al coniuge è deducibile dal coniuge che lo paga (nel Modello 730 o nel Modello Unico) ai sensi dell’art. 10, comma 1, lettera c del Testo unico delle imposte sui redditi (DPR 917/1986). Sostanzialmente l’importo periodico corrisposto può essere portato in deduzione dal proprio reddito da coniuge che lo corrisponde e sull’importo netto vengono calcolate le imposte sui redditi e le addizionali locali. Il coniuge che lo riceve dovrà indicarlo nella propria dichiarazione dei redditi quale reddito assimilato a quello di lavoro dipendente (art. 50, lettera i Testo unico delle imposte sui redditi (DPR 917/1986);
l’assegno di mantenimento corrisposto per i figli non è deducibile dal reddito in quanto per il genitore che lo paga permangono le detrazioni per i figli a carico.
 
Condizioni per la deducibilità dell’assegno di mantenimento corrisposto al coniuge
Affinché l’importo corrisposto al coniuge possa essere portato in deduzione devono essere rispettate alcune condizioni:
1. esistenza della sentenza di separazione, scioglimento, annullamento di matrimonio o provvedimento degli effetti civili di matrimonio (divorzio);
2.  disposizione del Giudice al pagamento di un assegno periodico (le cifre eventualmente corrisposte una-tantum o volontariamente non sono deducibili dal reddito: è necessaria la periodicità – secondo quanto previsto dalla Risoluzione n. 153 - 11/6/2009 tali somme sono ascrivibili a transazione di pregresse posizioni patrimoniali fra i coniugi). Affinché gli importi corrisposti per adeguamento ISTAT siano deducibili è necessario che le stesse siano state previste dalla sentenza emessa dal Giudice, diversamente in quanto somme corrisposte volontariamente non saranno deducibili (Risoluzione n° 448/E 19/11/2008). Sono deducibili le somme corrisposte, eventualmente anche in unica soluzione a titolo di arretrato, sempre che le stesse siano state incluse nella sentenza. Tutte le somme corrisposte a seguito di accordo privato fra i coniugi (come ad esempio la corresponsione di un importo periodico per il pagamento di rate di mutuo/finanziamento per un bene precedentemente in comune ed assegnato ad uno dei due coniugi non sono deducibili: tali somme devono eventualmente essere incluse nell’assegno di mantenimento;
3. effettivo pagamento degli importi: vige il principio di cassa. L’assegno corrisposto è deducibile nell’anno di effettivo pagamento o concorre alla formazione del reddito del coniuge che lo riceve nell’anno di effettivo incasso. Il criterio di cassa è quindi applicabile anche nel caso di pagamento in ritardo dell’assegno periodico). Per la prova del pagamento sono ammessi tutti i mezzi leciti (assegno, bonifico). Sono valide anche in tale circostanze le norme antiriciclaggio e i limiti per i pagamenti in contanti.

 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Dott.ssa Barbara Minisini - Milano (MI)

DOTT.SSA BARBARA MINISINI

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

VIA SAN GREGORIO 44

20125 - Milano (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Liquidazioni Iva periodiche

Pubblicata la bozza del modello e delle istruzioni per la comunicazione dei dati relativi alle liquidazioni periodiche Iva

Continua

Spese vitto e alloggio dei professionisti

Ecco le novità sui rimborsi delle spese alberghiere e di somministrazione di alimenti e bevande acquistati dal committente

Continua

Lettere d’intento, da ripresentare e no?

L’Agenzia delle Entrate ha approvato il nuovo modello di dichiarazione d’intento con il provvedimento n. 213221 del 2 dicembre 2016

Continua