Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Nullità della notifica via PEC

Fioccano le sentenze di merito sulla nullità delle notifiche via PEC delle cartelle

Nullità della notifica via PEC - Fioccano le sentenze di merito sulla nullità delle notifiche via PEC delle cartelle

Dopo le recenti sentenze della CTP di Savona (sent. 100/2017 e 101/2017), anche la Commissione Tributaria Provinciale di Milano con la sentenza n° 1023/01/17 ha ricordato che la certificazione della firma deve essere attestata dall’estensione “.p7m”.
Non è valida, quindi, la notifica della cartella di pagamento via PEC se avviene tramite messaggio di posta elettronica certificata con il contenuto di un file avente estensione “PDF” anziché “.p7m” che garantisce l’integrità ed immodificabilità del documento trasmesso, nonché la paternità dell’autore che ha effettuato la trasmissione.  
La notifica della cartella può essere eseguita ai sensi dell'art. 26 comma 2 del DPR 602/73 attualmente vigente, con le modalità di cui al DPR 68/2005, a mezzo posta elettronica certificata, in luogo della copia della cartella di pagamento in formato analogico o cartaceo.
I giudici milanesi, esaminando il caso della contestazione formulata dal ricorrente, facendo un esame delle norme specifiche, richiamavano le regole tecniche necessarie per stabilire quando può essere riconosciuta valida una notifica via PEC, come qui di seguito sommariamente indicati:
1)      Il "documento informatico" previsto dall'art. 20 comma 1 del DLgs. 82/2005 e trasmissibile con strumenti telematici conformi alle regole dell'art. 71 dello stesso decreto. Il comma 1-bis dello stesso art. 20 prevede,  che l'idoneità del documento informatico affinchè soddisfi il requisito della forma scritta è liberamente valutabile in giudizio, in relazione alle sue caratteristiche oggettive di qualità, sicurezza, integrità e immodificabilità.
2)      La firma digitale dei documenti informatici, deve essere apposta  ai sensi dell'art. 20, comma 3 del DLgs. 82/2005 che reca le regole tecniche in materia di apposizione, verifica e generazione.
3)     Il formato deve essere con estensione “.p7m” e non “pdf”, giacché quest’ultimo renderebbe l’intera cartella impugnata illegittima. L’estensione “.p7m”, in buona sostanza, costituisce la “busta crittografata” che garantisce l’immodificabilità del documento originale contenuto.

Ad avviso di chi scrive, stante la nullità della notifica via PEC in violazione delle  caratteristiche e  modalità previste della norme sopra richiamate, non può farsi ricorso all’art. 156 c.p.c. (sanatoria per il raggiungimento dello scopo), in quanto l’atto sarebbe affetto da vizio di inesistenza giuridica della notifica e non da vizi di nullità formali.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Dott. Giuseppe Castaldo - Tremestieri Etneo (CT)

Dott. Giuseppe Castaldo

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Via Carnazza 43

95030 - Tremestieri Etneo (CT)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Prescrizione breve per le cartelle esattoriali

La Corte di Cassazione ha finalmente chiarito che vige la prescrizione breve per le cartelle non opposte

Continua