Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza finanziaria e patrimoniale

Il caso ORO ..

Gli investitori europei si stanno precipitando ad acquistare il metallo prezioso in cerca di un “porto sicuro”. Ma è davvero sicuro?

Il caso ORO .. - Gli investitori europei si stanno precipitando ad acquistare il metallo prezioso in cerca di un “porto sicuro”. Ma è davvero sicuro?

Stando a studi recenti, gli investitori europei si stanno precipitando ad acquistare il metallo prezioso in cerca di un “porto sicuro” che li protegga dall’incertezza generata dalle elezioni di quest’anno in Olanda (elezioni della scorsa settimana conclusasi con la vittoria del partito liberale olandese), Francia, Germania e, forse, in Italia. I flussi di fondi in entrata in prodotti quotati legati al prezzo dei lingotti si sono impennati in queste ultime settimane e molti prevedono grandi guadagni grazie a presunti “acquisti basati sulle paure” stando alla crescita dell’8,6% dello scorso anno. Ma prima di precipitarsi è corretto, come sempre d'altronde, fare un po’ di attenzione sulla tematica perché l’oro non è un porto sicuro... e non protegge nemmeno dalla negatività delle azioni, né dall’inflazione.  

NON UN PORTO SICURO 

Per alcuni investitori l’oro è un “porto sicuro”, un rifugio dalla volatilità dei mercati azionari, e molti si lasciano abbindolare, specie nell’attuale contesto di timori euroscettici. Ma sbagliano. Per essere un vero porto sicuro, l’oro probabilmente dovrebbe essere costantemente correlato in modo relativamente negativo alle azioni, registrando rialzi quando le azioni calano e viceversa, oppure meno volatile delle azioni. Niente di tutto ciò è vero per l’oro. 

Guardando infatti al coefficiente di correlazione tra i rendimenti mensili dell’oro e quelli dell’MSCI World da novembre 1973, quando il governo statunitense ha approvato gli scambi liberi dell’oro e creando così un mercato globale completo, vediamo che il coefficiente di correlazione (un coefficiente di correlazione misura statisticamente fino a che punto sono correlate due serie di numeri) tra azioni globali e oro è di 0,1 (un coefficiente di 1 significa che si muovono di pari passo, -1 significa che si muovono in modo del tutto opposto). Non hanno praticamente nessun rapporto, quindi esistono poche prove storiche che l’oro vada bene quando le azioni calano, e viceversa. 

Ad ulteriore conferma, l’oro è crollato insieme ai titoli nel mercato Orso dell'inizio degli anni ‘80 per poi risalire un po’ nel 1987 e nel 1990, o ancora l'oro è sceso durante il primo anno dopo lo scoppio della bolla tecnologica nel 2000. Nel 2008 chi investiva in oro si è trovato sulle montagne russe—il metallo prezioso ha messo insieme risultati positivi pari a circa un calo di quasi il 30%. 

PIÙ VOLATILE DEI TITOLI 

Nemmeno l’idea che il metallo prezioso sia un “porto sicuro”, con una bassa volatilità rispetto alle azioni, supera l’esame. L’oro presenta una maggiore deviazione standard rispetto alle azioni, quindi i suoi rendimenti deviano dalla loro media sul lungo termine più spesso rispetto ai titoli azionari. Ora, in teoria un attivo più volatile dovrebbe compensarvi con rendimenti più elevati, invece i rendimenti annui delle azioni superano di gran lunga quelli dell’oro. Da novembre 1973 l’indice MSCI World presenta rendimenti annui del 9.5%. E l’oro? 6,1%. Il metallo prezioso inoltre registra rendimenti positivi molto meno spesso rispetto alle azioni globali. Se è davvero un attivo stabile, un porto sicuro, allora perché il suo prezzo crolla più spesso rispetto a quello delle azioni su un periodo di tempo significativo? Perché è più volatile? Non ci pare che si tratti un porto veramente efficiente. 

Ricordiamo infine che tutti i rendimenti dell’oro sono misurati in USD perché in generale le materie prime sono scambiate e definite in dollari statunitensi ... quando "preso dalla paura" l'investitore sceglie l'oro come forma di investimento, valuta anche sempre sempre l'aspetto valutario?

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza finanziaria e patrimoniale

Dott. Andrea Curti - Torino (TO)

DOTT. ANDREA CURTI

Consulenti Finanziari / Promozione Finanziaria e Patrimoniale

VIA PIETRO MICCA 20

10121 - Torino (TO)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Banche U.S.A. vs banche europee

Scenario di confronto tra banche U.S.A. e UE

Continua

Virtuosismi asiatici di lungo periodo

Le potenzialità dei mercati azionari asiatici focalizzandoci in particolar modo sull'India

Continua

I piani individuali di risparmio

Cosa sono e quali agevolazioni hanno i piani individuali di risparmio

Continua

La voluntary disclosure II

Riaperti i termini per regolarizzarsi con il Fisco in merito a beni e attività non dichiarati e detenuti all’estero

Continua