Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto di famiglia

Risarcimento del danno da fatto illecito

Quali sono i criteri con cui il legislatore attribuisce l'obbligo del risarcimento?

Risarcimento del danno da fatto illecito - Quali sono i criteri con cui il legislatore attribuisce l'obbligo del risarcimento?

Premessa – Nel trattare la non facile materia del risarcimento dei danni da fatto illecito, ci è sembrato, più facile per noi e più utile per il lettore, procedere con brevi “noterelle”, in cui, partendo da una caso concreto, passiamo a fare brevi osservazioni (si spera utili a chi ci legge). 

 

Prima noterella - Rossi alla guida della sua autovettura investe quella del ragionier Bianchi e la rende un rottame. Un bene componente la ricchezza nazione é andato perduto e occorre ricostituirlo spendendo, ahimé, dei soldi, metti, diecimila euro.  

 

Prima domanda: questi soldi dovranno uscir fuori dal portafoglio dell'investitore Rossi o da quello dell'investito Bianchi?  

Risposta, che tutti, nel caso, sapremmo dare: ad essere salassato dovrà essere il portafoglio di Rossi, il quale, presi diecimila euro, li dovrà passare a Bianchi - così che di conseguenza il patrimonio di Rossi subirà una contrazione ( più o meno dolorosa) mentre quello di Bianchi, (non aumenterà certo, ma almeno) sarà riportato al livello ante-incidente.  

 

Seconda domanda: perché il legislatore trasferisce il danno subito da Bianchi su Rossi?  

Risposta: per due motivi.  

Primo motivo: perché su Rossi grava il sospetto (e molte volte la prova) di aver causato l'incidente tenendo un comportamento colposo, metti, caratterizzato da imprudenza. Imprudenza che non solo lo qualifica, come cattivo guidatore, ma lo fa anche presumere come cattivo amministratore del suo patrimonio (patrimonio che, non solo lui, ma anche la Società ha interesse sia ben gestito: meno bene Rossi coltiva il suo campicello, meno verdura e frutta arriva sul mercato e meno verdura e frutta la popolazione ha da mangiare la gente). Eccessiva tale presunzione? Forse. Ma lo Stato, in materia di risarcimento di danno derivante da fatto illecito, é assai severo; gli antichi giureconsulti dicevano “In lege aquilia et levissima culpa venit”. E ne vedremo in seguito il perché. Ora lo Stato, dovendo necessariamente prodursi la diminuzione di un patrimonio (quello di Bianchi o quello di Rossi), quale sarà il patrimonio che avrà interesse a veder diminuito (a preferenza dell'altro)? Ovviamente quello di Bianchi su cui grava il sospetto di essere un cattivo amministratore, e non quello di Bianchi che (così si spera fino a prova contraria!) é un buon amministratore. 

 

Secondo motivo (per cui Lo stato trasferisce il danno dall'investito all'investitore): perché così facendo é come se mandasse un messaggio a tutti coloro che sarebbero tentati di comportarsi negligentemente o imprudentemente alla guida della loro auto: “Attenti, essere negligenti o imprudenti, vi può costare caro, come é costato caro a Rossi”. E tale messaggio, così si spera, avrà l'effetto di diminuire gli incidenti stradali e quindi la distruzione di beni costituenti la ricchezza nazionale.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto di famiglia

Studio Legale Avvocato Sanguineti - Arezzo (AR)

STUDIO LEGALE AVVOCATO SANGUINETI

Avvocati / Civile

VIA BENVENUTO CELLINI 7

52100 - Arezzo (AR)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Concorso della vittima nella causazione del danno

Perché il legislatore riduce il risarcimento del danno in caso di concorso della vittima nella sua causazione

Continua

Concorso di più persone nella causazione del danno

A chi attribuisce il legislatore l'obbligo del risarcimento nel caso che più persone abbiano causato il danno?

Continua

L'accettazione tacita dell'eredità

Vi é accettazione tacita tutte le volte che il chiamato all'eredità compie un atto che potrebbe compiere solo nella qualità di erede (terza intervista)

Continua

Quali forme deve assumere l’accettazione dell'eredità

Una volta accettata l’eredità, ecco cosa sapere sulla forma dell’accettazione

Continua

L'Accettazione dell'eredità

Si diventa eredi automaticamente? Cosa succede se si rinuncia all'eredità? E quando è possibile farlo? Ecco ciò che si deve sapere sull'argomento

Continua