Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Responsabilità civile

La negoziazione assistita

Negoziazione assistita in materia di separazione e divorzio

La negoziazione assistita - Negoziazione assistita in materia di separazione e divorzio

L'istituto della negoziazione assistita ha trovato ingresso nell'ordinamento giuridico italiano con il d.l. n. 132/2014, convertito nella l. n. 162/2014. 

La procedura di negoziazione assistita costituisce un'alternativa stragiudiziale all'ordinaria risoluzione dei conflitti. 

La negoziazione assistita consiste nell'accordo redatto, a pena di nullità, in forma scritta, tramite il quale le parti, con l'assistenza dei propri avvocati, convengono di cooperare in buona fede e lealtà al fine di risolvere in via amichevole una controversia. 

A norma dell'art. 2 del d.l. n. 132/2014, deve contenere sia il termine concordato dalle parti per l'espletamento della procedura, che non può essere inferiore a un mese e superiore a tre (salvo proroga di 30 giorni su richiesta concorde delle parti), sia l'oggetto della controversia, che non può riguardare nè i diritti indisponibili nè materia di lavoro. 

Accanto alla negoziazione facoltativa, il legislatore ha previsto anche l'ipotesi di negoziazione assistita obbligatoria per le azioni riguardanti il risarcimento del danno da circolazione di veicoli e natanti e per le domande di pagamento a qualsiasi titolo di somme, purchè non eccedenti 50.000 euro e non riguardanti controversie assoggettate alla disciplina della c.d. "mediazione obbligatoria"

Nei suddetti casi, l'esperimento di negoziazione assistita costituisce condizione di procedibilità della domanda giudiziale. 

L'art. 6 del II capo del decreto giustizia è dedicato alla particolare ipotesi di negoziazione assistita in materia di separazione e divorzio. 

La disciplina, profondamente modificata con la legge di conversione n. 132/2014, prevede che tramite la convenzione di negoziazione assistita i coniugi possano raggiungere una soluzione consensuale di separazione personale, di cessazione degli effetti civili o di scioglimento del matrimonio, nonchè di modifica delle condizioni di separazione o divorzio precedentemente stabilite. 

Premesso che in materia familiare non vi è l'obbligo di negoziare ma vi è solo una mera facoltà, il procedimento viene avviato con il conferimento del mandato all'avvocato, il quale è tenuto ad informare il proprio assistito della possibilità di ricorrere alla negoziazione assistita. 

Una volta scelta la negoziazione assistita l'avvocato formulerà, per iscritto, l'invito a comparire all'altro coniuge, comunicando la volontà del proprio assistito di addivenire ad una risoluzione negoziata della controversia. 

L'invito deve contenere: 1) l'oggetto della controversia; 2) l'avvertimento che la mancata risposta ovvero il rifiuto ad accedere alla negoziazione assistita entro 30 giorni dalla ricezione dell'invito, può essere valutato dal giudice ai fini delle spese di giudizio e di quanto previsto dagli artt. 96 e 642 c.p.c. L'invito, al pari del mancato accordo, deve includere la certificazione dell'autografia delle firme apposte a cura degli avvocati incaricati. 

Una volta confermata la volontà di entrambi i coniugi di avvalersi della nuova procedura, gli avvocati scelti tenteranno la conciliazione e ne daranno atto nel verbale. 

Pertanto, una volta redatto l'accordo, gli avvocati si potranno trovare difronte alla presenza o meno di figli minorenni ovvero maggiorenni ma incapaci o economicamente non autosufficienti. 

Nel caso di assenza di figli, l'accordo raggiunto a seguito di convenzione di negoziazione assistita è sottoposta al vaglio del Procuratore della Repubblica presso il Tribunale competente, il quale, se non ravvisa irregolarità comunica il nullaosta agli avvocati; in caso contrario, non concede il nullaosta e le parti potranno rinegoziare l'accordo ovvero procedere in via giudiziale. 

Nel secondo caso in cui, invece, vi siano figli minori o maggiorenni, incapaci, portatori di handicap grave o economicamente non autosufficienti, il pm, cui va trasmesso l'accordo concluso entro 10 giorni, lo autorizza solo se lo stesso è rispondente all'interesse dei figli. 

Qualora, al contrario, il procuratore ritenga che l'accordo non corrisponda agli interessi della prole, lo trasmette, entro 5 giorni, al Presidente del Tribunale, il quale, analizzato l'accordo, nel termine massimo di 30 giorni, potrà o omologarlo, non tenendo conto delle osservazioni del pm oppure disporre la comparizione delle parti, provvedendo senza ritardo. 

L'accordo, una volta autorizzato, è equiparato ai provvedimenti giudiziali che definiscono gli analoghi procedimenti in materia. 

Dopo la sottoscrizione della convenzione di negoziazione, il legale della parte ha l'obbligo di trasmettere copia autentica munita delle relative certificazioni, entro 10 giorni, a pena di sanzione amministrativa pecuniaria da 2.000 a 10.000 euro, all'ufficiale dello stato civile del Comune in cui il matrimonio è stato iscritto o trascritto per tutti gli adempimenti successivi necessari.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Responsabilità civile

Studio Legale Avv. Sabrina Di Ianni - Castel di Sangro (AQ)

Studio Legale Avv. Sabrina Di Ianni

Avvocati / Civile

Via Cavalieri Di Malta, 2

67031 - Castel di Sangro (AQ)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

La figura dell'amministratore di condominio

Se il condominio è costituito da più di otto condomini è obbligatoria la nomina di un amministratore

Continua

Separazione e divorzio

La riconciliazione tra i coniugi e il ripristino del regime di comunione precedentemente adottato

Continua

Amministrazione di sostegno

Serve per affiancare un soggetto che si trovi nell'impossibilità, parziale o temporanea, di far fronte al soddisfacimento dei propri interessi

Continua

Consenso informato: responsabilità medica

Il medico deve fornire al paziente tutte le informazioni riguardanti le terapie o l'intervento chirurgico, salvo i rischi imprevedibili

Continua

Esecuzione immobiliare

Equitalia: limiti all'espropriazione immobiliare

Continua

Sospensione della patente

Guida in stato di ebbrezza o sotto l'effetto di sostanze stupefacenti. Ricorso al Giudice di Pace

Continua