Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza psicologica

Disturbi del desiderio: non è repressione

Liberati dalle colpevolizzazioni morali legate al sesso, l’uomo e la donna di oggi lamentano spesso una vita sessuale insoddisfacente

Disturbi del desiderio: non è repressione - Liberati dalle colpevolizzazioni morali legate al sesso, l’uomo e la donna di oggi lamentano spesso una vita sessuale insoddisfacente


Il diritto al piacere
Anni ’60 e ’70: gli anni della liberazione sessuale. Gli anni della rivendicazione del diritto al piacere. Si pensava che la possibilità e la capacità di godere fosse una questione di morale e di valori; restrizioni che una volta rimosse avrebbero permesso la pienezza del piacere e del godimento sessuale.
 La questione, però, è forse piu’ profonda e va “aldilà” delle limitazioni imposte dalla morale, dai valori e dall’ideale del soggetto.

I disturbi del desiderio della sfera sessuale
Infatti la realtà contemporanea ci mostra come la vita sessuale nonostante sia stata liberata da questi condizionamenti risulti comunque complessa e talvolta problematica.
I disturbi del desiderio lo dimostrano. Assenza di desiderio, o all’opposto, sessualità compulsiva, dipendenza sessuale - sex-addiction -; fenomeni nei quali la “meccanica” sessuale non presenta difficoltà funzionali. In essi si osserva piuttosto un rapporto critico del soggetto con il desiderio: carente o assente, oppure, eccedente, oscurato da una spasmodica coazione.

La questione del limite
La psicanalisi indica nel Super-Io - quell’istanza normativa e di interdizione della vita pulsionale che si sviluppa nella prima infanzia - il responsabile della limitazione al godimento e al desiderio. Una interpretazione frettolosa del pensiero di Freud ha portato a ritenere che fosse sufficiente abbattere il Super-Io per liberare il desiderio e liberare l’uomo dal giogo del limite, raggiungendo così il piu’ totale godimento.

Lacan lo spiega chiaramente: la questione del limite è propria della condizione umana. La castrazione – operazione di livello simbolico - altro nome di questa condizione - è fattore strutturale del “parlessere” - neologismo coniato da Lacan con il quale viene definito l’essere umano come soggetto regolato e al tempo stesso limitato, castrato, ad opera del linguaggio -.

La legge della castrazione e del linguaggio
Lacan spiega come la vera legge non sia quella dei valori morali, o dell’ideale, ma la legge  della castrazione simbolica. Fenomeno strutturale per l’essere umano, in quanto essere vivente dotato di  linguaggio.
L’uomo è introdotto attraverso il linguaggio nell’esistenza e attraverso questa operazione egli si distacca dalla propria componente istintuale, animale. Quella condizione nella quale potremmo dire che istinto e desiderio sono una cosa sola. Affermazione impropria perché  il desiderio è manifestazione prettamente umana e nasce proprio dal fatto che il “parlessere” – attraverso il linguaggio acquisisce lo statuto di soggetto desiderante perdendo quel rapporto diretto con il proprio vivente istintuale.

Inibizione o trasgressione del desiderio sessuale
I disturbi del desiderio sessuale, nei due estremi di assenza e di eccesso, chiamano in causa diversi fattori; sia quelli concernenti la relazione di coppia, sia quelli che rimandano alla storia ed alle esperienze del singolo individuo.

Tuttavia i disturbi del desiderio sessuale interrogano il rapporto del soggetto con il limite, sia quando il desiderio viene preservato, come nel caso della sua assenza,  sia quando esso viene dilapidato, come nel caso in cui il desiderio svanisce nell’eccesso compulsivo.

In entrambi i casi non si tratta, al fondo della questione, né di una risposta di inibizione, nè, all’opposto, di ribellione rispetto all’azione comunque limitante, operata dai valori morali,  religiosi, o dall’ideale. Si tratta, invece, della risposta inibita o trasgressiva nei confronti dell’effetto di castrazione operato dal linguaggio. Effetto strutturale.

Ed è con questo effetto strutturale che occorre fare i conti e trovare le soluzioni.
 

 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza psicologica

Dr. Mario Tintori Psicologo Psicoterapeuta Sessuologo - Bergamo (BG)

DR. MARIO TINTORI PSICOLOGO PSICOTERAPEUTA SESSUOLOGO

Psicologi e Psichiatri / Psicologi

VIA GIOVANNI FINAZZI 20

24127 - Bergamo (BG)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Madre - figlia: una storia mai finita

Nella relazione madre - figlia l'ammirazione si coniuga con la recriminazione. Alla sua radice c'è una domanda impossibile

Continua

Il cibo, il corpo e l’Altro

Nei disturbi alimentari - anoressia, bulimia, obesità - il cibo ed il corpo entrano in un rapporto conflittuale caratterizzato da compulsione e rifiuto

Continua