Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto tributario

Inesistente la notifica postale AR della cartella

Commento a Sentenza della C.T.P. di Bari - Sezione 7 - N°4457 depositata il 22/12/2016

Inesistente la notifica postale AR della cartella - Commento a Sentenza della C.T.P. di Bari - Sezione 7 - N°4457 depositata il 22/12/2016

In accoglimento del ricorso introduttivo è dichiarato inesistente il procedimento notificatorio della cartella di pagamento opposta poiché notificata in deroga a quanto previsto dall’art.26 del DPR n°602/1973. E’ quanto ha disposto la Commissione Tributaria Provinciale  di BariSezione 7  - in concomitanza della  Sentenza N°4457/2016 depositata il 22/12/2016. Si tratta di una pronuncia che nella casistica in esame a dispetto di una giurisprudenza di Cassazione univoca sul punto,  ha accolto in toto l’unico motivo di ricorso eccepito dal ricorrente  avverso una cartella di pagamento emessa e notificata da Equitalia SPA mediante spedizione postale con raccomandata a.r.. La notifica delle cartelle esattoriali effettuata direttamente dall’Agente della riscossione con raccomandata a.r. è una questione su cui si è ampiamente dibattuto avendo la problematica in esame destato l’attenzione della stessa Corte di Cassazione che in una serie di pronunce ha costantemente disposto e successivamente ribadito la piena legittimità delle notificazione della cartelle di pagamento effettuata direttamente dall’agente della riscossione mediante semplice raccomandata a.r.  e senza l’ausilio di soggetti cosiddetti “abilitati”. Ma, a dispetto di un orientamento costante assunto dagli Ermellini sulla questione,  tutt’altro che condivisibile, sono tuttavia frequenti le pronunce delle Commissioni tributarie in concomitanza delle quali i giudici di merito prendendo atto del più volte richiamato art.26 del DPR n°602/73  non hanno esitato a disporre l’inesistenza giuridica del procedimento notificatorio avente ad oggetto la cartella di pagamento, allorquando, la notifica del titolo esecutivo sia stata effettuata direttamente dall’agente della riscossione mediante  semplice spedizione postale  con raccomandata a.r. e senza l’impiego di uno dei soggetti abilitati espressamente richiamati dallo stesso  art.26 comma 1 del DPR n°602/1973. 

  

I termini della questione. Art.26 comma 1 D.P.R. 602/1973: 

I Giudici tributari baresi in concomitanza della pronuncia in commento uniformandosi ad una giurisprudenza di merito minoritaria ma comunque esistente (CTR Lazio, Sen…..CTP Campobasso, Sen…)  non hanno  esitato a delegittimare la notificazione della cartella di pagamento effettuata direttamente dall’agente della riscossione mediante spedizione postale con raccomandata a.r.. In particolare, il Collegio tributario adito nel caso di specie ha giustificato l’’accoglimento dell’unico motivo di ricorso evidenziando in sede di giudicato  due aspetti fondamentali imprescindibili ma comunque puntualmente disattesi dai Giudici della Corte di Cassazione che diversamente in tutte le pronunce hanno sempre ritenuto regolare la notificazione del titolo esecutivo effettuata direttamente da Equitalia SpA con raccomandata a .r.   

In primo luogo, non può essere disatteso l’excursus storico a cui è stato sottoposto il più volte richiamato art.26 del DPR n°602/1973. In particolare, la previgente versione dell’art.26 comma 1 nella sua vecchia formulazione disponeva testualmente:”la notifica può essere eseguita anche mediante invio…..omissis” seguivano testuali parole: da parte dell’esattore di lettera raccomandata con avviso di ricevimento”

A seguito dell’entrata in vigore del D.lgs.n°46/1999, l’art.12 del ridetto Decreto ha soppresso le parole:da parte dell’esattore dalla previgente versione testuale dell’art.26 comma 1 DPR n°602/1972. 

 La modifica apportata all’art.26 appena evidenziata sottende un  intento chiaro e  inequivocabilmente  del legislatore; ossia, l’intento di “limitare”  la notifica a mezzo posta della cartella di pagamento previo necessario  ausilio di uno dei soggetti abilitati espressamente richiamati dalla normativa di riferimento; con la conseguenza di precludere al concessionario procedente la possibilità di notificazione “diretta” del titolo esecutivo mediante spedizione postale con raccomandata a.r.- 

Del resto, una delle ragioni che hanno indotto il legislatore dopo la modifica del 1999 a richiedere necessariamente “l’ausilio” di soggetti appositamente abilitati alla notificazione della cartella esattoriale è facilmente intuibile in considerazione  della valenza attribuibile ad un atto quale la cartella di pagamento quale   titolo esecutivo con cui ha inizio il procedimento di riscossione coattiva attraverso il quale l’agente della riscossione cerca di assicurarsi la solvibilità del credito per cui si procede. 

La seconda motivazione che ha  portato i Giudici tributari pugliesi a precludere la possibilità di notifica diretta da parte dell’agente della riscossione rinviene dall’applicazione letterale dell’art.14 della L.20 novembre 1982, n°890 in cui non a caso è espressamente  disposta la possibilità di notificazione degli avvisi e degli altri atti che per legge devono essere notificati al contribuente previo impiego di plico sigillato a mezzo posta direttamente da parte degli uffici finanziari, escludendo la norma in questione la possibilità di notificazione diretta da parte dell’agente della riscossione. 

La pronuncia dei giudici tributari di prime cure merita di essere segnalata anche in considerazione del richiamo puntuale ed analitico  fatto  con riferimento ai diversi orientamenti giurisprudenziali riconducibili  sia ai Giudici di merito sia alla stessa Corte di Cassazione che sulla questione ha assunto una posizione intransigente  e nettamente contrapposta a quella palesata da diverse commissioni tributarie. 

In particolare, molteplici  sono le sentenze depositate sia in primo grado che in sede di appello che escludono la  notifica diretta da parte del concessionario dei i propri atti  effettuata mediante raccomandata a.r.; pena, l’ inesistenza giuridica della notifica (in tal senso, CTP Lecce, Sen. 909/2009; CTP Lombardia, Sen.141/2009;CTP Campobasso, Sen. N°104/2011; CTP Campobasso Sen. N°10/2014). 

Più complessa appare invece la situazione con riferimento alle pronunce depositate dai Giudici di legittimità i qual hanno manifestato una propensione prevalente per non dire uniforme nel considerare legittima la notifica diretta da parte del concessionario della riscossione (in tal senso, Sen.14327/2009; Ord.15498/2010; Sen.2288/2011; Sen. 11708/2011; Sen. 25128/2013; Ord. 2016 ; Ord. 2016). 

Considerazioni Conclusive: 

Le ragioni sopra esposte richiamate in modo puntuale ed analitico dai Giudici tributari pugliesi a dispetto di una Giurisprudenza di legittimità  poco attenta al dato letterale  porta  a propendere per l’impossibilità da parte dell’agente della riscossione a notificare direttamente la cartella di pagamento mediante spedizione postale con raccomandata a.r. senza l’ausilio di uno dei soggetti espressamente abilitati dalla legge; implicando ciò inevitabilmente l’inesistenza giuridica della notifica stessa avente ad oggetto il titolo esecutivo. 

In altre parole, è da escludere che gli agenti della riscossione possano notificare direttamente i propri atti mediante raccomandata a.r. con avviso di ricevimento. Tale facoltà, invero, è attribuita unicamente agli organi espressamente preposti per legge o per convenzione alle operazioni di notificazione della cartella esattoriale secondo quanto letteralmente disposto dal più volte richiamato art. 26, comma 1 DPR n°602/1973 (ufficiale giudiziario, messo notificatore nominato dal concessionario, agente della polizia municipale) che non può non essere letto in stretta “correlazione” con l’art.14, comma 1 della L.n°890/82. 

Tuttavia, è questo un dato (letterale) che stranamente sembra sfuggire ai Giudici di legittimità forse più preoccupati delle conseguenze in termini di gettito che inevitabilmente  implicherebbe l’assunzione di un orientamento giurisprudenziale favorevole alla inesistenza giuridica della notificazione della cartella di pagamento in caso di notifica diretta mediante raccomandata a .r. effettuata  dal  concessionario nazionale. 

 Avv. Giuseppe DURANTE 

Avvocato Tributarista – Esperto di Fiscalità Locale e Contenzioso Tributario - Pubblicista 

  

  

  

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto tributario

Studio Legale Tributario Avv. Giuseppe Durante - Bari (BA)

Studio Legale Tributario Avv. Giuseppe Durante

Avvocati / Civile

VIA GIULIO PETRONI 25/5

70124 - Bari (BA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Pagano la Tarsu i parcheggi dei supermercati

Le aree scoperte adibite a parcheggio del Centro commerciale pagano la TARSU. Lo ha ha disposto la Corte di CASSAZIONE nella SEN. 18500 del 26/7/2017

Continua

I poteri delle commissioni tributarie

La Cassazione ha assunto in passato l’orientamento secondo cui il processo tributario era da considerare “misto" ossia inquisitorio e dispositivo

Continua

Il giudizio di ottemperanza e processo tributario

L’Istituto del giudizio di ottemperanza rappresenta senza dubbio uno degli istituti più interessanti previsti dal D.lgs.n°546/1992

Continua

Il ricorso introduttivo. Elementi essenziali

Il processo tributario, come le altre giurisdizioni soggiace al principio generale secondo cui “non si ha giurisdizione senza azione”

Continua

Gli atti impugnabili in commissione tributaria

Il processo tributario è un giudizio di impugnazione che in quanto tale implica un impulso di parte a seguito di un interesse ad agire

Continua

Accertamento TARSU e obbligo della motivazione

E' quanto ha disposto la Commissione Tributaria Provinciale di Bari- Sezione 2 in concomitanza della SENTENZA N°1963 depositata l'11 luglio 2017

Continua

Gli istituti deflattivi del contenzioso tributario

Strumenti utili al fine di diminuire i procedimenti iscritti in Commissione tributaria?

Continua

L' avviso di ricevimento postale fa fede

E’ quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione a SEZIONI UNITE in concomitanza della Sentenza N°13452 del 29 maggio 2017.

Continua

Il giudice tributario decide sul pignoramento

E quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione a SEZIONI UNITE in concomitanza della Sentenza N°13913 del 05 giugno 2017

Continua

Gli “F3” in costruzione pagano l'IMU come area

E’ quanto ha disposto la Corte di Cassazione in concomitanza della sentenza N°11694 dell’11 maggio 2017 in materia d’ICI/IMU

Continua

Paga l'ICI/IMU chi coadiuva i coltivatori diretti

E’ quanto ha disposto la Corte di Cassazione in concomitanza dell’Ordinanza n°11979 del 12 maggio 2017 in materia di agevolazioni ICI/IMU

Continua

Dal 1° luglio al via a Equi-Entrate riscossione

Tra i provvedimenti del Decreto Legge n°193 del 22/10/2016 vi è la disposizione che prevede la soppressione di Equitalia SPA per i tributi locali

Continua

Cartella esattoriale e prova della notifica

Grava sul concessionario della riscossione l’onere di provare l'avvenuta notifica della cartella di pagamento posta a base della iscrizione di ipoteca

Continua

La compensazione delle spese deve essere motivata

E’ quanto ha disposto dalla Suprema Corte di Cassazione Civ. 5 con la Sentenza 31 maggio 2016, n°11217 sulle spese di giudizio compensate

Continua

Cumulabili cali naturali e cali tecnici

E’ quanto hanno disposto i Giudici di Legittimità con Ordinanza N°19150 del 28/09/2016 depositata il 28/09/2016. Spetta la concessione dell'abbuono

Continua

No esenzione ICI per immobili della Santa sede

E’ quanto disposto dalla Suprema Corte di Cassazione nel Ordinanza 17/06/2016, n°14667 in materia di esenzione ICI per gli Immobili della Santa Sede

Continua

Nullo l'avviso di accertamento ICI non motivato

Nel procedimento tributario la motivazione dell’avviso di accertamento è garanzia dell'esercizio del diritto di difesa del contribuente

Continua

Consorzi di bonifica e la prova del beneficio

Spetta al Consorzio di Bonifica la prova contraria ex art.2697 comma 2 c.c. sulla sussistenza del beneficio specifico e diretto pro terreno agricolo

Continua

Obbligo della mediazione per i tributi locali

Si tratta di una delle novità ultime introdotte con i Decreti attuativi in materia di contenzioso tributario in chiave prevalentemente deflattiva

Continua

Motivazione e principio di soccombenza processuale

Il presente articolo focalizza gli aspetti tecnici e procedurali riconducibili all'art.15, comma 2 del D.lgs.n°546/1992 da recepire in sentenza.

Continua

É necessaria una riforma del Processo Tributario

Il presente articolo focalizza alcune modifiche urgenti da cui la Giurisdizione tributaria non può più prescindere

Continua