Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza psicologica

La rabbia cosa fare per gestirla

La rabbia è un'emozione a cui viene spesso data una connotazione negativa ma in realtà conoscerla rivelerà delle informazioni positive.

La rabbia cosa fare per gestirla - La rabbia è un'emozione a cui viene spesso data una connotazione negativa ma in realtà conoscerla rivelerà delle informazioni positive.

La rabbia cosa fare per gestirla. 

La rabbia è una delle emozioni primarie è innata e si manifesta fin dai primi mesi di vita. Si tratta di un’emozione importante anche se gode di “brutta fama”, spesso è associata all’aggressività e alla violenza. E’ un’emozione che deriva dall’istinto di difendersi e ha una funzione adattiva (serve sia per difendersi sia per attivare l’energia necessaria per trovare nuove soluzioni per superare gli ostacoli), coinvolge tutto l’organismo provocando cambiamenti sia nel corpo: rossore, tensione muscolare, calore ecc. sia nella mente modificando lo stato d’animo e i pensieri. 

I motivi per arrabbiarsi sono molteplici: quando pensiamo di aver subito un torto o un danno, quando ci sentiamo costretti in una situazione, quando ci mancano di rispetto ecc., in tutte queste situazioni spesso si desidera trovare un “responsabile” e se non lo si trova la rabbia viene rivolta verso se stessi. Questo meccanismo serve per rivolgere la rabbia verso qualcuno o qualcosa, arrivando purtroppo anche alle situazioni limite in cui vengono rotti oggetti o lanciati contro qualcuno. In questi casi estremi, si parla di rabbia disadattiva perché dannosa per sé e per gli altri. Quando ci si arrabbia ci si confronta con la realtà, si nota e si fa i conti tra la realtà che desideravamo e quella che invece si  presenta (esempio: pensavo che i miei colleghi mi avrebbero sostenuto ed invece mi hanno girato le spalle). 

Un aiuto può essere pensare alla rabbia come segnale d’allarme che ci avvisa che qualche nostro bisogno non è stato soddisfatto o sufficientemente preso in considerazione. La rabbia non va repressa ma neanche agita, meglio convogliare le forze per trovare alternative che soddisfino ciò di cui abbiamo bisogno. 

Come affrontare la rabbia? Cosa fare per gestirla positivamente? 

Alcuni spunti: 

1) Quando è possibile prendere del tempo per calmarsi, uscire dalla stanza, non rispondere subito alle email, tergiversare... 

2) Ascoltare il proprio respiro ed espirare lentamente 

3) Verbalizzare che si è arrabbiati. 

4) Spostare l’attenzione per qualche secondo notando e contando gli oggetti che abbiamo intorno 

5) Abituarsi a prendere in considerazione i primi segnali di allarme che ci indicano che ci stiamo arrabbiando per individuare quali bisogni personali dobbiamo ascoltare 

6) Cercare di avere chiarezza su ciò che ha stimolato la nostra rabbia senza aggiungere giudizi 

7) Notare quale pensiero stia alimentando la rabbia, quale aspettativa è stata delusa 

8) Prova a chiederti: posso cambiare qualcosa in questa situazione? SI fallo!! No accetta la realtà 

9) Puoi scegliere di agire la rabbia (imprecando rompendo oggetti ecc.) oppure di trosformarla in qualcosa di utile per Te 

10) Trovare i vantaggi connessi che possono derivare da una buona gestione o trasformazione della propria rabbia 

Come sempre non esistono formule magiche ma spunti che ognuno deciderà quando e quanto poterli sperimentare. 

Quando la rabbia diventa eccessiva (disadattiva) e intralcia la vita e le relazioni con gli altri può essere utile consultarsi con un/una psicoterapeuta per comprendere qualcosa in più di se stessi e per imparare a trasformare la rabbia in qualcosa di utile, evitando di sentirsi impotenti o con i sensi di colpa per aver reagito. 

Dott.ssa Carmen Scantamburlo

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza psicologica

Dott.ssa Scantamburlo Carmen - Milano (MI)

Dott.ssa Scantamburlo Carmen

Psicologi e Psichiatri / Psicologi

Via L. Settala 59 Scala C

20124 - Milano (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

E.M.D.R che cos’è e come funziona

E.M.D.R. significa desensibilizzazione ed elaborazione dei traumi attraverso i movimenti oculari

Continua

L'insoddisfazione cronica. Quando preoccuparsi?

Capita a tutti di avere momenti di insoddisfazione nella vita per vari motivi: qualità di vita migliore, più soddisfazione, un lavoro diverso ecc...

Continua

Attacco di panico, come si cura

Un metodo efficace è l’utilizzo dell’E.M.D.R. (elaborazione e desensibilizzazione attraverso i movimenti oculari)

Continua

Cosa sono e come funzionano i gruppi d'incontro?

"On Becoming a Person": conoscere se stessi e crescita personale attraverso gli altri

Continua

L’arte del saper ascoltare

E' particolarmente importante saper ascoltare per avviare e condurre una comunicazione efficace. Spesso questa importanza viene sottovalutata.

Continua