Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza finanziaria e patrimoniale

Busta Arancione!!

Un simulatore della vostra Pensione! Quanto prenderò di Pensione? Quando andrò in Pensione?

Busta Arancione!! - Un simulatore della vostra Pensione! 
Quanto prenderò di Pensione? Quando andrò in Pensione?

Avrete sicuramente sentito parlare della Busta Arancione inviata già dall'anno scorso dall'INPS A CIRCA 7.000.000 di lavoratori. Tranquilli, in quanto non vi sarà nessuna imposta da pagare, anzi una vera e propria azione di cultura finanziaria da parte dell'INPS.
In sostanza cosa contiene questa busta? Contiene 3 dati fondamentali che saranno utili a verificare:
- quando presumibilmente (a normativa Vigente) si andrà in pensione;
- quale sarà l'importo stimato della pensione;
- quale sarà il tasso di sostituzione, cioè il rapporto che sussiste tra l'ultimo stipendio e l'effettiva pensione percepita.
Facciamo un esempio: se il mio ultimo stipendio prima di andare in pensione sarà di 1500€ e il tasso di sostituzione è del 50% la mia pensione sarà di 750€.
Ritornando al punto 2, sull'indicazione nella busta arancione dell'importo stimato della pensione, esso è ipotizzato su un'ipotesi di crescita sostenuta del PIL del paese cosa che in questo momento non abbiamo, quindi è un dato da prendere con le pinze. Quindi se le condizioni di crescita del nostro paese non migliorano quel dato è da rivedere sicuramente al ribasso.
Altro elemento fondamentale e su cui bisogna fare una differenza è tra l'essere libero professionista o imprenditore, oppure essere un lavoratore dipendente.
Il tasso di sostituzione che abbiamo citato prima cambia e di molto. Se siamo liberi professionisti ed entriamo adesso nel mondo del lavoro (se non cambia nulla) esso si attesterà intorno al 35-40%, per il lavoratore dipendente invece (che entra adesso nel mondo del lavoro) lo stesso potrà essere tra il 40-70%.
Quindi Tutte le categorie di lavoratori, devono guardare, orientarsi verso strumenti alternativi che possano nel tempo costriursi una pensione complementare a quella che darà lo Stato, dato che si hanno nell'immediato enormi benefici fiscali attraverso l'utilizzo di strumenti di "previdenza complementare", benefici che oggi possono essere quantificati in massimo stabilito dalla legge in 5164,57€ annui.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Consulenza finanziaria e patrimoniale

Dott. Cincotta Antonello Consulente Finanziario - Messina (ME)

DOTT. CINCOTTA ANTONELLO CONSULENTE FINANZIARIO

Consulenti Finanziari / Promozione Finanziaria e Patrimoniale

VIA CANNIZZARO

98100 - Messina (ME)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Pensione di reversibilità, alla seconda moglie?

Molti più divorzi negli ultimi anni, ma anche più secondi matrimoni. Cosa succede alla pensione di reversibilità in questi casi?

Continua

Coppie conviventi, come tutelarsi

Per il diritto successorio le coppie conviventi sono degli estranei

Continua

I Costi del Conto Corrente

Tenere sott'occhio i costi del conto corrente è alla base di una corretta educazione finanziaria

Continua

Cosa sono i piani individuali di risparmio (PIR)

Ecco quali sono i vantaggi fiscali e successori con i PIR

Continua