Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto penale sanitario

“Colpa medica e diagnosi differenziale”

Tra i doveri precauzionali imposti al medico in casi dubbi c`è la cosiddetta diagnosi differenziale

“Colpa medica e diagnosi differenziale” - Tra i doveri precauzionali imposti al medico in casi dubbi c`è la cosiddetta diagnosi differenziale

Nell'ambito dell'attività medica è alquanto frequente che il quadro sintomatologico del paziente sia comune a differenti patologie. In tali ipotesi, il medico dovrà eseguire la c.d. diagnosi differenziale, ossia quella particolare indagine che consiste in un procedimento di esclusione delle possibili malattie alternative fino ad individuare quella di cui è affetto il paziente. Tale metodologia diagnostica è applicabile in diverse branche di specializzazione e interessa pertanto svariate tipologie di medici specializzati. Nello specifico, il caso riguarda un responsabile del pronto soccorso ospedaliero che, dinanzi ad un paziente ricoverato a causa di un dolore toracico, si era limitato a fare un elettrocardiogramma e ne aveva disposto la dimissione con diagnosi da torocoalgia conseguente a esofagite da reflusso. All'imputato era stato contestato di non aver tenuto il paziente in osservazione al fine di effettuare ulteriori accertamenti, dato che il paziente, affetto da grave malattia cardiaca, era poi morto al momento del secondo ricovero. Il giudice di prime cure aveva condannato l'imputato per omessa diagnosi differenziale, cioè per non avere, in presenza di sintomi costituenti espressione di possibili diverse patologie, adeguatamente e scrupolosamente condotto tutti gli esami e accertamenti necessari per escludere le patologie astrattamente riconducibili ai sintomi, sino a giungere all'individuazione della reale causa degli stessi. A seguito dell'assoluzione in grado d'appello, motivata sulla base dell'assenza del nesso di causa tra condotta omissiva ed evento, e del successivo ricorso proposto dalle parti civili, la Cassazione ha annullato con rinvio la sentenza impugnata. La condotta omessa, la cui relazione causale con il decesso del paziente sarà oggetto di valutazione da parte del giudice di rinvio, è stata riconosciuta come doverosa "perché pacificamente corrispondente alle linee guida accreditate presso la comunità scientifica, anche in funzione della verifica della possibilità per il medico, a seguito del ricovero e all'effettuazione degli specifici accertamenti ed esami di laboratorio e strumentali suggeriti dalle linee guida, di effettuare una diagnosi differenziale e così intervenire in modo adeguato ed eventualmente risolutivo in relazione alla patologia assunta quale causa del decesso" (Cass. pen., sez. IV, n. 35528/15). Nel caso in esame, quindi, la Cassazione ha preso in considerazione la metodologia della diagnosi differenziale ritenendola espressamente doverosa per una corretta individuazione della patologia. Può così ritenersi nuovamente affermata, seppure in obiter dictum, la rilevanza della diagnosi differenziale tra i doveri precauzionali imposti al medico a tutela della salute del paziente. 

 

Studio Legale avv. Olindo Paolo PREZIOSI

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto penale sanitario

Avv. Olindo Paolo Preziosi - Avellino (AV)

Avv. Olindo Paolo Preziosi

Avvocati / Penale

Via Matteotti 22

83100 - Avellino (AV)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Truffa aggravata di energia elettrica: il caso

Cosa può succedere al titolare della licenza di un tabacchi destinatario di una sentenza di condanna per truffa aggravata di energia elettrica?

Continua

Vaccinazione obbligatoria?

L’obbligatorietà delle vaccinazioni e la tutela della salute dei minori: il principio di precauzione

Continua

Chirurgia estetica

L'obbligo di acquisire il consenso informato non integra una regola cautelare la cui inosservanza influisce sulla colpevolezza

Continua

Colpa medica ed accertamento del nesso causale

CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. IV PENALE , sent. n.9457/13

Continua

Ascoltare una telefonata altrui è reato?

Il discrimen per l’utilizzabilità della testimonianza di colui che ascolti un colloquio in modalità vivavoce: il consenso di uno dei partecipi

Continua

Autovelox e Tutor illegali

In assenza di un modello di riferimento omologato, tutte le infrazioni rilevate possono essere contestate

Continua

La responsabiltà medica, si pronuncia la Cassazione

Medico accusato del delitto di omicidio colposo per colpa consistita in una “macro omissione” nelle valutazioni cliniche

Continua

CASO CUCCHI: La Cassazione annulla con rinvio

Da rifare il processo in Corte di Assise di Appello per i cinque medici coinvolti nel caso Cucchi

Continua

Problemi applicativi della Legge Balduzzi

La pronuncia della Cassazione, grado della colpa e linee guida nella valutazione della colpa medica

Continua

Responsabilità medica

Esiste il nesso di causalità tra la condotta dei sanitari che hanno prestato cure inadeguate alla paziente e il decesso della stessa?

Continua

Terremoto L’ Aquila: la Cassazione si pronuncia

La Suprema Corte conferma la sentenza pronunciata in Appello. Cassazione Penale, Sez. IV, n. 12748/16

Continua

Manipolare i mercati finanziari è reato

Legittimi i rimborsi dell’EURIBOR calcolati su MUTUI, LEASING E OPERAZIONI FINANZIARIE A TASSO VARIABILE, relativi agli anni 2005-2008.

Continua

Nuovo attentato all’informazione

Giornalista identificato ed allontanato dalla Polizia, per aver tentato di fare qualche domanda all’ex Premier Matteo Renzi

Continua

Arresti domiciliari: quando scatta l'evasione?

In ciabatte a pochi metri dalla propria abitazione c'è evasione? Il caso tra offensività della condotta e giurisprudenza di legittimità

Continua

Nascondere la droga non è spaccio

Quando la tossicodipendenza conduce alla instaurazione di un processo penale per spaccio

Continua

Consenso informato e condanna penale

L’omessa acquisizione del consenso, in caso di esito infausto del trattamento medico, implica una condanna penale per lesioni o omicidio colposo?

Continua

Un malore casuale si trasforma in accusa ingiusta

La consulenza tecnica di parte, un’arma vincente per dimostrare la insufficienza e contraddittorietà della prova ai fini di una pronuncia assolutoria

Continua

Quando l’errore medico causa la morte

L’opposizione all’archiviazione del procedimento quando elementi oggettivi indicano la responsabilità medica nella ritardata diagnosi

Continua