Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Formazione aziendale e coaching

Il tuo Public Speaking è da panico?

9 punti per un Public Speaking a mitraglia! Il Public Speaking e temuto più della morte stessa da parte di molti

Il tuo Public Speaking è da panico? - 9 punti per un Public Speaking a mitraglia!
Il Public Speaking e temuto più della morte stessa da parte di molti

Il Public Speaking e temuto più della morte stessa da parte di molti. Le motivazioni sono in parte emozionali ed in parte tecniche. In molti mi hanno chiesto trucchi efficaci di Public Speaking, durante i seminari e, devo essere sincero, non sono tutti necessari se abbiamo una base emozionalmente valida. La parte di standing, o presenza che dir si voglia è frutto di un lavoro su se stessi. Solitamente una consulenza, o un training di mezza giornata mi è sufficiente per preparare una persona con adeguato atteggiamento per ottime performance di public speaking. Una volta effettuata questa sessione c’è una parte tecnica che posso riassumere in questi 9 punti come punti di focus e che ti possono dare la direzione corretta per un successone!

Un buon viatico per il tuo successo come public speaker lo puoi trovare
qui https://goo.gl/dhtosB
 
1.   LE PRIME PAROLE
Iniziare il discorso, o L’intervento con una dichiarazione forte che intriga e mostra la tua sicurezza, aiuta a mille! Ebbene si, evita di annoiare il pubblico con il solito: buongiorno  e grazie a voi di essere qui.
Acchiappateli  con qualcosa che dia loro un motivo per ascoltare:  “Dalla prossima settimana il carico di lavoro amministrativo diventa più chiaro e abbiamo le indicazioni precise per come operare e che sono quelle che andrò a spiegare”. Se volete pensare ad un intervento motivazionale ci sono varie soluzioni e il concetto non cambia: “Oggi potrete finalmente avere le risposte necessarie per fare della vostra vita qualcosa di straordinario! Forse non sono tutte, ma quelle che vi servono”
 
2.   TRATTA IL TUO INTERVENTO COME FOSSE UNA CONVERSAZIONE
Sii colloquiale e verrai ascoltato.
Hai mai seguito conferenze o speech perfetti? Ammesso che ne siano esistiti, molto probabilmente ti saranno parsi falsi, preparati e tendenziosi, oltre che noiosi. Insomma poco naturali. La perfezione è il primo killer di un buon Public Speaking: focus su cosa vuoi parlare, cosa passare ed ottenere dal tuo pubblico, lascia fluire il tutto e verrai ascoltato!
 
3.   SE COMMETTI UN ERRORE, VAI AVANTI
Siamo cresciuti per evitare errori a tutti i costi e questa regola, per quanto semplicissima, è la più difficile da seguire. Tutti vorrebbero essere perfetti e così, quando fate un errore nella vostra presentazione, siete tentati a scusarvi, riavviare frasi, e chiedere perdono. Siamo programmati per fare le cose bene, dove bene è senza errori. Mentre il relatore capace non è colui che non fa errori, ma colui che emoziona la sua audience tra un errore e l’altro. La maggior parte delle volte il pubblico non noterà l’errore o, se lo nota, sarà secondario se siete stati capaci di creare il contesto giusto ed inoltre, se vi dimenticate di dire qualcosa, come fa il pubblico a saperlo?
 
4.   DECIDI DOVE VUOI ANDARE
Se in questo momento pensassi a dove andare in vacanza le prossime ferie, una volta deciso ciò, tutto scorrerà in sequenza naturale fino a portarti dove hai deciso di andare. La stessa cosa è quello che puoi ottenere nella tuo Public Speaking: decidi tu dove portare il pubblico e tutto scorre da li.
 
5.   SII TE STESSO
Non provare mai e poi mai ad essere qualcun altro!
Il concetto è meno semplice di quanto possa sembrare. Io stesso ho studiato i video di un sacco di relatori per apprenderne i segreti e quello che fanno che piace alle persone, ma soprattutto, quello che piace a me. Da tutto questo puzzle ho creato la mia identità di “relatore” ed è quello che puoi fare anche tu! E non solo funzionerà, arriverai ad essere considerato meglio anche dei tuoi stessi maestri, proprio perché sei tu!
 
6.   LA COMUNICAZIONE VISIVA, OLTRE AL CONTENUTO.
Ok, siamo d’accordo il contenuto è importante, ma non è tutto. O meglio, il contenuto della comunicazione è molto di più di quello che dite!
Se passate attraverso una congruenza ottimale tra parole ed adeguata postura, abbigliamento e movimenti,  la vostra credibilità e fiducia che otterrete sarà massima.
Arriviamo all’annoso problema: filmati e slide si? O no? In questo caso si potrebbero tracciare delle linee per dire quanto è utile o meno e quando si può fare a meno della comunicazione con supporti visivi. Ma non è questo il focus dell’articolo. Li ritengo necessari a patto che: A) La vostra anticipi e venga confermata dalle slide e si ottiene anche un effetto di reiterazione della comunicazione B) Le slide siano un gancio per espandere quello che volete dire. Altrimenti cosa vengo a fare al tuo seminario/corso/conferenza?
 
7.   EMPATIA
La capacità di entrare in empatia con gli altri è importante in ogni ambito della vita, e nelle presentazioni.
Se nel tuo intervento, per esempio, devi richiedere azioni che possono essere difficili o comunque impegnative da portare avanti, immedesimati nel pubblico, trasferisci la comprensione empatica di quello che stai dicendo. Il difficile qui e che devi crederci altrimenti sarai scollato e poco congruente. Credici, immedesimati, mettiti veramente nei “loro panni”, ricordati quando hai affrontato nella tua vita momenti simili e fallo tuo, sentilo in ogni tuo muscolo. Qui non devi pensare, devi sentire!
 
8.   PREPARA LA PRESENTAZIONE IN UN MODO DIVERSO
La maggior parte delle persone non sarà in grado di farlo sia perché ci vuole tempo, sia perché va contro tutto ciò che abbiamo fino ad ora pensato: scrivere la presentazione per ricordarsela!
Ecco cosa e come preparare la tua presentazione.
1. Decidere che cosa deve “portar via” il pubblico.
2. Fissa i punti necessari ed intriganti per tenere lì il pubblico!
3. Stabilisci una struttura di base della tua presentazione, ma non lo script!
4. Se c’è una parte della presentazione che non ti è famigliare: inizia a ripeterla, parlane con i colleghi o con i tuoi amici o conoscenti. O se vuoi, allo specchio.
5. Iniziare la pratica. Pratica parlando di ciascuno dei punti della presentazione fino ad avere un discorso coerente in modo che scorra eliminando le possibili richieste da parte degli auditori (tecnica svuotamento)
6. Focalizzati al massimo nelle due più grandi aree critiche che hai trovato, non di più.
7. Sii sempre, e dico sempre, focalizzato sul punto “empatia”. Allenati a trovare i segnali nel tuo pubblico!
8. Creare le diapositive per far risaltare i punti focali del tuo intervento. Le slide non devono spiegare il tuo intervento: è il contrario. Nel caso darai, obbligatoriamente a seguire, il materiale necessario.
9. Prova l’intervento con le diapositive. A questo punto non sarà necessario guardare le diapositive perché hai già in te stesso il filo del discorso: le diapositive lo seguono e lo rafforzano.
 
9.   LE PAROLE FINALI
Il pubblico è portato a ricordare le prime e le ultime cose che dici.
Nelle tue poche parole finali dai loro qualcosa di positivo da associare alla presentazione, ma soprattutto a sé stessi!
“Insieme siamo in grado di fare questo. Grazie!” Ok, suona bene come si suol dire, ma questo tipo di positività spesso si passa vuota in presentazioni aziendali: quindi non passa!
Provate qualcosa di simile: “Questo piccolo cambiamento, quando torni alla tua scrivania, è un grande passo verso i tuoi obiettivi e quindi quelli di tutto il team! Da domani comprenderai come il tuo vantaggio è un vantaggio per tutti, per l’azienda intera!”
 
A tutto questo puoi poi aggiungere e perfezionare alcune skill raffinate di public speaking quali: presenza, pause e movimenti, ritmi e volumi, segmentazione spaziale dell’area di intervento, utilizzo delle affermazioni banali, yes set, linguaggio ipnotico, ecc. Tutti attenzioni che diventano naturali con l’applicazione e la pratica.
 
Un buon viatico per il tuo successo come public speaker lo puoi trovare
qui https://goo.gl/dhtosB

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Formazione aziendale e coaching

Coach Alfredo M. Molgora - Milano (MI)

Coach Alfredo M. Molgora

Consulenti aziendali / Formazione aziendale e coaching

Via Dalmazio Birago 6 (zona Città Studi)

20133 - Milano (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Fare meno e ottenere di più! E' POSSIBILE!

Ecco una potente dritta per tutte quelle situazioni appesantite che non producono gli effetti desiderati nella vita Privata come nel Business

Continua

13 cose da evitare per avere successo nella vita!

A volte riempiamo la nostra vita di cose inutili e che non piacciono, e ciò ci impedisce di renderla significativa per quello che ci farebbe felici.

Continua

9 SCUSE DEVASTANTI da eliminare nella tua vita

9 SCUSE DEL NON FARE: un ottimo modo per rovinarsi e non accedere al segreto della vita felice e alle molte possibilità alle quali possiamo attingere

Continua

Business: bigdata e disruption, cosa fare dal 2017

4 input al business e alla carriera per prosperare nel tempo: agilità/flessibilità, gestione mediatica, sensibilità e gestione tecnologica

Continua

18 Buoni Propositi per il tuo BUSINESS!

Per Manager e Imprenditori SMART: tra teoria e professione praticata, le migliori attitudini e comportamenti per un Business al passo coi tempi

Continua