Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto del lavoro

Ricorsi dirigenti Scolastici per la R.I.A.

I tribunali di merito hanno chiarito che la condotta del Miur di non riconoscere la R.I.A. ai nuovi dirigenti scolastici è discriminatoria.

Ricorsi dirigenti Scolastici per la R.I.A. - I tribunali di merito hanno chiarito che la condotta del Miur di non riconoscere la R.I.A. ai nuovi dirigenti scolastici è discriminatoria.

Ricorsi dirigenti Scolastici retribuzione individuale di anzianità

Nella scuola esistono tre tipologie di dirigenti scolastici e tale differenziazione, sebbene gli stessi svolgano la medesima funzione, si riverbera anche sul trattamento retributivo e contributivo spettante agli stessi: 

a) ex presidi: coloro che erano divenuti dirigenti scolastici per essere già nel ruolo direttivo (art. 37 lett. C. CCNL 01.03.2002); 

b) ex presidi incaricati (art. 39 CCNL 01.03.2002); 

c) Dirigenti scolastici assunti mediante procedura concorsuale provenienti dal ruolo della docenza. 

I dirigenti scolastici assunti mediante procedura concorsuale rappresentano l’unica categoria penalizzata dall’interpretazione normativa da parte del Miur; pertanto, solo tali ultimi, possono aderire al ricorso

La somma che ciascuno potrà recuperare, in caso di esito positivo del ricorso giudiziale, è di circa 600,00 € mensili a far data dall’instaurazione del rapporto di lavoro quale dirigente scolastico (fermo restando la prescrizione quinquennale del diritto al riconoscimento delle differenze retributive). 

Il Ministero, infatti, retribuisce in maniera differente i dirigenti scolastici a seconda del momento e del modo in cui gli stessi svolgono il servizio. In altri termini, ai dirigenti scolastici che provengono dalla carriera di docente, il Ministero non riconosce la retribuzione individuale di anzianità (R.I.A.), ovvero l’assegno ad personam parametrato alla precedente mansione di docente che, invece, pacificamente spetta alle altre tipologie di presidi ed ex presidi incaricati. 

Il ricorso si basa, essenzialmente, su una disparità di trattamento tra lavoratori che svolgono la medesima funzione e ruolo e che vengono retribuiti in maniera differente. Invero, i dirigenti scolastici assunti mediante procedura concorsuale svolgono le medesime funzioni e sono inquadrati nella medesima Area V del Ccnl Dirigenza Scuola, firmano lo stesso contratto rispetto alle altre tipologie di dirigenti (ex presidi e presidi incaricati). La differenza fondamentale sta che: gli ex presidi percepiscono la R.I.A. (retribuzione individuale di anzianità), i presidi incaricati percepiscono un assegno ad personam (sostanzialmente identico alla RIA) mentre i "nuovi dirigenti" non percepiscono nulla a titolo di riconoscimento della precedente mansione

A parere di chi scrive la condotta del Miur viola principi cardine dell’ordinamento – anche costituzionali – relativi alla parità di trattamento dei "nuovi dirigenti scolastici" rispetto agli altri presidi che svolgono la stessa funzione; inoltre, vi è una palese violazione dei principi di imparzialità e buon andamento della pubblica amministrazione (di cui agli artt. 3 e 97 Cost.), nonché di corrispondenza della retribuzione alla qualità e quantità del lavoro svolto (di cui all’art. 36 Cost.). 

Parte della giurisprudenza intervenuta sul punto (Tribunale di Roma del 2012, Tribunale di Como del 2014 e Tribunale di Tivoli del Marzo 2017) ha riconosciuto il diritto dei dirigenti scolastici all’integrazione della retribuzione parametrata alla RIA spettante agli ex presidi e ripristinato la parità di trattamento prevista dalla Carta Costituzionale. 

 

Lo studio legale offre la possibilità di patrocinare i ricorsi su tutto il territorio nazionale.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto del lavoro

Avv. Zinzi Paolo - Isola del Liri (FR)

Avv. Zinzi Paolo

Avvocati / Civile

Via Napoli 59

03036 - Isola del Liri (FR)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Riconoscimento intero servizio pre-ruolo precari

I docenti scuola hanno diritto al riconoscimento dell'intero servizio pre-ruolo prestato in scuole statali precedentemente all'immissione in ruolo

Continua

Ripetizione del test fisico nel concorso pubblico

Il TAR Lazio, con ordinanza cautelare n. 2385/2017, ha disposto la ripetizione degli esami fisici effettuati in sede concorsuale

Continua

Diplomati al conservatorio, abilitati in II fascia

Recenti sentenze hanno statuito l'illegittimità dell'operato del Ministero di non considerare abilitanti i titoli del vecchio ordinamento Afam.

Continua

La lettera non interrompe l'usucapione

La Cassazione ha ribadito che la semplice lettera di diffida non è utile ad interrompere l'usucapione

Continua

Trasferimenti docenti scuola 2016 algoritmo

L'algoritmo utilizzato dal Ministero dell'Istruzione per la mobilità 2016 è sbagliato. La conferma arriva anche dal Tribunale di Rimini

Continua

Responsabilità per infiltrazioni dal lastrico solare

Il danno da infiltrazioni provenienti dal lastrico solare di proprietà o uso esclusivo va ripartita ex art. 2051 c.c.

Continua

Amministratore di sostegno e tutela della persona

Il rapporto tra la nomina giudiziale dell'amministratore di sostegno e la tutela della persona: lettura costituzionalmente orientata delle norme.

Continua

Trasferibilità crediti ai soci società cancellata

Legittimazione attiva dei soci di una società cancellata dal registro delle imprese e trasferibilità dei crediti in capo agli stessi

Continua

Trattenuta illegittima del 2,50% ai dipendenti pubblici

Il Tribunale di Milano conferma che la trattenuta del 2,50% operata dalla P.A. nei confronti dei dipendenti pubblici è illegittima e va restituita

Continua

Diritto di parcheggio in un edificio condominiale abusivo

Il condomino non ha diritto di parcheggio se l’unità abitativa di sua proprità è abusiva

Continua

Tutela della famiglia e del fondo patrimoniale

Il fondo patrimoniale è un mezzo di conservazione del patrimonio e consente di "vincolare" determinati beni ai soli bisogni della famiglia

Continua

Testamento pubblico, olografo e conservazione

Il testamento olografo ha lo stesso valore di quello redatto davanti al Notaio. Puoi farti consigliare da un legale per redigere il tuo testamento

Continua

Fumo passivo su pianerottoli e scale dei condomini

Non è possibile fumare negli spazi comuni non all'aperto

Continua