Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Novità per F24

La recente "manovra fiscale" ha profondamente modificato la gestione telematica degli F24 che contengono al loro interno compensazioni

Novità per F24 - La recente "manovra fiscale" ha profondamente modificato la gestione telematica degli F24 che contengono al loro interno compensazioni

La recente “manovrina” ha portato alcune novità molto rilevanti per i soggetti titolari di Partita IVA che utilizzano il Mod. F24 compensando crediti e debiti anche se il risultato finale è diverso da zero.
Fino ad ora tutti coloro che utilizzavano F24 con compensazione totale, quindi con risultato finale azzerato, erano obbligati ad utilizzare i canali telematici, mentre chi effettuava compensazioni parziali poteva usufruire dell’home banking. Dal 24 aprile solo i privati non titolari di Partita IVA con F24 con saldo diverso da zero  potranno continuare ad utilizzare questo canale.
Dalla data di entrata in vigore del Decreto Legge 50/2017 infatti qualunque F24 contenente compensazioni DEVE, per i soggetti titolari di Partita IVA, essere presentato esclusivamente tramite i canali telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate. Questi canali sono Entratel, a disposizione degli intermediari abilitati e di chi trasmette il Mod. 770 per più di 20 soggetti, e Fisconline, riservato agli altri utilizzatori.
Per accedere a Fisconline è necessario registrarsi sul sito dell’Agenzia delle Entrate:  https://telematici.agenziaentrate.gov.it/Main/Registrati.jsp  ed ottenere il relativo PIN. Il PIN necessario per l’accesso può essere richiesto anche tramite l’app dell’Agenzia delle Entrate, reperibile sul sito al link http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/nsilib/nsi/app oppure sui principali store. Ultima modalità per ottenere il PIN è recarsi di persona o tramite delegato allo sportello dell’Agenzia, muniti di documento e, nel caso del delegato di apposita delega e del documento d’identità di entrambi i soggetti.
Indubbiamente si tratta di un’ulteriore complicazione (ed in molti casi un aggravio di costi) soprattutto per le piccole attività e per chi non sarà in grado di svolgere questo ulteriore adempimento personalmente ma dovrà rivolgersi ad un intermediario abilitato (ad es. un commercialista).

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Rag. Tiziana Gili - Novara (NO)

Rag. Tiziana Gili

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Via Conti Di Biandrate 3

28100 - Novara (NO)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Quando serve il notaio per la donazione

Una recentissima sentenza della Corte di Cassazione a sezioni unite ha tracciato un solco tra la donazione diretta e la donazione indiretta

Continua

Deducibilità della formazione per professionisti

Finalmente consentita la deduzione integrale dei costi di formazione per i professionisti

Continua

Split payment per professionisti

Dal prossimo 1 luglio lo split payment verrà esteso ai professionisti e agli intermediari del commercio

Continua

Detrazione IRPEF per sicurezza da illeciti

Una nuova fattispecie di detrazione IRPEF sulle ristrutturazioni edilizie è costituita dagli interventi su immobili volti alla sicurezza da illeciti

Continua