Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto amministrativo

Atto di aggiudicazione gara

Atto di aggiudicazione della gara non pubblicato nella sezione “amministrazione trasparente”. Quando scattano i trenta giorni per l’impugnativa?

Atto di aggiudicazione gara - Atto di aggiudicazione della gara non pubblicato nella sezione “amministrazione trasparente”. Quando scattano i trenta giorni per l’impugnativa?

Ove l’atto di aggiudicazione della gara, contenente anche la graduatoria dei partecipanti, non venga pubblicato nella sezione “amministrazione trasparente”, i trenta giorni per l’impugnativa scattano solo dalla data di invio della pec.
E’ quanto emerge dalla sentenza[1] con cui i giudici amministrativi hanno ritenuto infondata l’eccezione di irricevibilità del ricorso introduttivo sollevata dal Comune resistente che aveva rilevato la tardività dell’impugnativa per non avere la ricorrente impugnato il provvedimento nel termine di trenta giorni decorrenti dalla “pubblicazione sul profilo del committente della stazione appaltante, ai sensi dell'articolo 29, comma 1, del codice dei contratti pubblici adottato in attuazione della legge 28 gennaio 2016, n. 11”, in violazione dell’art. 120, comma 2 bis, c.p.a.(come introdotto ai sensi dell’art. 204 comma 1 lett. b) del D.Lgs, 50/2016.
E mentre il Comune protestava perché l’Impresa aveva notificato il ricorso avverso la mancata esclusione dell’ATI aggiudicataria solo il 16.11.2016, avendo pubblicato la graduatoria delle ditte partecipanti ed ammesse alla procedura di gara sul proprio profilo istituzionale dall’11.08.2016 al 26.08.2016, il ricorrente replicava che la comunicazione ai sensi dell’art. 79 comma 5 lett. a) del D.Lgs n. 163/2006 era intervenuta a mezzo pec il 17.10.2017, risultando questo il dies a quo per la decorrenza del termine dei trenta giorni previsto per l’impugnativa del provvedimento che ha reso noto l’elenco delle ditte ammesse e di quella risultata aggiudicataria.
Il Tribunale amministrativo non ha dato ragione al Comune, preliminarmente rilevando che, se il bando non fornisce dettagli sulle modalità di comunicazione degli atti relativi alla gara, limitandosi a rinviare al sito internet della S.U.A., alla sezione “Bandi e gare” unicamente per la consultazione ed acquisizione delle ulteriori norme regolanti la procedura aperta, unitamente alla modulistica complementare, è lo stesso Comune, nel corso della pubblica discussione, a confermare che la pubblicazione degli atti non è avvenuta nella sezione “amministrazione trasparente”, come richiesto dall’art. 29, comma 1, D.Lgvo n. 50/2016.
Dirimente, ai fini del superamento dell’eccezione di tardività della notifica del ricorso principale, è il fatto che la pec, relativa alla comunicazione individuale, sia stata inviata soltanto il 17.10.2016.
Su tutto, emerge chiara la violazione delle previsioni di cui all’art. 76 del D. Lgs. 50/2016.
La Stazione appaltante non ha dimostrato di aver informato “tempestivamente” ciascun candidato e ciascun offerente delle decisioni adottate riguardo all'aggiudicazione o all'ammissione (come previsto dal comma 1 dell’art. 76), né ha provveduto all’invio della pec “contestualmente” alla pubblicazione nelle forme di cui all’art. 29, ossia sul profilo istituzionale, ma, addirittura, ha atteso oltre un mese e mezzo prima di provvedervi.
Nel delineato contesto, il Collegio ha ritenuto che, nel caso di specie, essendo mancata la pubblicazione sul profilo del committente, soltanto dalla data di invio della pec decorra il termine dei trenta giorni previsto per l’impugnativa dell’unico provvedimento che ha reso noto l’elenco delle ditte ammesse e di quella risultata aggiudicataria.
L’eccezione è infondata ma il ricorso, comunque, è rigettato nel merito.

[1] T.A.R. per la Puglia, Sez. III, 05.04.2017 n. 340

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto amministrativo

Avv. Cristiana Centanni - Roma (RM)

AVV. CRISTIANA CENTANNI

Avvocati / Civile

Via FRANCESCO DENZA 15

00197 - Roma (RM)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Il Tutor e la soglia di tolleranza

Al tutor va applicata una tolleranza maggiore degli autovelox, ovverosia del 15%, tenuto conto della peculiarità di funzionamento dello stesso

Continua

Tarsu: riduzione della tariffa fino al 40%

Tarsu: riduzione della tariffa fino al 40% in ipotesi di grave violazione del Regolamento di Nettezza Urbana

Continua

Bollo auto, prescrizione

La tassa automobilistica si prescrive in tre anni, anche in caso di omessa impugnazione della cartella di pagamento

Continua

Guidare scalzi o a piedi nudi si può?

Cosa dice il nuovo Codice della Strada al riguardo?

Continua

Danno da vacanza rovinata per forte ritardo volo

Se il volo è in forte ritardo, colui che ha acquistato dal tour operator il pacchetto turistico, va da quest'ultimo risarcito

Continua

Odori di sugo, fritti, etc.? E’ reato

Gli odori da cucina che superano la soglia della tollerabilità integrano la fattispecie di getto pericolose di cose ex art. 674 c.p.

Continua

Via libera al ‘sisma bonus’

Le novità del 'sisma bonus' introdotto con la Legge di Bilancio 2017

Continua

Gara. Esclusione. Nuovo codice appalti

Esclusione dell’Impresa dalla gara per la mancanza del requisito del pareggio di bilancio nell’ultimo triennio

Continua

Istanza di accesso agli atti

Illegittimo il rifiuto opposto dall’Amministrazione alla istanza di accesso agli atti della subappaltatrice

Continua

Condominio. Parti comuni. Trasformazione

La finestra può essere trasformata in accesso carraio per un uso più intenso della cosa comune

Continua

Termine dell`impugnazione dell`atto di ammissione alla gara

Quando decorre il termine di impugnazione dell'atto di ammissione alla gara dell'impresa aggiudicataria se non pubblicato sul sito dell'Appaltante?

Continua