Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza finanziaria e patrimoniale

La protezione dei beni personali e familiari/8

L’Italia è attualmente considerata un paradiso fiscale per le successioni. Ma per quanto?

La protezione dei beni personali e familiari/8 - L’Italia è attualmente considerata un paradiso fiscale per le successioni. Ma per quanto?

L’imposta di successione è una tassa, abolita nel 2001 e reintrodotta dal 3 ottobre del 2006, che deve essere pagata da chi riceve in eredità dei beni o dei diritti reali. Il suo importo dipende dal valore del patrimonio ereditato e dal grado di parentela con il defunto. Negli ultimi anni diverse forze politiche europee hanno presentato proposte di innalzamento di questa imposta e di abbassamento delle tasse sui redditi. Queste proposte sono condivise da molti economisti, in quanto hanno l’obiettivo di redistribuire più equamente la ricchezza della popolazione e favorire lo sviluppo economico. 

L’Italia è attualmente considerata un paradiso fiscale per le successioni. I parenti più stretti godono di esenzione (franchigia) fino a un milione di euro, oltre pagano il 4%; per i fratelli e le sorelle, l’esenzione è di 100.000 euro e l’aliquota è del 6%; i parenti oltre il quarto grado e gli estranei pagano un’aliquota massima dell’8% sul patrimonio ereditato senza alcuna franchigia. Per i parenti stretti portatori di grave disabilità la franchigia è stata elevata a 1.500.000 euro. Sugli immobili, che non siano prima casa per uno degli eredi, pesano anche l’1% di imposta catastale e il 2% di imposta ipotecaria

Negli altri paesi europei sono normalmente previste imposte a doppia cifra, con aliquote  massime dell’80% del patrimonio in Spagna e in Belgio, e le esenzioni sono generalmente molto più basse. Per esempio in Francia i figli del defunto pagano fra il 5% e il 45% e hanno una franchigia di 100.000 euro; in Germania i figli pagano tra il 7% e il 30% con esenzione fino a 400.000 euro. Le raccomandazioni del Fondo Monetario Internazionale (FMI) spingono verso un forte aumento delle aliquote in conformità a quelle applicate sui redditi (a scaglioni con un minimo del 23% e un massimo del 43%), un abbattimento delle franchigie e un adeguamento del valore catastale degli immobili a quello commerciale con conseguente aumento delle imposte ipocatastali. Una proposta di riforma presentata in Parlamento nel 2015 propone una franchigia massima di 500.000 euro e un’aliquota massima del 15%; e una moltiplicazione per 3 delle imposte per i patrimoni superiori ai 5 milioni di euro. 

È facile pensare che, in caso di difficoltà, il governo potrebbe intervenire sugli argomenti messi in luce dall’FMI per allinearsi agli altri paesi dell’eurozona.  Questo allineamento è già avvenuto per le tasse sui guadagni degli investimenti finanziari, che sono passati dal 12,5% del 2011 al 26% del 2014; resta invariata al 12,5% l’imposta sui titoli di stato ed equiparati.  Attraverso vari strumenti è però possibile cristallizzare l'attuale regime fiscale particolarmente favorevole, al fine di favorire il rientro in franchigia dei beni trasmessi, la riduzione o esenzione dalle imposte catastali, di successione e donazione. La successione è un momento fondamentale nel quale è facile sperperare buona parte di quanto prodotto nel corso della propria vita, ma un’attenta pianificazione consente di analizzare il proprio patrimonio personale, riconoscere potenzialità e rischi, definendo la futura destinazione. 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza finanziaria e patrimoniale

Petrini Paolo - Roma (RM)

Petrini Paolo

Consulenti Finanziari / Promozione Finanziaria e Patrimoniale

Via Cicerone, 54

00193 - Roma (RM)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

La protezione dei beni personali e familiari/7

Eredità, successione legittima e problemi collegati

Continua

PIR - Presentazione Piani Individuali di Risparmio

Una forma di investimento nell’economia reale italiana fiscalmente agevolata

Continua

La protezione dei beni personali e familiari/6

Tutela del valore e dell’integrità dei beni. La gestione dei rischi negli investimenti finanziari

Continua

La protezione dei beni personali e familiari/5

Tutela del valore e dell’integrità dei beni. La gestione dei rischi negli investimenti immobiliari

Continua

La protezione dei beni personali e familiari/4

Tutela nei confronti di terzi, la difesa da eventuali aggressioni relative ai beni di famiglia

Continua

La protezione dei beni personali e familiari/3

La difesa del futuro tenore di vita e l’integrazione della pensione

Continua

La protezione dei beni personali e familiari/2

Tutela della persona, che riguarda la difesa del livello di reddito attuale contro i danni improvvisi e imprevisti

Continua

La protezione dei beni personali e familiari/1

Un quadro globale sui danni economici e patrimoniali che possono colpire le nostre proprietà

Continua