Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto penale societario

Frode fiscale e prescrizione

Contrasti applicativi tra la Corte di Giustizia europea e la Corte Costituzionale sui reati tributari

Frode fiscale e prescrizione - Contrasti applicativi tra la Corte di Giustizia europea e la Corte Costituzionale sui reati tributari

Tra i reati comuni, quelli riguardanti l’imposta sul valore aggiunto e più in generale quelli riguardanti reati tributari, occupano la maggior parte dei ruoli dei tribunali italiani, sempre più alle prese con l’annosa questione circa i tempi prescrizionali applicabili ai suddetti reati, alla luce soprattutto dei recenti orientamenti giurisprudenziali nazionali e comunitari. 

In linea generale la Corte di giustizia dell’Unione Europea, con la sentenza “Taricco” (causa C-105-14/08.09.2014) ha sancito l’imprescrittibilità dei reati in materia di Iva, muovendo da un principio tanto semplice quanto forte: “sono infatti imprescrittibili tutti quei reati che configurino una frode agli interessi finanziari dell’Unione europea”. 

La Suprema Corte tuttavia con la sentenza n. 16458 del 31 marzo 2017 ha cercato di porre dei “paletti” sancendo, riguardo al reato di omesso versamento Iva, la validità del termine prescrizionale di sette anni e mezzo. Secondo la Cassazione infatti la “Taricco” non trova applicazione in quanto, nel caso di specie, si tratta di una fattispecie delittuosa strutturalmente non caratterizzata da frode. Invero il reato di omesso versamento Iva disciplinato dall’art. 10 ter del dlgs n.74 del 2000 si consuma con il mancato pagamento dell’imposta dovuta, in base alla dichiarazione annuale, entro la scadenza del termine per il pagamento dell’acconto relativo al periodo di imposta dell’anno successivo, ed è punibile a titolo di dolo generico, vale a dire quando sia provata la coscienza e la volontà di non aver voluto versare all’Erario le ritenute, effettuate nel periodo considerato. Non vige infatti alcun controllo da parte dell’ufficio in ordine alla corrispondenza tra debito tributario dichiarato e quello effettivo, la dichiarazione infatti viene assunta per vera dall’ufficio che ne contesta semplicemente l’omesso versamento delle imposte così come auto liquidate dal contribuente. In altre parole la dichiarazione rileva ai soli fini della determinazione dell’imponibile e della conseguente misura dell’inadempimento penalmente sanzionato. 

A questo punto risulta utile differenziare i reati tributari a cui la succitata sentenza Taricco fa riferimento rispetto invece a quelli dalla stessa non intaccatati. Ai fini dell’imprescrittibilità, decisivo è il concetto di grave frode fiscale, quindi rientrerebbero in tale categoria: 

a)      la dichiarazione fraudolenta mediante utilizzo di fatture per  operazioni inesistenti (art. 2) 

b)      la dichiarazione fraudolenta mediante artifici e raggiri (art.3) 

c)      l’omessa dichiarazione (art. 5) 

d)      l’emissione di fatture per operazioni inesistenti (art. 8) 

e)      l’occultamento e distruzione della contabilità (art. 10) 

f)       la sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte (art. 11) 

Seguendo tale logica interpretativa, il limite massimo di prescrizione, dunque resterebbe invariato (sette anni e mezzo) per i reati di: 

a)      dichiarazione infedele (art. 4) 

b)      omesso versamento di ritenute (art. 10 bis) 

c)      omesso versamento Iva (art. 10 ter) 

d)      indebita compensazione (art. 10 quater). 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto penale societario

Avv. Gianluca Iaione - Salerno (SA)

Avv. Gianluca Iaione

Avvocati / Penale

Via Torretta 4

84122 - Salerno (SA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Normativa sulla produzione e commercio del legname

Quadro normativo in materia di commercio e produzione del legno e modello 231/01

Continua

Responsabilità penale del gallerista

Contraffazione, alterazione e riproduzione di opere d'arte e falso dichiarato, artt. 178 e 179 del Codice dei beni culturali e del paesaggio

Continua

Il made in Italy a tutela rafforzata

Tutela del commercio e dei prodotti italiani dalla contraffazione

Continua

Compro oro, occhio alla ricettazione

Pericolo di usura, riciclaggio e ricettazione nei negozi

Continua

Diffamazione e social network

Circostanza aggravante o attenuata?

Continua

I nuovi crimini informatici nel codice penale

Reati informatici, prevenzione ed interventi alla luce del Dlgs. 231/2001

Continua

Computer crime e 231/2001

Reati informatici e responsabilità amministrativa degli Enti

Continua

Corte europea sull’evasione IVA

Diritto tributario e societario

Continua

Diritto aziendale ed alimentare

Impresa alimentare, nuove agevolazioni e rating di legalità

Continua

Il principio del doppio binario “deragliato”

Lo statuto del contribuente fra sistema penale e tributario

Continua

Diritto penale doganale e alimentare

Made in Italy, Olio Dop del Cilento, italian sounding e perfezionamento attivo.

Continua

Il falso biologico

Diritto penale alimentare, frode in commercio, nuovi articoli 516-517-517 bis.

Continua

Diritto penale aziendale

Nuovo codice degli appalti e delle concessioni, articolo 80, misure di self-cleaning e modello 231, condanne successive all'aggiudicazione.

Continua

Diritto penale alimentare

Responsabilità penale del legale rappresentate di una catena di supermercati, risk assessment, risk management, delega di funzioni.

Continua

Diritto penale alimentare

Responsabilità del direttore di un supermercato, nuovo articolo 440 c.p., particolare tenuità del fatto.

Continua

Diritto penale alimentare

Impresa agroalimentare, adozione del modello 231, il nuovo articolo 6 bis, il reato agroalimentare e di caporalato

Continua

Diritto penale tributario e revoca del giudicato

Dichiarazione infedele, condanna penale e riabilitazione giuridica delle imprese.

Continua

La responsabilità penale del gestore delle piste da sci

I gestori di pista da sci sono tenuti non solo a segnalare i tratti pericolosi della pista ma a renderli inaccessibli

Continua

Diritto penale doganale. Evasione IVA

Libera circolazione e abuso del diritto

Continua

Abuso del diritto nel diritto tributario

Elusione fiscale, overtax e depenalizzazione

Continua

Omicidio stradale negli Stati Uniti

Intervento dell`avvocato Gianluca Iaione - Proposta di riforma legislativa - Sala conferenze della Camera dei Deputati in Roma l’ 8 giugno 2012

Continua