Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto penale criminale

Violenza sessuale domestica: realtà o finzione?

Alla ricerca della verità, tra mura domestiche e aule di tribunale

Violenza sessuale domestica: realtà o finzione? - Alla ricerca della verità, tra mura domestiche e aule di tribunale

Nei processi penali per i reati di violenza sessuale cosiddetta domestica (ossia, violenza sessuale presuntivamente consumata ai danni del coniuge, del convivente, del fidanzato, ecc.), spesso manca la serenità di giudizio. La forte sensibilizzazione al problema (opinione pubblica, mass media, ecc.) provoca una sorta di presunzione di verità, in favore di chi denuncia di avere subito un atto di violenza sessuale. Ciò compromette anche l'imparzialità del giudizio. 

 

Negli ultimi anni, accanto al verificarsi di gravissimi fatti reali di violenza sessuale, sono, purtroppo, aumentati i processi penali per reati di violenza sessuale, instaurati subdolamente da chi ha interesse in un parallelo scontro giudiziario (procedimenti civili per divorzi, separazioni, affidamento di minori, ecc.). Si pensi alla persona che denuncia falsamente il coniuge per ottenere l'affidamento dei figli o, comunque, per assumere una posizione di supremazia in un procedimento di divorzio o separazione. In questi processi penali, l'avvocato che difende la persona accusata, deve sempre procedere ad un interrogatorio serrato (la cosiddetta cross examination), senza lasciarsi influenzare dal pietismo, che spesso circonda inevitabilmente queste vicende. Occorre sempre vagliare, con attenzione, l'attendibilità e la veridicità delle dichiarazioni rese dalla persona denunciante, con lo scopo di smascherare, davanti al giudice, ricostruzioni fattuali false. 

 

Una soluzione potrebbe essere quella di riformare il nostro processo penale, avvicinandolo al modello statunitense, dove le dichiarazioni della vittima e dell'imputato hanno lo stesso peso probatorio. Nel nostro sistema processuale penale infatti, la vittima assume la qualità di testimone e, a differenza dell'imputato, deve giurare davanti al giudice di dire la verità. Nel sistema penale americano invece, anche l'imputato deve giurare davanti al giudice di dire la verità, con la conseguenza che le sue dichiarazioni assumono lo stesso valore probatorio di quelle della (reale o presunta) vittima del reato. Nei processi per i reati di violenza sessuale domestica, difficilmente vi sono testimoni oculari e, se non vi sono altre prove oggettive, diventano decisive le dichiarazioni delle parti in causa, ossia quelle dell'imputato e quelle della persona offesa dal reato. Orbene, se le dichiarazioni dell'incolpato non hanno lo stesso peso probatorio di quelle del denunciante, l'imparzialità reale del giudizio risulta gravemente compromessa. Ciò comporta l'aumento del rischio di condanne per reati di violenza sessuale domestica realmente non commessi.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto penale criminale

Studio Legale Nicolai Avv. Massimiliano - Cervia (RA)

STUDIO LEGALE NICOLAI AVV. MASSIMILIANO

Avvocati / Penale

VIA XX SETTEMBRE 171

48015 - Cervia (RA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Convivenza more uxorio e mantenimento dei figli

E’ ancora perseguibile penalmente l’ex convivente che non versa gli alimenti alla prole?

Continua

Processo penale lungo e diritto all’indennizzo

Intervento della Corte Costituzionale: è possibile anticipare la domanda

Continua

Niente carcere fino a quattro anni

Intervento della Corte Costituzionale

Continua

Smartphone e strade sicure

Incidente con feriti e sequestro del telefonino

Continua

Incendio e danneggiamento

La pena è più elevata per l'incendio boschivo

Continua

Legittima difesa e violazione di domicilio

La vittima può usare le armi per difendere incolumità e beni

Continua

Riforma Orlando ed estinzione dei reati

Le condotte riparatorie dell'imputato

Continua

Circolazione stradale e consumo di alcolici

Guida in stato di ebbrezza e particolare tenuità del fatto

Continua

Droghe e circolazione stradale

Al volante dopo avere assunto sostanze proibite. E' reato solo se il conducente è realmente alterato

Continua

Abusi edilizi e confisca

Corte Europea: confisca solo se la condanna è reale

Continua

Etilometro e leasing

Guida in stato di ebbrezza: niente confisca del veicolo locato

Continua

Autovelox: cassa o prevenzione?

Ipotizzabili anche gravi reati. E` truffa se il velox è nascosto

Continua