Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Parenti pregiudicati? Si al rilascio delle licenze

Il Consiglio di Stato ritiene irrilevanti le relazioni parentali con pregiudicati nel caso di licenze per la raccolta di scommesse

Parenti pregiudicati? Si al rilascio delle licenze - Il Consiglio di Stato ritiene irrilevanti le relazioni parentali con pregiudicati nel caso di licenze per la raccolta di scommesse

Il Consiglio di Stato, in sede giurisdizionale, interviene in materia di rapporti parentali ed intestazione fittizia, con riferimento alle autorizzazioni e/o licenze per poter esercitare attività di raccolta di scommesse. 

 

La sezione Terza del Consiglio di Stato, nel riformare una pronuncia del TAR Campania, detta delle linee importanti da seguire nei casi in questione. 

La vicenda è relativa ad una istanza di autorizzazione richiesta ai sensi dell’art. 88 Tulps, affinché venisse autorizzata l’attività di raccolta di scommesse di giochi. La Questura di Caserta aveva negato l’autorizzazione sul presupposto che i richiedenti annoverassero tra i familiari “soggetti pregiudicati” e legati a clan camorristici. Il Tar Campania, in sede di ricorso, aveva confermato la decisione della Questura di Caserta. 

Adito il Consiglio di Stato, con la pronuncia n°3678/14 del 14/07/2014, la Terza Sezione ha riformato la decisione dei Giudici di prime cure. 

La premessa, richiamando l’indirizzo giurisprudenziale prevalente, è che i requisiti attitudinali o di affidabilità dei richiedenti una licenza di pubblica sicurezza “devono sempre essere desunti dalle condotte del soggetto interessato”. 

Per cui non è ammissibile che condotte tenute da altri soggetti possano incidere sui richiedenti. 

Del resto la valutazione su questi soggetti deve essere complessiva e si deve comprendere “in concreto” l’incidenza “in termini di giudizio, affidabilità e/o probabilità di abuso della licenza” derivante dal rapporto di parentela. 

 

Operata questa premessa generale, il Consiglio di Stato indica anche quello che è il percorso che la Pubblica Amministrazione deve seguire nella valutazione da eseguirsi per il rilascio eventuale della licenza. Secondo il Consiglio di Stato occorre anche verificare, al fine di scongiurare  infiltrazioni  della criminalità organizzata in attività come quella della raccolta di scommesse, la capacità dei richiedenti di avviare una autonoma attività di impresa, anche dal punto di vista economico. Ciò, si ribadisce,  allo scopo di evitare intestazioni fittizie. 

Per appurare ciò, la Pubblica Amministrazione dovrebbe anche svolgere una indagine di tipo patrimoniale volta ad accertare se e in quale misura vi siano finanziamenti da parte di altri soggetti, al fine di poter estendere l’indagine anche a questi soggetti. Dunque una pronuncia importante che, se da un lato esclude che la presenza di relazioni parentali con soggetti pregiudicati non è motivo valido a rigettare la richiesta, dall’altro avverte la Pubblica Amministrazione sulla necessità di estendere l’istruttoria anche alla sfera della capacità economica del richiedente.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Risarcimento detenuti: pubblicata la legge in G.U.

Entra in vigore in maniera definitiva la legge

Continua

La Camera approva il risarcimento ai detenuti

La parola al Senato per il via libera definitivo

Continua

I rimedi dopo la sentenza Torreggiani

Risarcimento, svuota carceri, riduzione dei casi di applicazione di custodia cautelare in carcere

Continua

Risarcimento ai detenuti, all'esame della commissione

Il D.L. n° 92/2014 arriverà tra breve all'esame del Parlamento, dopo il vaglio della commissione giustizia

Continua

Risarcimento per i detenuti

Per chi ha subito il "sovraffolamento" delle carceri c`è il risarcimento di 8 euro oppure una riduzione della pena

Continua

Le pene per droghe leggere vanno riviste

Questa la decisione del Tribunale di Nocera Inferiore che riduce la condanna per il reato di spaccio di droghe leggere

Continua

Droghe leggere: ammessa la revisione della pena

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione si esprimono sulla possibilità di ridurre la pena nel caso di sentenza passata in giudicato

Continua

Droga: niente carcere per la lieve entità

Esclusa la custodia cautelare in carcere per il reato ex art. 73 V comma DPR n° 309/1990 con la modifica introdotta dalla legge n° 79/14

Continua

Il sistema sanzionatorio in materia di droghe

Gli effetti pratici della sentenza della Corte Costituzionale n° 32/2014

Continua