Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Iva da accertamento per le sportive

Base di calcolo dell'Iva dovuta a seguito di accertamento

Iva da accertamento per le sportive - Base di calcolo dell'Iva dovuta a seguito di accertamento

Nella sentenza 6934/2017 della cassazione la fattispecie concreta è molto diffusa: trattasi di associazione che gestisce una palestra alla quale, in sede di accertamento, viene disconosciuta la natura “istituzionale” dei proventi riscossi dagli associati con il conseguente recupero dell’Iva non versata. La Commissione tributaria provinciale confermava la natura “commerciale” del provento, ma “sul presupposto che dall’imponibile accertato dovesse scorporarsi l’Iva inclusa nei corrispettivi percepiti e che andasse detratta l’Iva addebitata a titolo di rivalsa, rideterminava in diminuzione l’imposta dovuta e le sanzioni”. Sulla decisione sostanzialmente confermativa della Commissione regionale ricorreva in Cassazione l’Agenzia delle Entrate, la quale, per quanto di nostro interesse, eccepiva un errato giudizio da parte del Giudicante di secondo grado “nel ritenere che l’imponibile accertato, corrispondente alla somma degli abbonamenti versati per l’utilizzo della palestra gestita dalla associazione, fosse comprensivo di Iva” nonché censurando la sentenza impugnata laddove la stessa ammetteva in detrazione le fatture passive non registrate contabilmente. La Suprema Corte ha accolto integralmente la tesi dell’Agenzia ritenendo che le quote incassate dalla palestra, erroneamente ritenute “istituzionali”, venissero “riscosse al netto di qualsiasi tipo di imposta” e che il comportamento del contribuente che aveva intenzionalmente eluso la normativa fiscale risulti “idoneo a compromettere il buon funzionamento del sistema comune dell’Iva e ad escludere il diritto alla detrazione”. Si ritiene, in questo caso, di poter condividere maggiormente le conclusioni a cui erano giunte le corti di merito piuttosto che quella di legittimità. Infatti, sotto il primo profilo, si pone il problema di stabilire se l’Iva dovuta a seguito di accertamento debba essere determinata aggiungendo l’imposta ai corrispettivi o, al contrario, scorporata da questi ultimi, dovendosi cioè intendere a “Iva compresa”. Sappiamo che è principio cardine del sistema Iva che l’imposta gravi sul consumatore finale e non sul fornitore. Da ciò non può che conseguirne che l’Iva dovuta a seguito di accertamento debba essere determinata mediante scorporo dell’imposta dai corrispettivi

Anche sotto il secondo aspetto (detrazione Iva sugli acquisti) riteniamo sufficiente fare riferimento a un chiaro e condivisibile documento emanato dalla DRE Emilia Romagna, in data 23 marzo 2015, quale risultante dei lavori del tavolo tecnico quivi attivato con il locale comitato regionale del Coni, il quale, in subiecta materia, dopo aver ricordato la giurisprudenza di merito e di legittimità (vedi Cassazione n. 24912/2011) nazionale e comunitaria, testualmente così conclude: “...qualora in sede di verifica o di accertamento l’Amministrazione Finanziaria sia in grado di riscontrare, attraverso elementi oggettivi, che la contabilità dell’ente sottoposto a controllo risulti nel suo complesso attendibile – consentendo di distinguere quanto relativo all’attività istituzionale e quanto relativo alla sfera commerciale nonché di verificare l’effettività e l’inerenza delle operazioni poste in essere, - è ammissibile che sia riconosciuta in detrazione l’Iva sugli acquisti ai sensi dell’articolo 19-ter del D.P.R. 633/1972”. 

Fonte Martinelli

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Studio Vincitorio Fabio Dottore Commercialista - Perugia (PG)

STUDIO VINCITORIO FABIO DOTTORE COMMERCIALISTA

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Via Settevalli 320

06100 - Perugia (PG)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Sport: contributi per disabili

Manovra 2018 pro sport: contributo straordinario per l’acquisto di ausili per disabili e campagna di sensibilizzazione per minori extracomunitari

Continua

Lo sport bonus

Manovra di bilancio 2018: istituito lo sport bonus

Continua

La società sportiva dilettantistica lucrativa

Legge di Bilancio 2018: le novità in arrivo per le Sportive

Continua

Bozza di Bilancio 2018: collaborazioni sportive

Modifiche in materia di collaborazioni rese a fini istituzionali in favore delle associazioni e società sportive

Continua

Cda nello Sport: aspetti fiscali

Aspetti fiscali nei CdA dello sport dilettantistico

Continua

Lo sport e la riforma del terzo settore

Lo sport non è stato compreso nella nuova disciplina

Continua

Omesso versamento dell`Iva: la vedova non risponde

L’obiettiva impossibilità di far fronte all’obbligazione tributaria e la sua totale estraneità alle vicende assolvono la vedova dal reato iscritto

Continua

Fino a € 200.000 sempre seducibili ASD/SSD

Sempre deducibili le spese di “sponsor” fino a € 200.000 pagate alle ASD/SSD

Continua

Sponsorizzazione A.S.D./S.S.D.

Inquadramento fiscale della sponsorizzazione A.S.D./S.S.D. e benefici

Continua

La dichiarazione congiunta: paga la moglie

La dichiarazione congiunta: responsabilità solidale del consorte

Continua

Tassa annuale di concessione governativa

Ecco chi è tenuto a pagare il tributo e chi no

Continua

La delibera del C.N. CONI n. 1566

L’individuazione delle discipline sportive ai fini dell’iscrizione al Registro delle Associazioni

Continua

Anche minimi e forfettari nella CU 2017

Certificazione Unica 2017 anche per i titolari di parita Iva in regime dei minimi o forfettario. Ecco tutte le regole e i casi particolari

Continua

Le Discipline Sportive, delibera CONI del 14/02/2017

Mantenute nel 2017 le iscrizioni al registro CONI per quelle ASD/SSD le cui discipline praticate non trovano più rispondenza in quelle approvate dal CONI

Continua