Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Distacco dell'energia elettrica all'utente moroso

Tribunale di Roma: la sospensione dell'erogazione dell'energia elettrica all'utente moroso può essere impedita in via cautelare prima che sia attuata

Distacco dell'energia elettrica all'utente moroso - Tribunale di Roma: la sospensione dell'erogazione dell'energia elettrica all'utente moroso può essere impedita in via cautelare prima che sia attuata

Il preavviso di sospensione dell’erogazione dell’energia elettrica, comunicato dal fornitore del servizio, per il mancato pagamento di fatture, può essere inibito dal giudice, in via cautelare, ai sensi dell’art. 700 del codice di procedura civile.
Quindi, in caso di mancato pagamento di fatture contestate del servizio elettrico, il distacco dell’energia non è affatto inevitabile ed il ricorso cautelare per conseguire il riallaccio dell’energia dopo il distacco, rimedio noto ed assai praticato, non è né l’unico né il più efficace strumento di tutela dalle infondate pretese dell’erogatore del servizio elettrico. La tutela inibitoria preventiva, infatti, impedisce al fornitore di interrompere l’erogazione dell’energia elettrica, prevenendo qualsiasi danno all’utente.

Nel maggio del 2014, un fornitore di energia (società del gruppo ENEL) aveva comunicato ad un’industria del settore agroalimentare il preavviso di sospensione del servizio per il mancato pagamento di oltre 60.000,00 euro di fatture contestate. L’industria utente, quindi, ha promosso un ricorso cautelare (ex art. 700 codice di proc. civ.), sul presupposto 1) che le fatture contestate erano state emesse solo nel 2014, benché fossero relative a conguagli di consumi effettivi risalenti a ben quattro anni prima e 2) che tali presunti consumi effettivi erano stati pagati regolarmente, dal momento che, negli anni, ognuna delle fatture via via emesse dal fornitore era stata saldata, a fronte di consumi quantificati in base a letture reali, come chiaramente riportato dalle stesse bollette.
L’industria ricorrente, inoltre, ha lamentato come la società fornitrice dell’energia, nell’ambito della procedura interna di reclamo, non avesse affatto chiarito le ragioni dei maggiori consumi conguagliati.

La ricorrente aveva, poi, sostenuto di gestire un’industria di produzione di succhi di frutta, con 30 dipendenti e con catena produttiva basata su macchinari industriali e celle frigorifere; in tale realtà industriale, una sospensione anche temporanea dell’energia elettrica avrebbe comportato sia l’arresto della produzione che l’interruzione della catena del freddo e l’avaria delle scorte alimentari.

Il Tribunale di Roma, con l’ordinanza cautelare 3-4 giugno 2014 ha rilevato: A) come la misurazione dei consumi di energia elettrica costituisca un obbligo contrattuale del fornitore, il quale deve emettere le fatture sulla base dei consumi effettivi, misurati periodicamente attraverso la lettura dei contatori e come, nel caso in esame, tale obbligo non apparisse esser stato adempiuto; B) come il fornitore, in violazione dell’obbligo di correttezza e buona fede (art. 1175 codice civile), nelle proprie risposte ai reclami, non avesse chiarito all’utente i criteri per la determinazione dell’entità dell’ingente conguaglio richiesto.

Sulla scorta di tali ed altri argomenti, il Tribunale di Roma ha, quindi, ordinato al fornitore di non procedere alla sospensione dell’erogazione dell’energia elettrica. Il merito della causa, ovviamente, è demandato ad una decisione che arriverà solo tra qualche anno, ma, nelle more, l’industria potrà continuare a fruire dell’energia elettrica, alle condizioni economiche concordate e senza dover procedere a cambiare fornitore.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
1 Commento

Marco Mazzocco

23/09/2014 18:41

Egr. Collega, preliminarmente Ti ringrazio dell'ottimo servizio che offrite.

Devo intraprendere a breve un giudizio analogo a quello di cui al Tuo articolo. Potresti comunicarmi se sei in possesso degli estremi dell'ordinanza oppure del Numero di Ruolo?
In attesa di Tuo cortese riscontro porgo cordiali saluti
Marco Mazzocco

Rispondi

In risposta al commento di Marco Mazzocco

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
Annulla

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Nuove norme sull`e-commerce nel Codice del consumo

Il 2014 ha portato modifiche alla normativa dell'e-commerce, specialmente sul diritto di recesso. Molti siti di e-shop devono ancora essere aggiornati

Continua

Agenzia: il nuovo accordo economico collettivo

Il 30.07.2014 è stato sottoscritto il nuovo accordo economico collettivo per gli agenti di commercio del settore industria: cosa cambia

Continua

Le responsabilità del neo-amministratore di Srl

Sei il neo-amministratore di una Srl? Gli errori e le irregolarità del tuo predecessore possono divenire tue responsabilità

Continua

PERICOLO: arrivano le notifiche a mezzo PEC

Da agosto 2014 è stata generalizzata la notifica di atti giudiziari a mezzo PEC. Controllate quotidianamente la vostra posta!

Continua

Appalti pubblici: possibile cumulare i requisiti

Il Consiglio di Stato conferma il superamento del divieto di cumulo parziale dei requisiti nel cosiddetto avvalimento

Continua

Tutela il tuo design anche senza brevetto

L'originalità è tutelata dalle imitazioni anche senza registrazione. Importare da un Paese rispettabile non esclude il risarcimento da imitazione

Continua

Alloggio in convenzione PEEP - Quali diritti?

Se l'alloggio è stato realizzato in forza di convenzione precedente al 1992 è possibile esser ormai divenuti pieni proprietari senza alcun vincolo

Continua