Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto tributario

Cumulabili cali naturali e cali tecnici

E’ quanto hanno disposto i Giudici di Legittimità con Ordinanza N°19150 del 28/09/2016 depositata il 28/09/2016. Spetta la concessione dell'abbuono

Cumulabili cali naturali e cali tecnici - E’ quanto hanno disposto i Giudici di Legittimità con Ordinanza N°19150 del 28/09/2016 depositata il 28/09/2016. Spetta la concessione dell'abbuono

La pronuncia depositata dai Giudici di Legittimità, ad avviso di chi scrive, è degna di nota per un duplice motivo: 

- in primo luogo, come già segnalato in premessa, per avere ritenuto gli Ermellini ammissibile la “cumulabilità” dei cali naturali con i cali tecnici così come prevista dalla normativa di riferimento più volte citata dalla società ricorrente nei giudizi di merito facendo salvo l’onere della prova in capo al soggetto richiedente il beneficio in questione; 

- in secondo luogo, proprio con riferimento all’onere probatorio da ultimo richiamato,la possibilità per l’appellante di depositare nuovi documenti eventualmente  omessi nel giudizio di primo grado idonei a supportare la fondatezza della domanda posta in sede di gravame. 

La questione di merito – Il D.M. n°55/2000, art1 comma 4: 

La circostanza secondo cui la contabilizzazione dei ridetti cali è stata effettuata dalla società ricorrente in osservanza  a quanto disposto dalla Circolare Ministeriale Dipartimento delle Dogane n°299 del 16/11/1995 – Titolo I – Cap.I  annotando la società alla fine di ogni giornata lavorativa le eventuali differenze tra la giacenza contabile da registro e quella effettiva riconducibile al GPL presente all’interno dei serbatoi di stoccaggio che si trovavano nei magazzini aziendali. Tale differenza è riconducibile a quella che per definizione viene chiamato calo tecnico”  più volte richiamato in sede di premessa configurabile in funzione dei quantitativi di GPL imbottigliato. 

In particolare, ai sensi ai sensi del D.M. n°55/2000, art.1 comma 3 viene definito calo tecnico: “quello rinveniente dalla perdita di peso  o di volume dipendenti da manipolazione a cui le merci vengono sottoposta e durante la permanenza in depositi o in altri luoghi; ovvero, in dipendenza del loro trasporto”. Sono, invece, cali naturali ex art.1 comma 2 del ridetto DM n°55/2000: “quelli rinvenienti dalla perdita di peso o di volume di merci che si verificano nel tempo per effetto di fenomeni chimici, fisici o biologici. Nei cali naturali sono comprese anche le perdite connesse all’introduzione o all’estrazione delle merci”. 

Ben nella casistica in esame la parte ricorrente ha eccepito l’errore metodologico e di valutazione in cui sono incorsi i Militari della G.d.F. in sede di verifica i quali inspiegabilmente hanno tenuto in considerazione solo il calo naturale di giacenza del GPL e, non anche il calo tecnico rinveniente per definizione da ogni attività di stoccaggio e/o manipolazione nonché imbottigliamento del GPL. 

In particolare, la Tabella A posta in calce al DM n°55/2000 più volte richiamato relativamente ai cali naturali prevede espressamente un calo fisiologico pari alla misura fissa del 3% in peso commisurato all’anno di giacenza. La successiva Tabella B riferita ai cali tecnici prevede un calo pari al 2% in peso per imbottigliamento per operazioni semplici di imbottigliamento  del GPL. Lo stesso D.M. più volte richiamato, dispone espressamente all’art.1 comma 4 la “cumulabilità” dei Cali naturali con i cali tecnici, allorquando, si verificano entrambe le condizioni previste ex lege. 

A detta della società ricorrente, le conclusioni a cui sarebbero arrivati i Militari della G.d.F. in sede di verifica  e successivamente la stessa A.F. sono da considerare inattendibili avendo l’Ufficio applicato al caso di specie unicamente il calo naturale definito anche calo legale del 3% omettendo l’applicazione del calo tecnico (pari al 2%) pur ricorrendone le condizioni di cui parte appellante ha dato prova previa esibizione di idonea documentazione; ossia, attraverso l’esibizione in sede di gravame  dei D.A.S. (documenti di accompagnamento semplificati)   attraverso cui la SRL ricorrente ha attestato l’avvenuto imbottigliamento del GPL nell’intervallo di tempo considerato (01/01/2017 – 11/01/2007) che giustificherebbe l’applicazione anche del calo tecnico (2%) unitamente al calo naturale (3%). 

- L’orientamento assunto dalla Corte di Cassazione nell’Ordinanza n°19150 del 28/09/2016: 

La pronuncia in commento rileva a parere di chi scrive poichè nella casistica in esame i Giudici di Legittimità hanno ritenuto fondate entrambe le doglianze eccepite dalla SRL ricorrente. 

In particolare, l’eccepita violazione dell’art.1 comma 4 del D.M. 13/01/2000, n°55; ossia, la configurabilità di un error in judicando  ai sensi dell’art.360, comma1, n°3 c.p.c per avere la CTR escluso la cumulabilità tra cali naturali e cali tecnici del GPL espressamente ammessa dalla normativa di riferimento (art.1 comm4 del D.M. n°55/2000 e, configurabile nel caso de quo, avendo validamente provato per tabluas il ricorrente, sia pure in sede di gravame,  la sussistenza delle condizioni che legittimano anche l’applicazione del calo tecnico(2%) attraverso l’emissione dei DAS attestanti l’imbottigliamento del GPL. 

Al primo motivo, si aggiunge l’eccepita violazione delle norme di legge di cui agli art.115 e 116 c.p.c. Sul vizio di motivazione della sentenza di appello per avere la C.T.R. omesso l’esame di documenti decisivi ai fini della controversia. Errores in judicando, ai sensi dell’art.360, commi 1, n°3 e n°5 c.p.c. 

In particolare, il disconoscimento del calo tecnico da parte del giudice di appello non si è fondato nel caso di specie su un errore in diritto bensì sulla totale pretermissione delle produzioni documentali effettuate dal contribuente finalizzato a dimostrare il fatto controverso e decisivo; ossia, l’imbottigliamento del GPL nell’intervallo di tempo considerato (01/01/2007 – 11/01/2007). 

 In altre parole, il giudice di appello ha  negato la cumulabilità tra calo naturale e calo tecnico del GPL non già in astratto bensì in concreto ritenendo il giudicante  che la SRL non avesse mai indicato in atti le particolari condizioni necessarie per poter beneficiare delle relative tolleranze riferite al cumulo dei cali naturali e tecnici. 

Quando si parla di fatto controverso e decisivo riferito  alla parte motiva della sentenza,  si  deve intendere non una questione o un punto della sentenza, ma un fatto vero e proprio; quindi: “un fatto principale ex art.2697 c.c. cioè un fatto costitutivo, modificativo, impeditivo o estintivo od anche un fatto secondario cioè un fatto dedotto in funzione di prova di un fatto principale purchè controverso e decisivo” ( Cass.n°20931/13; cfr Cass.nn.16655/11 e 2805/11). 

Tanto rilevato, i Giudici della Corte di Cassazione rapportandosi alla casistica in esame hanno precisato che “il mancato esame di un documento può essere denunciato per cassazione solo nel caso in cui determini l’omissione di motivazione su un punto decisivo della controversia e, segnatamente, quando il documento non esaminato offra la prova di circostanze di tale portata da invalidare, con un giudizio di certezza e non di mera probabilità, l’efficacia delle altre risultanze istruttorie che hanno determinato il convincimento del giudice di merito, di modo che la ratio decidendi venga a trovarsi priva di fondamento”. 

Nel caso di specie, a parere degli Ermellini, la SRL ricorrente ha puntualmente indicato le ragioni per le quali il documento trascurato avrebbe senza dubbio dato luogo a una decisione diversa (Cass. sez.V, n°25756/14;  Cass. Sez IV n°4980/14; Cass. Sez I, n°5377/11). 

 

Avv. Giuseppe Durante 

Docente a contratto in Diritto Tributario presso la LUM “Jeann Monnet” – 

Esperto di  Fiscalità Locale e Processo Tributario - Pubblicista

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto tributario

Studio Legale Tributario Avv. Giuseppe Durante - Bari (BA)

Studio Legale Tributario Avv. Giuseppe Durante

Avvocati / Civile

VIA GIULIO PETRONI 25/5

70124 - Bari (BA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Tari, riduzione per disservizio non del Comune

E’ quanto ha disposto la Corte di Cassazione in concomitanza della Sentenza N°22531 depositata il 27 settembre 2017

Continua

E’ nulla la notifica della cartella a mezzo pec

E’ quanto ha disposto la Commissione Tributaria Provinciale di Reggio Emilia in concomitanza della Sentenza N°204 depositata il 31/07/2017

Continua

Pagano la Tarsu i parcheggi dei supermercati

Le aree scoperte adibite a parcheggio del Centro commerciale pagano la TARSU. Lo ha ha disposto la Corte di CASSAZIONE nella SEN. 18500 del 26/7/2017

Continua

I poteri delle commissioni tributarie

La Cassazione ha assunto in passato l’orientamento secondo cui il processo tributario era da considerare “misto" ossia inquisitorio e dispositivo

Continua

Il giudizio di ottemperanza e processo tributario

L’Istituto del giudizio di ottemperanza rappresenta senza dubbio uno degli istituti più interessanti previsti dal D.lgs.n°546/1992

Continua

Il ricorso introduttivo. Elementi essenziali

Il processo tributario, come le altre giurisdizioni soggiace al principio generale secondo cui “non si ha giurisdizione senza azione”

Continua

Gli atti impugnabili in commissione tributaria

Il processo tributario è un giudizio di impugnazione che in quanto tale implica un impulso di parte a seguito di un interesse ad agire

Continua

Accertamento TARSU e obbligo della motivazione

E' quanto ha disposto la Commissione Tributaria Provinciale di Bari- Sezione 2 in concomitanza della SENTENZA N°1963 depositata l'11 luglio 2017

Continua

Gli istituti deflattivi del contenzioso tributario

Strumenti utili al fine di diminuire i procedimenti iscritti in Commissione tributaria?

Continua

L' avviso di ricevimento postale fa fede

E’ quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione a SEZIONI UNITE in concomitanza della Sentenza N°13452 del 29 maggio 2017.

Continua

Il giudice tributario decide sul pignoramento

E quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione a SEZIONI UNITE in concomitanza della Sentenza N°13913 del 05 giugno 2017

Continua

Gli “F3” in costruzione pagano l'IMU come area

E’ quanto ha disposto la Corte di Cassazione in concomitanza della sentenza N°11694 dell’11 maggio 2017 in materia d’ICI/IMU

Continua

Paga l'ICI/IMU chi coadiuva i coltivatori diretti

E’ quanto ha disposto la Corte di Cassazione in concomitanza dell’Ordinanza n°11979 del 12 maggio 2017 in materia di agevolazioni ICI/IMU

Continua

Dal 1° luglio al via a Equi-Entrate riscossione

Tra i provvedimenti del Decreto Legge n°193 del 22/10/2016 vi è la disposizione che prevede la soppressione di Equitalia SPA per i tributi locali

Continua

Cartella esattoriale e prova della notifica

Grava sul concessionario della riscossione l’onere di provare l'avvenuta notifica della cartella di pagamento posta a base della iscrizione di ipoteca

Continua

La compensazione delle spese deve essere motivata

E’ quanto ha disposto dalla Suprema Corte di Cassazione Civ. 5 con la Sentenza 31 maggio 2016, n°11217 sulle spese di giudizio compensate

Continua

No esenzione ICI per immobili della Santa sede

E’ quanto disposto dalla Suprema Corte di Cassazione nel Ordinanza 17/06/2016, n°14667 in materia di esenzione ICI per gli Immobili della Santa Sede

Continua

Inesistente la notifica postale AR della cartella

Commento a Sentenza della C.T.P. di Bari - Sezione 7 - N°4457 depositata il 22/12/2016

Continua

Nullo l'avviso di accertamento ICI non motivato

Nel procedimento tributario la motivazione dell’avviso di accertamento è garanzia dell'esercizio del diritto di difesa del contribuente

Continua

Consorzi di bonifica e la prova del beneficio

Spetta al Consorzio di Bonifica la prova contraria ex art.2697 comma 2 c.c. sulla sussistenza del beneficio specifico e diretto pro terreno agricolo

Continua

Obbligo della mediazione per i tributi locali

Si tratta di una delle novità ultime introdotte con i Decreti attuativi in materia di contenzioso tributario in chiave prevalentemente deflattiva

Continua

Motivazione e principio di soccombenza processuale

Il presente articolo focalizza gli aspetti tecnici e procedurali riconducibili all'art.15, comma 2 del D.lgs.n°546/1992 da recepire in sentenza.

Continua

É necessaria una riforma del Processo Tributario

Il presente articolo focalizza alcune modifiche urgenti da cui la Giurisdizione tributaria non può più prescindere

Continua