Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto tributario

La compensazione delle spese deve essere motivata

E’ quanto ha disposto dalla Suprema Corte di Cassazione Civ. 5 con la Sentenza 31 maggio 2016, n°11217 sulle spese di giudizio compensate

La compensazione delle spese deve essere motivata - E’ quanto ha disposto dalla Suprema Corte di Cassazione Civ. 5  con la Sentenza 31 maggio 2016, n°11217 sulle spese di giudizio compensate

La Sentenza N°11217 del 31/05/2016 pronunciata dalla Corte di Cassazione: 

La pronuncia della Corte di Cassazione in commento, ad avviso di chi scrive rileva non poco poichè si colloca  evidentemente nel solco dei principi normativi e giurisprudenziali sopra richiamati, avendo ritenuto i Giudici di Palazzaccio assolutamente non congrua in chiave motivazionale la sentenza che dispone la compensazione delle spese di lite (in espressa deroga al principio della soccombenza di cui all’art.15 comma 2 del D.lgs.n°546/1992) previo utilizzo della generica formula spesso utilizzata in sede di giudicato: ”peculiarità della materia del contendere”. 

In particolare, i Giudici di legittimità nel caso di specie hanno ritenuto il capo della sentenza impugnata relativo al regolamento delle spese processuali meritevole di cassazione con conseguente rinvio alla Commissione tributaria regionale della campania che in diversa composizione provvederà in ordine alle spese processuali relative al procedimento giudiziale di cui si tratta. 

Tuttavia, è comunque fatta salva la possibilità del giudice tributario di dichiarare in tutto o in parte compensate, ossia, destinate a rimanere in tutto o in parte a carico di chi le ha sostenute, le spese in caso di soccombenza reciproca o qualora sussistano gravi ed eccezionali ragioni che devono necessariamente essere espressamente motivate in sentenza secondo quanto disposto dal più volte richiamato art.15 comma 2 del D.lgs.n°546/1992. Il dato normativo ci porta a sostenere che, in tema di liquidazione delle spese, la compensazione delle stesse costituisce chiaramente una eccezione rispetto alla regola generale della soccombenza processuale.  

In altre parole, il principio generale dispone che paga chi provoca la lite e, di regola, si intende che provochi la lite chi si trova nel torto. La regola generale vuole che chi è titolare di un diritto leso non debba subire la soccombenza processuale in termini di spese processuali per ottenerne il riconoscimento in sede giurisdizionale. 

- Conclusioni: 

A parere di chi scrive, può dirsi  condivisibile l’orientamento ultimo assunto dai Giudici di legittimità i quali nella pronuncia in commento hanno ritenuto che la Commissione tributaria regionale non abbia fatto corretta applicazione della normativa contenuta nell’art.15 comma 2 del più volte richiamato D.lgs.n°546/1992 ritenendo, il Collegio tributario giudicante sussistenti i presupposti per giustificare la compensazione delle spese processuali, pur esimendosi il giudice tributario da qualsiasi giustificazione in tal senso, in deroga espressa al precetto normativo  contenuto nel richiamato art.15 comma 2 del D.lgs.n°546/1992. 

In particolare, la giurisprudenza prevalente ritiene che la pronuncia avente ad oggetto la compensazione delle spese processuali è da ritenersi insindacabile in sede di legittimità, eccetto i casi in cui siano espresse ragioni palesemente illogiche tali da inficiare per la loro stessa inconsistenza o palese erroneità il processo formativo della volontà decisionale[5]. 

In particolare, proprio sulla questione delle spese processuali la stessa Corte di Cassazione a Sezioni Unite in concomitanza della pronuncia N°20598 del 30/07/2008[6] ha sancito la necessità che il provvedimento di compensazione delle spese processuali trovi sempre e comunque un adeguato supporto motivazionale. 

 

[1] Cfr. Cass. 17/09/2015, n°18276 

[2] Cfr. Cass.13/07/2015, n°14546. 

[3] Cfr. Cass.17/09/2015, n°18276. 

[4] Cfr. Cass. 13/01/2015, n°373. 

[5] Cfr. Cass. 3218/2008; Cass.23719 del 21/10/13. 

[6] Nella richiamata pronuncia, le Sezioni Unite civili hanno affermato che «Il potere del giudice di pronunciare la compensazione fra le parti dell'onere circa il sostenimento delle spese del giudizio non è arbitrario, discrezionale o svincolato dalla correlativa disposizione che impone ­ in conformità ai canoni del giusto processo ed effettività del diritto di difesa ­ di gravare il soccombente del costo economico della lite. Conseguentemente, laddove il giudice ritenga di derogare a tale principio devono essere manifestate in modo intellegibile le ragioni che conducono a detta conclusione desumibili anche dalle statuizioni contenute nella motivazione della decisione. Ragioni che possono essere costituite da oscillazioni giurisprudenziali sul thema decidendum, oggettive difficoltà di accertamento dei fatti dedotti in causa, ovvero palese sproporzione fra l'interesse realizzato dalla parte vittoriosa ed il costo delle attività processuali richieste.».

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto tributario

Studio Legale Tributario Avv. Giuseppe Durante - Bari (BA)

Studio Legale Tributario Avv. Giuseppe Durante

Avvocati / Civile

VIA GIULIO PETRONI 25/5

70124 - Bari (BA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

ICI. La notifica degli accertamenti a mezzo posta

Il D.lgs.n°504/1992, art.11 nel testo applicabile ratione temporis prevede esclusivamente il ricorso al servizio postale con raccomandata a.r.

Continua

Tari, riduzione per disservizio non del Comune

E’ quanto ha disposto la Corte di Cassazione in concomitanza della Sentenza N°22531 depositata il 27 settembre 2017

Continua

E’ nulla la notifica della cartella a mezzo pec

E’ quanto ha disposto la Commissione Tributaria Provinciale di Reggio Emilia in concomitanza della Sentenza N°204 depositata il 31/07/2017

Continua

Pagano la Tarsu i parcheggi dei supermercati

Le aree scoperte adibite a parcheggio del Centro commerciale pagano la TARSU. Lo ha ha disposto la Corte di CASSAZIONE nella SEN. 18500 del 26/7/2017

Continua

I poteri delle commissioni tributarie

La Cassazione ha assunto in passato l’orientamento secondo cui il processo tributario era da considerare “misto" ossia inquisitorio e dispositivo

Continua

Il giudizio di ottemperanza e processo tributario

L’Istituto del giudizio di ottemperanza rappresenta senza dubbio uno degli istituti più interessanti previsti dal D.lgs.n°546/1992

Continua

Il ricorso introduttivo. Elementi essenziali

Il processo tributario, come le altre giurisdizioni soggiace al principio generale secondo cui “non si ha giurisdizione senza azione”

Continua

Gli atti impugnabili in commissione tributaria

Il processo tributario è un giudizio di impugnazione che in quanto tale implica un impulso di parte a seguito di un interesse ad agire

Continua

Accertamento TARSU e obbligo della motivazione

E' quanto ha disposto la Commissione Tributaria Provinciale di Bari- Sezione 2 in concomitanza della SENTENZA N°1963 depositata l'11 luglio 2017

Continua

Gli istituti deflattivi del contenzioso tributario

Strumenti utili al fine di diminuire i procedimenti iscritti in Commissione tributaria?

Continua

L' avviso di ricevimento postale fa fede

E’ quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione a SEZIONI UNITE in concomitanza della Sentenza N°13452 del 29 maggio 2017.

Continua

Il giudice tributario decide sul pignoramento

E quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione a SEZIONI UNITE in concomitanza della Sentenza N°13913 del 05 giugno 2017

Continua

Gli “F3” in costruzione pagano l'IMU come area

E’ quanto ha disposto la Corte di Cassazione in concomitanza della sentenza N°11694 dell’11 maggio 2017 in materia d’ICI/IMU

Continua

Paga l'ICI/IMU chi coadiuva i coltivatori diretti

E’ quanto ha disposto la Corte di Cassazione in concomitanza dell’Ordinanza n°11979 del 12 maggio 2017 in materia di agevolazioni ICI/IMU

Continua

Dal 1° luglio al via a Equi-Entrate riscossione

Tra i provvedimenti del Decreto Legge n°193 del 22/10/2016 vi è la disposizione che prevede la soppressione di Equitalia SPA per i tributi locali

Continua

Cartella esattoriale e prova della notifica

Grava sul concessionario della riscossione l’onere di provare l'avvenuta notifica della cartella di pagamento posta a base della iscrizione di ipoteca

Continua

Cumulabili cali naturali e cali tecnici

E’ quanto hanno disposto i Giudici di Legittimità con Ordinanza N°19150 del 28/09/2016 depositata il 28/09/2016. Spetta la concessione dell'abbuono

Continua

No esenzione ICI per immobili della Santa sede

E’ quanto disposto dalla Suprema Corte di Cassazione nel Ordinanza 17/06/2016, n°14667 in materia di esenzione ICI per gli Immobili della Santa Sede

Continua

Inesistente la notifica postale AR della cartella

Commento a Sentenza della C.T.P. di Bari - Sezione 7 - N°4457 depositata il 22/12/2016

Continua

Nullo l'avviso di accertamento ICI non motivato

Nel procedimento tributario la motivazione dell’avviso di accertamento è garanzia dell'esercizio del diritto di difesa del contribuente

Continua

Consorzi di bonifica e la prova del beneficio

Spetta al Consorzio di Bonifica la prova contraria ex art.2697 comma 2 c.c. sulla sussistenza del beneficio specifico e diretto pro terreno agricolo

Continua

Obbligo della mediazione per i tributi locali

Si tratta di una delle novità ultime introdotte con i Decreti attuativi in materia di contenzioso tributario in chiave prevalentemente deflattiva

Continua

Motivazione e principio di soccombenza processuale

Il presente articolo focalizza gli aspetti tecnici e procedurali riconducibili all'art.15, comma 2 del D.lgs.n°546/1992 da recepire in sentenza.

Continua

É necessaria una riforma del Processo Tributario

Il presente articolo focalizza alcune modifiche urgenti da cui la Giurisdizione tributaria non può più prescindere

Continua