Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto tributario

Registrazione Software e i Vantaggi per l'Impresa

Come fare per registrare un software? Come Attrarre investitori? Quali sono i vantaggi economici, fiscali e giuridici per l'impresa?

Registrazione Software e i Vantaggi per l'Impresa - Come fare per registrare un software? Come Attrarre investitori? Quali sono i vantaggi economici, fiscali e giuridici per l'impresa?

Molto spesso una domanda che ci si pone dopo aver creato un software o un applicazione è: come faccio a tutelare i miei interessi patrimoniali nel caso in cui la mia app o il mio software siano copiati? 

Ex art. 45, comma 2, lett. B. del D.lgs 30/2005 (Codice della proprietà industriale) non è possibile brevettare come invenzione industriale i software. 

Tuttavia, dando uno sguardo d’insieme alla normativa afferente il diritto d’autore, regolato dalla L. 633/1941, ci si accorge che, all’art. 103 della L.A., si legge: “Alla Societa' italiana degli autori ed editori e' affidata, altresi', la tenuta di un registro pubblico speciale per i programmi per elaboratore. In tale registro viene registrato il nome del titolare dei diritti esclusivi di utilizzazione economica e la data di pubblicazione del programma, intendendosi per pubblicazione il primo atto di esercizio dei diritti esclusivi.” 

Dunque, i software e le applicazioni, sebbene non brevettabili, sono registrabili presso la SIAE. La registrazione ha l’effetto di fornire all’autore prova della paternità e della data di creazione di un determinato lavoro, conferendogli altresì i diritti morali (a essere riconosciuto autore) e patrimoniali sul software o sull’applicazione. 

Nel Registro Pubblico per il software istituito presso la SIAE possono essere registrati i software “pubblicati”,  ossia che siano già stati (o stiano per essere) commercializzati oppure che, nel caso di un lavoro su commissione, siano (o stiano per essere) consegnati al datore: l’importante è che siano stati già “collaudati”, ossia messi in funzione almeno una volta. Altra caratteristica necessaria è  che abbiano carattere creativo ovvero che siano dotati di originalità rispetto ai programmi preesistenti, il tutto secondo il noto criterio della “novità rispetto allo stato della tecnica”. 

Orbene ora ci si chiede, ma quali sono gli effetti derivanti dalla registrazione del software? 

La registrazione ha un importante effetto di tipo costitutivo: infatti è solo mediante la registrazione che vengono ad esistenza i diritti d’autore spettanti al creatore (o ai creatori) del software. All’autore, infatti,  spettano, oltre ai diritti morali a essere riconosciuto in quanto creatore (diritti imprescrittibili), anche i diritti di utilizzazione economica, che durano tutta la vita dell’autore e fino a 70 anni dopo la sua morte. Tali diritti comprendono il diritto di sfruttamento economico del programma,  nonché il diritto di effettuare o autorizzare la riproduzione, la traduzione, l'adattamento, la trasformazione, la modificazione e la distribuzione in qualsiasi forma del programma software. 

In buona sostanza, con la registrazione viene a crearsi una posizione giuridica attiva da parte dell’autore, rappresentata dalla titolarità dei diritti di utilizzazione economica del software, la quale può essere liberamente ceduta a terzi dietro un corrispettivo economico, mediante un contratto di licenza. 

In aggiunta, la registrazione costituisce mezzo di prova della data di creazione del software e dei dati contenuti nel deposito: paternità, titolo, data di pubblicazione. La registrazione sul Registro Pubblico per il software fa fede fino a prova contraria dell’esistenza del programma e di chi ne sia l’autore. I dati inseriti nell’archivio sono pubblici e possono essere consultati da chiunque ne faccia richiesta. La SIAE rilascia copie autentiche ed estratti di tutto ciò che è depositato tranne dell’esemplare del programma. Sul Registro possono anche essere trascritti gli atti di trasferimento totale o parziale dei diritti di utilizzazione economica. Tale efficacia probatoria assume un carattere preminente nell’ottica di eventuali (futuri) contenziosi derivanti dall’utilizzo improprio o non autorizzato o ancora dal plagio, da parte di terzi, dell’opera intellettuale registrata. 

La registrazione può essere richiesta dall’autore, sia come persona fisica, sia come titolare di un’attività d’impresa in qualsiasi forma costituita, sia da un’impresa stessa (in tal caso al dipendente autore del software spettano solo i diritti morali a esser riconosciuto come autore, mentre i diritti patrimoniali spettano all’azienda, ma tale rapporto può variare a seconda del tipo di contratto con cui il lavoratore opera nei confronti dell’impresa). 

Dal punto di vista aziendale, cosa cambia? 

Dal punto di vista aziendale, la registrazione di un software produce diversi effetti, tutti molto positivi per lo svolgimento dell’attività d’impresa e le prospettive di crescita della stessa: 

·         Qualificazione come startup innovativa: nel caso in cui l’impresa possegga già determinati requisiti giuridici (costituzione come società di capitali), economici (fatturato inferiore ai 5 mln €.) e temporali (costituita da non più di 60 mesi), con la registrazione di un software viene soddisfatto l’ulteriore requisito della “produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico”(L. 179/2012), assumendo la qualifica di startup innovativa. Ciò comporta innumerevoli vantaggi, sia dal punto di vista giuridico e fiscale, sia dal punto di vista economico, in quanto aumentano le possibilità di finanziamento per l’azienda, dato che vi sono bandi esclusivamente riservati alle startup innovative. Del pari, aumenta l’attrattività che tali imprese posseggono per i c.d. “Business angel”, ovvero per gli investitori professionali; 

·         Aumento attrattività dell’impresa per investitori: prescindendo dalla qualificazione come startup innovativa, in ogni caso la presenza di un I.P.R. (intellectual property right, ndr) consente di essere più competitivi sul mercato e di attrarre maggiori investimenti. Infatti, mediante la registrazione, i diritti patrimoniali di sfruttamento del software entrano con certezza a far parte del patrimonio aziendale, con possibilità sia di sfruttamento economico (licenza) sia di tutela nei confronti dei terzi anche in sede contenziosa. Tale aspetto è di fondamentale importanza per un investitore professionale, in quanto nella valutazione della convenienza economica di un investimento, il primo fattore di cui si tiene conto  è la certezza dell’investimento e la sua tutelabilità dal punto di vista giuridico: nessuno mai investirebbe in un’azienda i cui beni potrebbero essere copiati senza possibilità di tutela; 

·         Protezione dell’impresa dai concorrenti e tutela del proprio prodotto, con conseguente creazione di un avviamento economicamente apprezzabile; 

·         Vantaggio fiscale, derivante dalla possibilità di usufruire del c.d. “Patent Box”, ossia un regime opzionale di tassazione per i redditi derivanti dall'utilizzo di opere dell'ingegno, introdotto con l’art. 1, commi 37 – 43 della Legge 23 dicembre 2014 n. 190 (Legge di Stabilità) come modificato dal Decreto Legge del 24 gennaio 2015, n. 3 (Investment Compact) convertito in legge con modificazioni, dalla Legge 24 marzo 2015, n. 33 

Vi sono, dunque, innumerevoli vantaggi derivanti dalla registrazione di un software; quali sono, tuttavia, i costi? 

Costi della registrazione del software 

1.      103, 26 euro a titolo di tasse di registrazione 

2.      11 euro euro a titolo di imposta di bollo 

3.      150 euro a titolo di onorari professionali (variabili a seconda del professionista/azienda cui ci si rivolge) 

4.      TOTALE: EURO 264, 26 

Un costo dunque molto contenuto, con una notevole leva dal punto di vista economico per l’impresa, la quale, mediante la registrazione, assumerà grandi prospettive di crescita. 

Per ulteriori informazioni: 

Dott. Alessandro Scavo – Consulente societario e Tributario - Studio Legale Scavo & Associati, Bari, 3476884388 

  

  

 

                                                                                                                                 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Diritto tributario

Studio Legale Scavo & Associati - Bari (BA)

Studio Legale Scavo & Associati

Avvocati / Civile

Via Martin Luther King 21

70124 - Bari (BA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Come ottenere il risarcimento per insidia stradale

Il manto stradale era maltenuto e presentava buche? Ecco una guida rapida su come ottenere un risarcimento derivante da un danno da insidia stradale

Continua

La Stabile Organizzazione in Italia

Breve commento sulla definizione di stabile organizzazione alla luce delle recenti normative Italiane e Comunitarie

Continua

Che tipo di società scegliere in fase di startup?

Quale forma giuridica adottare per la propria impresa? Differenza tra ditta individuale, società di persone, SRL ed SRLS

Continua

Anatocismo: Sent. Cass. N. 17150 del 17/08/2016

Nullità della clausola di capitalizzazione trimestrale degli interessi anatocistici maturati con riguardo ad un contratto di apertura di credito

Continua

Costituire una start-up

Ecco i passi da intraprendere e una guida ai finanziamenti!

Continua

Rottamazione delle cartelle e cartelle pazze

Ecco quando non conviene rottamare

Continua

L'acquisto di immobili alle aste giudiziarie

Ecco quali sono i vantaggi e i possibili rischi da cui tutelarsi

Continua

I contratti di Rete

I Contratti di Rete: un utile strumento per accrescere la produttività della tua azienda senza dover necessariamente effettuare corposi investimenti

Continua

Studi settore: obbligo di motivazione rafforzata

E' illegittimo l'accertamento, basato su Studi di settore, che non tenga conto di quanto affermato dal contribuente in sede di contraddittorio

Continua

IRI: Cosa cambia per le Imprese

La nuova imposta proporzionale (24%) per le imprese individuali e le società di persone: domande e risposte

Continua

Ipoteca Eccessiva? La Banca deve risarcire!

Se la Banca iscrive ipoteca per un valore eccessivo, secondo la Cassazione il comportamento è illegittimo e deve risarcire il danno. C.Cass. 6533/16

Continua

Cambiamenti nei contratti bancari

Nel caso in cui la Banca modifichi in peius le condizioni di un contratto, deve, a pena di nullità, pattuirlo con il cliente in maniera esplicita

Continua

Come costituire una StartUp: i passi da fare

Guida pratica alle scelte da compiere nel momento di ideazione e costituzione di una StartUp

Continua

Mantenimento figli: come si dividono le spese

Come si dividono le spese di mantenimento dei figli tra coniugi: le spese ordinarie e straordinarie

Continua

Rimborso Azioni Banche Popolari

Nuove interpretazioni che riconoscono il diritto del cliente a vedersi rimborsate le azioni nel momento in cui egli lo richiede

Continua

Investimenti in Ricerca e Sviluppo: agevolazioni

Chiarimenti, modalità applicative e ambito del credito d'Imposta per attività di ricerca e Sviluppo.

Continua

Buste paga inferiori al lavoro svolto

Cosa succede quando una busta paga è inferiore al lavoro effettivamente prestato?

Continua