Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto tributario

Dal 1° luglio al via a Equi-Entrate riscossione

Tra i provvedimenti del Decreto Legge n°193 del 22/10/2016 vi è la disposizione che prevede la soppressione di Equitalia SPA per i tributi locali

Dal 1° luglio al via a Equi-Entrate riscossione - Tra i provvedimenti del Decreto  Legge  n°193 del 22/10/2016 vi è  la disposizione che prevede la soppressione di Equitalia SPA per i tributi locali

Tra i provvedimenti più rilevanti del decreto  legge  n°193 del 22/10/2016, vi è sicuramente la disposizione che prevede la soppressione di Equitalia SPA le cui funzioni di riscossione saranno devolute ad un ente appositamente istituito. Sembra, pertanto che il legislatore abbia finalmente voluto scrivere la parola fine  alle puntuali proroghe che di semestre in semestre per diversi anni hanno procrastinato l’operatività del Concessionario nazionale nella riscossione dei tributi anche per la fiscalità locale.  Infatti, dal 1° luglio   non sarà più Equitalia SPA l’Agente della riscossione che si occuperà di riscuotere coattivamente i tributi di spettanza comunale. Molto probabilmente, anzi direi è quasi una certezza, l’attribuzione della procedura coattiva ad una sezione specializzata dell’Agenzia delle entrate – Sezione Riscossione che si occuperà dei tributi locali nella fase relativa alla solvibilità dei crediti comunali sotto il diretto controllo del Ministero dell’economia e delle finanze. 

Ma vediamo quale sarà il nuovo scenario a seguito della novità ultima disposto dal decreto legge in commento: 

 

ESTINZIONE DELLE SOCIETA’ DEL GRUPPO EQUITALIA 

In particolare, l’art. 3 del decreto-legge di cui sopra dispone che a decorrere dal 1° luglio 2017 le societa' del Gruppo Equitalia SPA saranno cancellate d'ufficio dal registro delle imprese e, pertanto inevitabilmente  estinte.  Ne deriva che l'esercizio delle funzioni relative alla riscossione nazionale sarà affidato ad un ente pubblico economico denominato «Agenzia delle entrate-Riscossione» sottoposto all'indirizzo e alla vigilanza del Ministro dell'economia e delle finanze.L'ente subentrerà nei rapporti giuridici attivi e passivi  nonchè processuali delle societa' del Gruppo Equitalia; presso il nuovo ente sarà ricollocato il personale dipendente di Equitalia previa verifica delle competenze mentre gli esuberi saranno ricollocati presso uffici pubblici in base alle esigenze dei diversi ministeri. L’acquisizione delle funzioni di riscossione da parte del nuovo ente consentirà all’Agenzia delle Entrate, stando alle premesse del testo di legge, di potenziare e rendere più efficaci gli accertamenti fiscali, nonché le procedure di recupero forzoso dei crediti, anche grazie alle informazioni contenute nelle banche dati di cui dispone l’Agenzia. 

 

CARTELLE  ESATTORIALI  GIA’ EMESSE 

Esaminiamo ora le disposizioni relative alle cartelle esattoriali già emesse da Equitalia, mettendone in evidenza gli aspetti essenziali. 

L’art.6 del decreto prevede che relativamente ai ruoli emessi negli anni dal 2000 al 2015, i debitori possono estinguere il debito senza corrispondere le sanzioni incluse in tali carichi e gli interessi di mora, provvedendo al pagamento integrale, anche dilazionato, entro il limite massimo di quattro rate, dell’importo dovuto a titolo di capitale + interessi legali + somme sostenute da Equitalia a titolo di aggio e spese di notifica ed eventuali procedure esecutive. 

In pratica, il decreto esclude dal ruolo gli importi dovuti a titolo di sanzioni ed interessi di mora, voci che, pertanto, andranno scomputate dalla cartella esattoriale. 

Al fine di potere attivare tale beneficio fiscale in fase di riscossione coattiva e avere pertanto la possibilità  avvalersi di tale nuova forma di pagamento, il debitore destinatario di cartelle di pagamento già emesse e notificate dall’Agente della riscossione dovrà manifestare all'agente della riscossione (Equitalia) la sua volonta' di avvalersene, rendendo entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, apposita dichiarazione secondo le modalita' e in conformita' alla modulistica che lo stesso agente della riscossione pubblica sul proprio sito internet nel termine massimo di quindici giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto.Occorre, pertanto, tenere d’occhio il sito internet di Equitalia per scaricare la modulistica necessaria alla emissione dei nuovi ruoli; in tale modulo bisogna indicare, inoltre, il numero di rate in cui si vuole effettuare il pagamento, non superiori a quattro, nonche' la pendenza di eventuali giudizi di opposizione alle cartelle esattoriali in oggetto, impegnandosi a rinunciare agli stessi giudizi. 
Entro 180 giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, è fatto obbligo  per  l'agente della riscossione Equitalia SPA comunicare a coloro che hanno presentato la dichiarazione di attivazione del beneficio fiscale, l'ammontare complessivo delle somme dovute nonche' quello delle singole rate, e il giorno e il mese di scadenza di ciascuna di esse al netto delle sanzioni e degli interessi di mora scomputati dagli importi originariamente indicati in cartella. 

In ogni caso, le prime due rate saranno ciascuna pari ad un terzo; mentre la terza e la quarta rata saranno ciascuna pari ad un sesto delle somme dovute; la scadenza della terza rata non potrà superare il 15 dicembre 2017 e la scadenza della quarta rata il 15 marzo 2018. 

A seguito della presentazione della suddetta dichiarazione sono sospesi i termini di prescrizione e decadenza per il recupero dei carichi oggetto della dichiarazione medesima; l'agente della riscossione, pertanto, non potrà avviare nuove azioni esecutive; ovvero iscrivere nuovi fermi amministrativi e ipoteche, fatti salvi i fermi amministrativi e le ipoteche gia’ iscritti alla data di presentazione della dichiarazione, e non potrà proseguire le procedure di recupero coattivo precedentemente avviate, a condizione che non si sia ancora tenuto il primo incanto con esito positivo ovvero non sia stata presentata istanza di assegnazione ovvero non sia stato gia' emesso provvedimento di assegnazione dei crediti pignorati. 

In caso di mancato, o parziale o tardivo versamento dell'unica rata ovvero di una rata di quelle in cui e' stato dilazionato il pagamento, la definizione alle nuove condizioni non produrrà effetti e riprenderanno a decorrere i termini di prescrizione e decadenza fino ad allora sospesi; in tal caso, i versamenti effettuati saranno acquisiti a titolo di acconto dell'importo complessivamente dovuto. 

  

DEFINIZIONE DEI RUOLI GIA’ DILAZIONATI 

Importante è anche la disposizione che estende la facoltà di aderire alla nuova procedura di definizione dei ruoli ai soggetti che hanno già in corso rateizzazioni e dilazioni con Equitalia, a condizione che, rispetto ai piani rateali in essere, risultino pagati tutti i versamenti con scadenza dal l°ottobre al 31 dicembre 2016. 

In tal caso ai fini della determinazione dell'ammontare delle somme da versare, si tiene conto esclusivamente degli importi già versati a titolo di capitale e interessi inclusi nei carichi affidati, nonche', di aggio e di rimborso delle spese per le procedure esecutive e delle spese di notifica della cartella di pagamento; in pratica, non si tiene conto dell’importo ancora dovuto per le sanzioni e gli interessi di mora. 

Non sono, tuttavia, rimborsabili le somme versate, anche anteriormente alla definizione, a titolo di sanzioni, interessi di dilazione e di mora. Il pagamento della prima o unica rata nuovamente definita determina, la revoca automatica dell'eventuale dilazione ancora in essere precedentemente accordata da Equitalia. Rimangono escluse dall’ambito di applicazione del decreto legge le somme dovute a titolo di recupero di aiuti di Stato, i crediti derivanti da pronunce di condanna della Corte dei conti
le multe, le ammende e le sanzioni pecuniarie dovute a seguito di provvedimenti e sentenze penali di condanna, le sanzioni amministrative per violazioni al Codice della strada.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto tributario

Studio Legale Tributario Avv. Giuseppe Durante - Bari (BA)

Studio Legale Tributario Avv. Giuseppe Durante

Avvocati / Civile

VIA GIULIO PETRONI 25/5

70124 - Bari (BA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Tari, riduzione per disservizio non del Comune

E’ quanto ha disposto la Corte di Cassazione in concomitanza della Sentenza N°22531 depositata il 27 settembre 2017

Continua

E’ nulla la notifica della cartella a mezzo pec

E’ quanto ha disposto la Commissione Tributaria Provinciale di Reggio Emilia in concomitanza della Sentenza N°204 depositata il 31/07/2017

Continua

Pagano la Tarsu i parcheggi dei supermercati

Le aree scoperte adibite a parcheggio del Centro commerciale pagano la TARSU. Lo ha ha disposto la Corte di CASSAZIONE nella SEN. 18500 del 26/7/2017

Continua

I poteri delle commissioni tributarie

La Cassazione ha assunto in passato l’orientamento secondo cui il processo tributario era da considerare “misto" ossia inquisitorio e dispositivo

Continua

Il giudizio di ottemperanza e processo tributario

L’Istituto del giudizio di ottemperanza rappresenta senza dubbio uno degli istituti più interessanti previsti dal D.lgs.n°546/1992

Continua

Il ricorso introduttivo. Elementi essenziali

Il processo tributario, come le altre giurisdizioni soggiace al principio generale secondo cui “non si ha giurisdizione senza azione”

Continua

Gli atti impugnabili in commissione tributaria

Il processo tributario è un giudizio di impugnazione che in quanto tale implica un impulso di parte a seguito di un interesse ad agire

Continua

Accertamento TARSU e obbligo della motivazione

E' quanto ha disposto la Commissione Tributaria Provinciale di Bari- Sezione 2 in concomitanza della SENTENZA N°1963 depositata l'11 luglio 2017

Continua

Gli istituti deflattivi del contenzioso tributario

Strumenti utili al fine di diminuire i procedimenti iscritti in Commissione tributaria?

Continua

L' avviso di ricevimento postale fa fede

E’ quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione a SEZIONI UNITE in concomitanza della Sentenza N°13452 del 29 maggio 2017.

Continua

Il giudice tributario decide sul pignoramento

E quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione a SEZIONI UNITE in concomitanza della Sentenza N°13913 del 05 giugno 2017

Continua

Gli “F3” in costruzione pagano l'IMU come area

E’ quanto ha disposto la Corte di Cassazione in concomitanza della sentenza N°11694 dell’11 maggio 2017 in materia d’ICI/IMU

Continua

Paga l'ICI/IMU chi coadiuva i coltivatori diretti

E’ quanto ha disposto la Corte di Cassazione in concomitanza dell’Ordinanza n°11979 del 12 maggio 2017 in materia di agevolazioni ICI/IMU

Continua

Cartella esattoriale e prova della notifica

Grava sul concessionario della riscossione l’onere di provare l'avvenuta notifica della cartella di pagamento posta a base della iscrizione di ipoteca

Continua

La compensazione delle spese deve essere motivata

E’ quanto ha disposto dalla Suprema Corte di Cassazione Civ. 5 con la Sentenza 31 maggio 2016, n°11217 sulle spese di giudizio compensate

Continua

Cumulabili cali naturali e cali tecnici

E’ quanto hanno disposto i Giudici di Legittimità con Ordinanza N°19150 del 28/09/2016 depositata il 28/09/2016. Spetta la concessione dell'abbuono

Continua

No esenzione ICI per immobili della Santa sede

E’ quanto disposto dalla Suprema Corte di Cassazione nel Ordinanza 17/06/2016, n°14667 in materia di esenzione ICI per gli Immobili della Santa Sede

Continua

Inesistente la notifica postale AR della cartella

Commento a Sentenza della C.T.P. di Bari - Sezione 7 - N°4457 depositata il 22/12/2016

Continua

Nullo l'avviso di accertamento ICI non motivato

Nel procedimento tributario la motivazione dell’avviso di accertamento è garanzia dell'esercizio del diritto di difesa del contribuente

Continua

Consorzi di bonifica e la prova del beneficio

Spetta al Consorzio di Bonifica la prova contraria ex art.2697 comma 2 c.c. sulla sussistenza del beneficio specifico e diretto pro terreno agricolo

Continua

Obbligo della mediazione per i tributi locali

Si tratta di una delle novità ultime introdotte con i Decreti attuativi in materia di contenzioso tributario in chiave prevalentemente deflattiva

Continua

Motivazione e principio di soccombenza processuale

Il presente articolo focalizza gli aspetti tecnici e procedurali riconducibili all'art.15, comma 2 del D.lgs.n°546/1992 da recepire in sentenza.

Continua

É necessaria una riforma del Processo Tributario

Il presente articolo focalizza alcune modifiche urgenti da cui la Giurisdizione tributaria non può più prescindere

Continua