Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Modello F24: cambiano le modalità di presentazione

Per tutti i titolari di partita Iva, in presenza di compensazioni, il mod. F24 va presentato esclusivamente tramite i canali telematici dell' AdE

Modello F24: cambiano le modalità di presentazione - Per tutti i titolari di partita Iva, in presenza di compensazioni, il mod. F24 va presentato esclusivamente tramite i canali telematici dell' AdE

Dal giorno 24 aprile 2017 il pagamento di qualsiasi tributo da parte di titolari di partita Iva che preveda una qualsiasi compensazione di importi a credito deve avvenire esclusivamente attraverso i canali telematici dell’Agenzia delle Entrate, quindi attraverso F24 online, F24 web, F24 cumulativo (o F24 addebito unico) riservato agli intermediari.
Il dispositivo dell’articolo 3 D.L. 50/2017 infatti vieta l’utilizzo del remote/home banking gestiti da banche e poste quando vi è una qualsiasi compensazione con somme a credito, a prescindere dall’importo ed indipendentemente dal fatto che l’imposta da compensare sia oggetto di visto di conformità nella dichiarazione.
L’Agenzia delle Entrate ha chiarito due punti importanti:
- I controlli partiranno a partire dal 01 giugno 2017;
- Il cosiddetto “bonus Renzi” (80 euro al mese) ed i crediti rimborsati da liquidazione Modello 730, liquidati dai sostituti di imposta, sono esclusi da provvedimento su indicato, in quanto non hanno natura di crediti da ritenute.
Possiamo sintetizzare quindi la situazione attuale:
Per i titolari di partita Iva:
- In presenza di compensazioni possono essere utilizzati i seguenti canali: F24 online, F24 web, F24 cumulativo (o F24 addebito unico) riservato agli intermediari;
- In assenza di compensazioni si può ancora utilizzare l’Home/remote banking oltre i canali prima elencati.
Per i non titolari di partita Iva invece:
- In assenza di compensazioni oltre a tutti i canali telematici disponibili, anche cartaceo;
- In presenza di compensazioni ma saldo a debito attraverso i canali telematici dell’agenzia Entrate e home/remote banking;
-          Con compensazione e saldo a zero solo attraverso i canali telematici dell’Agenzia delle Entrate.
Dott. Ario Roselli

 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Roselli & Partners - Soc. Coop. A.r.l. - Grottaminarda (AV)

Roselli & Partners - soc. coop. a.r.l.

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Contrada Fontanelle, 37/b

83035 - Grottaminarda (AV)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Al via il Bando Resto al sud

Le domande di accesso ai finanziamenti potranno essere presentate a partire dal 15 Gennaio 2018 fino ad esaurimento delle risorse stanziate

Continua

Rottamazione cartelle esattoriali 2017

Rottamazione bis 2017 - Possibile rottamare le cartelle di pagamento notificate fino al 30 settembre 2017

Continua

Bando Professionisti Regione Campania

Al via il primo bando per progetti di investimento promossi da professionisti e aspiranti professionisti con finanziamento del 50% a fondo perduto

Continua

Bando Isi 2016, incentivi alle imprese

Finanziamento a fondo perduto pari al 65% delle spese ammissibili per progetti di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Continua