Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza psicologica

Lo psicologo. Perchè?

Cercare una soluzione per stare meglio è un atto d'amore verso se stessi. Lo psicologo è colui o colei che sostiene senza giudicare

Lo psicologo. Perchè? - Cercare una soluzione per stare meglio è un atto d'amore verso se stessi. Lo psicologo è colui o colei che sostiene senza giudicare

Affrontare le vicissitudini della vita nella loro quotidianità può essere, a volte, faticoso. L’incalzare degli impegni, delle richieste da parte della società, della famiglia, del lavoro, la necessità di essere adeguati anche quando non ci si sente. 

Sentirsi soli, in un’epoca in cui, sembra impossibile esserlo, è, oltre ad un moderno paradosso, un dato di realtà. Si condivide sui social network tutto quanto, o quasi, scorre e trascorre nella nostra vita. Si hanno virtualmente centinaia di amici ma pochi reali ed incarnati con i quali bere un caffè e raccontarsi le proprie vicende. Anche con gli amici veri e viventi si fatica a ritagliarsi spazi di conforto quotidiani, per mancanza di tempo o per impossibilità pratico-logistiche. Si assiste quindi ad un profondo senso di solitudine e di incertezza. Ci si sente come se mancasse qualcosa. E, un po’ per paura, un po’ per rassegnazione, non se ne parla adeguatamente. O meglio, spesso il malessere assume la forma della lamentela (verso gli altri o verso sé stessi) senza però prendere la forma più decisa dell’introspezione e quella della consapevolezza. Per troppo tempo si è pensato alla psicologia, agli psicologi, come a “dottori dei matti”. Precludendosi così la possibilità di raggiungere uno stato di serenità e di benessere mai sperimentato prima. Infatti dallo psicologo non si va necessariamente se si hanno problemi psichici di una certa entità (per quelli, eventualmente, esistono gli psichiatri). Dallo psicologo si va per stare meglio, per sentirsi bene, per essere aiutati ad affrontare un cambiamento (di qualunque tipo, lavorativo, amoroso o di altra natura), si va per capire meglio il nostro “modo di funzionare”. Per capire cosa ci spinge, ad esempio, verso nuove storie d’amore sempre e comunque disastrose. Alla famosa domanda “perché capitano tutte a me?” ci può infatti essere una risposta che è racchiusa proprio all’interno di noi. Una domanda che può avere una risposta, sebbene essa sia ben nascosta tra i meandri del nostro inconscio (inteso qui come luogo dove molto è occultato alla consapevolezza ma che comunque agisce sulle nostre vite). Qual è il meccanismo che ci fa sperimentare ansia e attacchi di panico apparentemente inspiegabili. In questo caso lo psicologo, insieme e irrimediabilmente con la persona che ne richiede l’aiuto ed il sostegno, tracciano il filo rosso che collega tra loro fatti apparentemente sconnessi. 

Qual è il motivo per cui ci sentiamo sempre irrimediabilmente arrabbiati con “il resto del mondo”. 

Dallo psicologo va chi è alla ricerca di un cambiamento. Parziale o totale. Esso richiede coraggio e quel coraggio può essere sostenuto proprio da una buona terapia. Non si tratta di magia e nemmeno di miracoli, ma, a conti fatti, è proprio ciò che accade dopo un intenso lavoro terapeutico. Si può scoprire di avere molte più risorse di quante se ne pensava di avere. Si può scoprire qual è la strada per la nostra felicità (senza poi doverla obbligatoriamente prendere). 

Si può anche decidere di andare dallo psicologo perché si ha un forte bisogno di parlare e di raccontarsi senza essere giudicati o criticati. La persona che si rivolge allo psicologo avrà sempre un alleato. Avrà sempre un sostegno che lo accompagnerà nei suoi momenti più difficili. Anche quando la terapia sarà conclusa. Questa è anche la magia del lavoro psicologico. 

A Natale una mia giovane paziente mi ha donato un quaderno con la seguente dedica: 

NOTHING IS IMPOSSIBLE BECAUSE THE SAME WORD SAYS I’M POSSIBILE (traduzione: niente è impossibile perché la stessa parola dice sono possibile)” e segue: “grazie a lei ho capito il significato di questa frase”. 

Penso che in questa dedica sia riassunto molto bene ciò che è l’essenza del mio lavoro.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza psicologica

Dr.ssa Alessandra Marelli - Senago (MI)

DR.SSA ALESSANDRA MARELLI

Psicologi e Psichiatri / Psicologi

VIA MORANDI 24

20030 - Senago (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

L''ansia e la paura

Da dove arriva la nostra ansia? Che origini hanno le nostre paure? E, soprattutto, cosa ci vogliono dire?

Continua

L’aggressività nei bambini

Una fiaba per aiutarli a comprenderla e a gestirla

Continua

L’effetto paradosso

Separarsi come coppia a volte è l'unica soluzione possibile. Attenzione, però, a non "utilizzare" i bambini per fare del male all'ex partner

Continua