Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Responsabilità civile

La svolta epocale sugli assegni di mantenimento

La sentenza n. 11504 del 2017 e il revirement della Corte di Cassazione sul “medesimo tenore di vita” dei coniugi

La svolta epocale sugli assegni di mantenimento - La sentenza n. 11504 del 2017 e il revirement della Corte di Cassazione sul “medesimo tenore di vita” dei coniugi

La svolta epocale segnata dalla Suprema Corte, con la sentenza n. 11504 del 2017, comporta delle conseguenze significative sul piano sociale, ancor prima che su quello giuridico. 

Invero, la questione sottoposta al vaglio della I Sezione della Corte di Cassazione, relativa alla legittimità o meno del parametro del “medesimo tenore di vita” del coniuge in costanza di matrimonio nella quantificazione dell’assegno di mantenimento, comporta una previa riflessione sull’evoluzione economico-sociale, prima ancora della valutazione giuridica sul punto. 

Per dipanare l’iter logico della predetta sentenza, è opportuno muovere dalle premesse che costituiscono il fondamento degli autorevoli precedenti della Suprema Corte. 

A tal proposito, la questione della legittimità o meno dell’assegno divorzile non è nuova al Giudice di Legittimità, che sul punto si era già espresso con la nota sentenza SS.UU. n. 11490 del 1990. Tale autorevole precedente, infatti, muove le premesse dalla disposizione contenuta nell’art. 5, comma 6 della legge n. 898/1970, secondo la lettura prevalente di tutela del coniuge economicamente più debole, l’assegno divorzile è computato tenendo conto del “medesimo tenore di vita goduto in costanza di matrimonio”. Questo principio cardine trova il proprio fondamento nelle funzione compensativa e, in un certo senso, risarcitoria dell’assegno, a discapito di quella assistenziale; quest’ultima, diversamente, muove dal presupposto del dovere di solidarietà nei confronti del coniuge che “non ha mezzi adeguati o non può procurarseli per ragioni oggettive”.  

La Suprema Corte, con la recente pronuncia, valorizza proprio la concezione assistenziale dell’assegno divorzile, stabilendo che il giudice ordinario dovrà interpretare e valutare la sussistenza o meno in capo all’ex coniuge di “mezzi adeguati”, al fine di evitare un’”illegittima locupletazione” da parte di quest’ultimo. 

Tale interpretazione “assistenziale”, peraltro, era stata oggetto della recente pronuncia della Corte Costituzionale, n. 11/2015, secondo la quale dal presupposto del medesimo tenore di vita del coniuge in costanza di matrimonio deriva un semplice parametro per determinare astrattamente “il tetto massimo della misura dell’assegno”, che deve essere fatto oggetto di un’opera di bilanciamento relativa al caso concreto, che tenga conto degli ulteriori presupposti dell’art. 5 della legge n. 898/1970. 

Ciò che rileva, a tal proposito, al di fuori delle considerazioni giuridiche, è la conseguenza sul piano sociale della pronuncia Cass. Civ. n. 11504 del 2017. 

L’incongruenza della norma vivente, infatti, ben evidenziata già dal Giudice Costituzionale, si basa sull’assoluta inadeguatezza “teleologica tra i mezzi (l’assegno) e il fine (divorzio), ponendosi in contraddizione proprio con la ratio dello scioglimento del matrimonio la parametrazione dell’assegno allo stesso tenore di vita matrimoniale”. 

Ma la predetta pronuncia della Corte di Cassazione si spinge oltre, affermando che adottare il criterio del tenore di vita matrimoniale significa muovere dal presupposto che il rapporto coniugale continui a dispiegare i propri effetti (c.d. ultrattività del rapporto coniugale) sul piano patrimoniale, proprio nel momento in cui i coniugi manifestano una volontà contraria. 

Spetterà, poi, al coniuge che intende avvalersi dell’assegno di divorzio dimostrare di non avere mezzi adeguati e di non essere economicamente indipendente, allegando la documentazione relativa al proprio reddito, alla titolarità di eventuali diritti di proprietà, etc. 

Da un punto di vista sociale, pertanto, le conseguenze rivoluzionarie della pronuncia de qua si rifletteranno presumibilmente sulla possibilità di chiedere la revisione dei capi delle sentenze di divorzio relativi agli assegni matrimoniali, o addirittura la loro eliminazione. 

Per contro, spostando l’angolo di visuale, gli uffici giudiziari si troveranno a far fronte ad un aumento esponenziale del contenzioso in materia, nel tentativo di far fronte ad un’esigenza di adeguazione del diritto vivente alla norma positiva, che è stata colta appieno dal Giudice di Legittimità, ma presenta ancora notevoli lacune normative. 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Responsabilità civile

Avv. Laura Mezzena - Milano (MI)

Avv. Laura Mezzena

Avvocati / Civile

Via Alfonso Lamarmora 33

20122 - Milano (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Overbooking, cancellazione e ritardo del volo

Nell’era del boom delle compagnie low-cost, quali sono le tutele per i passeggeri?

Continua

Affidamento dei figli in caso di trasferimento

Il trasferimento lontano dall'altro genitore non fa perdere l'affidamento dei figli

Continua

La responsabilità del notaio

La responsabilità del notaio per la violazione del dovere di consiglio

Continua

Le novità in materia delle locazioni brevi

I nuovi obblighi fiscali dell’intermediatore immobiliare

Continua

Lavoro accessorio: i nuovi Voucher

Al via dal 10 luglio la nuova piattaforma online sul sito dell’INPS

Continua

Permesso di soggiorno, nuovi contributi

Con il decreto del 9 giugno variano gli importi per il rilascio del permesso di soggiorno

Continua

IUS SOLI, cosa potrebbe cambiare?

In questi giorni, in Italia, si discute animatamente circa la legge sulla cittadinanza. Ma cosa prevede?

Continua

Sul cosiddetto mobbing immobiliare

Il mobbing immobiliare consisterebbe nelle pressioni, anche illegali, dei proprietari "per cacciare gli inquilini" allo scopo di sfruttare meglio l'immobile

Continua

Parto anonimo: ricerca delle origini

Esiste per il figlio adottato il diritto a conoscere la propria madre biologica?

Continua

Accettazione dell’eredità con beneficio di inventario

Per evitare di pagare i debiti del defunto con il proprio patrimonio, gli eredi possono ricorrere a un particolare tipo di accettazione dell’eredità

Continua

Vizi: sospensione dei canoni di locazione?

L'inquilino deve pagare il canone anche se la casa affittata presenta dei vizi

Continua

Sulla rottamazione delle cartelle esattoriali

Come scegliere l'alternativa migliore tra rottamazione e rateizzazione

Continua

Rottamazione delle cartelle di Equitalia

Ultimi aggiornamenti sulla definizione agevolata e procedura per chiedere la rottamazione

Continua

Ipoteca immobiliare: trauma da stress

Il trauma da stress provocato dall’Agente delle tasse che iscrive erroneamente ipoteca su un immobile di proprietà va risarcito come danno biologico

Continua

Il nuovo amministratore e i controlli contro i morosi

La Riforma del condominio ha introdotto due novità legislative importanti su amministratori e controlli serrati contro i morosi

Continua

Unioni civili e convivenze 2016

Domenica 5 giugno 2016 è entrato in vigore il ddl Cirinnà. Ecco i punti principali

Continua

La responsabilità medica 2016

In materia di inquadramento giuridico della responsabilità medica, il punto di partenza del ragionamento è la natura della responsabilità.

Continua

Le nuove procedure esecutive 2016

Le novazioni più rilevanti al codice di procedura sono contenute nelle “Disposizioni in materia di espropriazione forzata”

Continua

Il nuovo divorzio breve

I nuovi istituti si applicano non solo alle separazioni e ai divorzi, ma anche alle modifiche delle condizioni stabilite nelle separazioni e divorzi già sanciti

Continua

Il nuovo procedimento di esdebitazione per il consumatore

Permette la cancellazione dei debiti pregressi del debitore, compresi quelli verso il fisco

Continua

Il corretto valore delle c.d. tabelle milanesi

Cass. Sent. n. 9367 del 10 maggio 2016: le cd. tabelle milanesi non costituiscono fonte di diritto

Continua

Obbligo di assistenza familiare nonostante la disoccupazione

Obblighi di assistenza familiare: lo stato di disoccupazione non esime dal mantenimento dei figli

Continua

Recupero crediti, quando si configura un abuso del diritto?

Anche l’eccesso di tutela del credito fatto valere in giudizio configura una ipotesi di abuso del diritto

Continua

Errore medico: chi paga?

Il risarcimento danni derivanti da cattiva pratica medica dopo la Legge Balduzzi

Continua

Fondo di solidarietà per il coniuge in stato di bisogno

Lo Stato anticipa l’assegno che non è stato versato dall’ex coniuge a chi versa in stato di bisogno

Continua

Spese extra di istruzione in caso di separazione, chi deve pagare?

Anche se non vi è stato un accordo preventivo, vi è l’obbligo di corresponsione delle spese extra da parte di entrambi i genitori

Continua

Sulla medicina estetica correttiva

Brevi cenni sul consenso informato e responsabilità medica

Continua