Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Contributo ambientale Conai

Particolari adempimenti sono previsti per le imprese produttrici o importatrici di imballaggi

Contributo ambientale Conai - Particolari adempimenti sono previsti per le imprese produttrici o importatrici di imballaggi

La problematica dei rifiuti e dei relativi costi di smaltimento riveste una notevole importanza nel contesto sociale, per questo motivo il legislatore ha voluto dare una risposta a questa tematica, prevedendo un ente preposto alla gestione dello smaltimento dei rifiuti da imballaggi ed introducendo alcuni adempimenti a cui sono tenute le aziende che producono o importano imballaggi nel territorio italiano. L’istituto che si occupa di questo progetto è denominato CONAI (Consorzio Nazionale Imballaggi), un consorzio privato che opera senza fini di lucro, incaricato di ripartire i costi della raccolta differenziata, del riciclaggio e del recupero dei rifiuti tra produttori ed utilizzatori. Prima di analizzare gli adempimenti previsti per le imprese, si ritiene opportuno dare di seguito una definizione di azienda produttrice o utilizzatrice di imballaggi.
Per produttori si intendono: (i) i produttori e importatori di materie prime destinate a imballaggi, (ii) i produttori-trasformatori e importatori di semilavorati destinati a imballaggi, (iii) i produttori di imballaggi vuoti, (iv)gli importatori-rivenditori di imballaggi vuoti.
Per utilizzatori si intendono invece: (i) gli acquirenti-riempitori di imballaggi vuoti, (ii) gli importatori di “imballaggi pieni” (cioè di merci imballate), (iii) gli autoproduttori (che producono imballaggi per confezionare le proprie merci), (iv) i commercianti di imballaggi pieni (acquirenti-rivenditori di merci imballate), (v) i commercianti di imballaggi vuoti (che acquistano in Italia e rivendono questi imballaggi senza effettuarne alcuna trasformazione).
In base alla normativa in materia, i produttori e gli utilizzatori di imballaggi sono responsabilizzati alla corretta gestione ambientale degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio generati dal consumo dei propri prodotti e quindi tenuti all’adesione e applicazione del contributo ambientale. Nello specifico tutti i soggetti sopra definiti devono presentare la domanda di adesione per diventare consorziati a CONAI. La quota di partecipazione è costituita da un importo fisso pari ad 5,16 euro, più una quota variabile prevista per le imprese che nel corso dell’esercizio precedente hanno conseguito ricavi superiori a 500 mila euro. La quota di partecipazione viene versata soltanto una volta e può essere adeguata successivamente a discrezione del consorziato. Nel caso di imprese di nuova costituzione o che iniziano una nuova attività che comporta la produzione o l’utilizzo di imballaggi, devono aderire al Conai entro un mese dall’inizio dell’attività, conteggiando tale termine dalla data di emissione della prima fattura. Altro importante adempimento è il versamento del contributo ambientale, al quale sono tenuti tutti i coloro che per primi immettono l’imballaggi finiti nel mercato nazionale, quindi i produttori/importatori di imballaggi vuoti e gli importatori di merci imballate. A questi si aggiungono i produttori/importatori di materiali di imballaggio che forniscono autoproduttori e gli autoproduttori stessi, nel momento in cui importano le materie prime per confezionare le proprie merci. Gli imballaggi destinati all’esportazione sono invece esentati dall’applicazione del contributo. I soggetti obbligati al versamento sono tenuti a dichiarare periodicamente a CONAI i quantitativi di imballaggi ceduti o importati nel territorio nazionale. La periodicità della dichiarazione può essere annuale, trimestrale o mensile in funzione dell’entità del Contributo dovuto per ciascun materiale. Per gli importatori di imballaggi pieni è prevista la procedura semplificata che determina forfettariamente il tributo dovuto. Solo le aziende che adottano sistemi autonomi di gestione dei propri rifiuti di imballaggio o mettono in atto sistemi di restituzione dei propri imballaggi sono esclusi dall'adesione e dal conseguente obbligo di versamento del contributo ambientale. Sono inoltre esclusi dal contributo gli utenti finali degli imballaggi, ovvero tutti i soggetti che pur acquistando merce imballata per l'esercizio della propria attività o per il proprio consumo, non effettuano alcuna attività di commercializzazione e distribuzione della merce imballata acquistata. L'esclusione di tali soggetti viene però meno qualora le aziende anche in via del tutto marginale, vendano parte della merce imballata acquistata, oppure acquistino detta merce imballata o gli imballaggi vuoti direttamente dall'estero anche solo per utilizzarli nella propria attività. L’esclusione viene meno anche nell’ipotesi di acquisto di imballaggi vuoti sul territorio nazionale per l'esercizio della propria attività. Un esempio tipico di utente finale è rappresentato dal parrucchiere che acquista prodotti per il lavaggio e la cura dei capelli. Se si limitasse ad utilizzare tali prodotti come materie di consumo per lo svolgimento della propria attività, non sarebbe tenuto all'adesione al Conai e nulla sarebbe dovuto a titolo di contributo. Se invece lo stesso parrucchiere dovesse vendere anche solo parte degli stessi prodotti acquistati per svolgere il proprio lavoro, allora deve iscriversi al Conai e pagare il contributo dovuto. Lo stesso dicasi se acquista i prodotti direttamente dall'estero, anche solo per utilizzarli direttamente senza venderne nessuno. Nel momento in cui l’azienda provvede all’invio della dichiarazione periodica deve inserire nelle fatture di vendita la dicitura “Conai assolto”, per comunicare ai clienti che tutti gli adempimenti dovuti a suo carico sono stati eseguiti.

Per qualsiasi informazione e chiarimento sull’argomento trattato o per fissare un appuntamento con i nostri esperti, UCS-CEA è sempre disponibile ai recapiti indicati nel profilo di studio.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Nuove dichiarazioni integrative a favore 2017

Sono previsti termini più lunghi per inviare le integrative a favore ed è consentito l’utilizzo del credito in compensazione o a rimborso dal 2017

Continua

Nuove regole per le locazioni a breve termine

Il D.L. 50/2017 introduce nel nostro ordinamento nuove disposizioni in merito la tassazione degli affitti ad uso abitativo e turistico di breve durata

Continua

Startup innovativa a costo zero

Maggiori agevolazioni fiscali per le startup innovative per favorire un maggior impulso negli investimenti in capitale di rischio

Continua

Risoluzione del contratto di cessione d’azienda

Di seguito vengono esaminate le conseguenze fiscali connesse alla risoluzione del contratto di cessione d’azienda con clausola di riserva di proprietà

Continua

Esdebitazione debiti IVA secondo la Legge 3/2012

Di seguito viene esaminato il regime di decurtabilità dei debiti IVA a seguito della procedura di liquidazione del patrimonio

Continua

La gestione della crisi da sovraindebitamento

Di seguito viene esaminato il rapporto fra professionisti di nomina giudiziale e gli OCC nella gestione della crisi da sovraindebitamento

Continua

Perdite realizzate durante la liquidazione

Di seguito viene esaminato il trattamento fiscale delle perdite delle società di persone che si generano nella fase della liquidazione

Continua

Trasformazione agevolata in società semplice

Importanti chiarimenti sono stati forniti con la circolare n. 26/E/2016 dell’Agenzia delle Entrate per il perfezionamento operazione agevolata

Continua

Patent Box: determinazione del reddito agevolabile

L’Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti e soluzioni interpretative sull’impianto del Patent Box

Continua

Operazioni di acquisizione con indebitamento

L’Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti relativi alla deducibilità degli interessi passivi connessi al finanziamento delle predette operazioni

Continua

Accertamenti sulla plusvalenza da cessione azienda

Lo scostamento tra valore e prezzo di cessione d’azienda non legittima il Fisco a procedere all’accertamento induttivo

Continua

Nuove agevolazioni per gli immobili in comodato

La Legge di Stabilità ha introdotto nuove disposizioni per la riduzione dell’IMU e della TASI sulle abitazioni concesse in comodato ai parenti

Continua

Limiti alle azioni esecutive di Equitalia

Non tutti i beni del contribuente, in debito con il fisco, possono essere pignorati. Vediamo cosa può fare e cosa non può fare Equitalia

Continua

Nuovi chiarimenti sui rimborsi IVA semplificati

L’Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti relativi a questioni interpretative inerenti alla disciplina dei rimborsi IVA (circ. 35/E del 27.10.2015)

Continua

Benefit ai dipendenti, risparmio per l’azienda

“Welfare Marketplace” in Italia: i dipendenti scelgono i benefit di loro interesse e l’imprenditore riduce il cuneo fiscale

Continua

Voluntary disclosure: aderire è meglio che curare

Gli accordi internazionali sono ormai quasi tutti definiti o in via di definizione. L’adesione è una scelta di fatto obbligata più che volontaria

Continua

Illegittimo il blocco della perequazione pensioni

La Corte Costituzionale rileva l’illegittimità del blocco della perequazione pensioni per il biennio 2012-2013. Istanza preventiva per il rimborso

Continua

La contabilità si automatizza con “boxmydox”

Boxmydox, la prima ed innovativa applicazione che “pre-contabilizza” le fatture senza l’utilizzo di “OCR”, “barcode” o “tracciati semantici”!

Continua

Rent to buy, una vera nuova opportunità per molti

La banca non eroga il mutuo per l’acquisto della casa o dell’ufficio? Acquista l’immobile con il rent to buy senza buttare i soldi per l’affitto!

Continua

Troppi debiti? Esdebitazione è la risposta!

Sovraindebitamento ed esdebitazione. Finalmente ora è possibile lasciarsi alle spalle i debiti contratti nel passato e ripartire da zero!

Continua