Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza psicologica

I "messaggi" del panico

Il panico: un'opportunità di crescita e non un "mostro" da cui fuggire!

I "messaggi" del panico - Il panico: un'opportunità di crescita e non un "mostro" da cui fuggire!

In questo articolo propongo una lettura del panico che possa far avvicinare il lettore a questo disturbo tanto conosciuto e temuto, per comprenderlo come un “messaggio” che il corpo invia alla psiche, come un’OPPORTUNITA’ DI CRESCITA e non come “mostro” da rifuggire a tutti i costi! Nel mio lavoro di analista ritengo infatti che sia profondamente necessario avvicinare questo disturbo non solo risolvendo i sintomi che comporta, ma sopratutto ascoltando i messaggi che cela; solo così si potranno “risolvere” i suoi enigmi, le sue complessità, le sue manifestazioni “mostruose”. 

 

Il panico è infatti uno dei sintomi più invalidanti: è causa di grande angoscia, immobilità, impotenza, di vissuti che comportano una “crisi” descritta e sentita come una “esperienza di morte”; durante un attacco di panico non siamo più padroni del nostro corpo, siamo colpiti da improvviso terrore che si associa spesso ad una paura di perdere il controllo e di impazzire, oltre che a sintomi somatici come tachicardia, mancanza d’aria, sudorazione.  

 

Per non allarmarsi troppo è necessario CONOSCERE questo disturbo partendo dall’origine etimologica della parola 'panico' derivante dal nome del dio greco Pan:  secondo il mito Pan era un Dio dall’aspetto terrificante per metà uomo e per metà animale dal pelo ispido, con corna e zoccoli caprini. Era il dio greco dei luoghi incontaminati, della natura, dei boschi profondi e densi, delle valli inaccessibili; associato a colline selvagge, grotte deserte e remote, luoghi solitari.  

Con questo aspetto e con le sue urla spaventose, Pan incuteva grande terrore; in modo analogo, il panico riflette in chi lo prova un senso di terrore improvviso, uno stato selvaggio e irrazionale di paura, una perdita di coscienza. 

Pan è fanatico, inarrestabile, terrorizza, aggredisce all’improvviso, semina panico, stupra, genera gli incubi. Ma Pan è anche colui che “abita le dolci vallate” e, oltre ad essere rappresentato con un corpo da capro, sporco, irsuto, è anche dotato di corna levigate, simbolo di elevazione spirituale. E’ quindi sintesi di opposti, contiene gli istinti che più ci turbano e ci spaventano, ma al tempo stesso è PORTATORE DI ASPETTI SALVIFICI. Pan minaccia e terrorizza, Pan protegge e salva: nella psiche gli opposti sono sempre racchiusi l’uno nell’altro. 

 

Proviamo quindi a esplorare entrambe le polarità del panico

 

..QUELLA CHE MINACCIA E TERRORIZZA.. 

Chi soffre di attacchi di panico avverte di essere completamente in balia della violenza tipica della natura: si perde il controllo, crollano le certezze, non ci sono punti fermi a cui appigliarsi, tutto sembra frantumarsi, si avverte una generalizzata instabilità e spesso anche una mancanza di senso.  

Come mai si scatena questa “forza della natura”? 

Come scrive James Hillman, psicologo ed analista junghiano, “Il panico si presenta con due facce: vissuto esternamente in rapporto ad uno stimolo e chiamato paura; trattenuto dentro in assenza di stimoli accertati e chiamato angoscia. La paura ha un oggetto; l’angoscia ne è priva.” Può esserci paura panica, una fuga precipitosa o può esserci un’angoscia panica, come in un incubo. 

La paura è un istinto arcaico fondamentale. È un meccanismo fisiologico di difesa. Negli attacchi di panico però l’oggetto della paura può non essere chiaro e l’angoscia prende il sopravvento.. invade tutto il corpo, paralizza, toglie il fiato e fa scoppiare il cuore nel petto. L’impossibilità per il nostro Io di trovare la causa dalle sue paure terrorizza ancora di più.  

Questo è uno dei motivi per cui il panico incute grande timore in chi lo vive.. l’angoscia non ha volto, né motivazioni facili da comprendere.  

Al contempo però il panico può offrire un grande aiuto per chi riesce ad ascoltare anche la voce del suo polo opposto, quella “che salva”

 

.. E QUELLA CHE PROTEGGE E SALVA.. 

Per avvicinarci ad una lettura positiva del panico torniamo ancora una volta al mito. Le azioni del Dio Pan hanno carattere ermetico, celano messaggi e in modo analogo anche negli attacchi di Panico si celano messaggi: costringono le persone a “vedere” ciò che le terrorizza e le fa soffrire, a entrare in contatto con l’inconscio, con l’ignoto, a incontrare la propria Ombra.  

E per quanto spaventoso tale incontro possa essere, offre una via per trasformare il cieco istintuale panico, in conoscenza di sé!

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitā circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirā all'Autoritā Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore č esperto in
Consulenza psicologica

Dott.ssa Manna Guscelli - Busto Arsizio (VA)

Dott.ssa Manna Guscelli

Psicologi e Psichiatri / Psicologi

Viale Luigi Cadorna 11

21052 - Busto Arsizio (VA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Perchè non mi piaccio?

Una lettura dell'immagine di sé legata a ciò che siamo e desideriamo autenticamente, spesso falsata dalla rincorsa a modelli sociali illusori

Continua

Perchè ci sentiamo insoddisfatti?

Spesso ci sentiamo insoddisfatti sia nella vita privata che in quella lavorativa. Quali sono le cause? Come possiamo superare l'insoddisfazione?

Continua

Adolescente in trasgressione

L'importanza della trasgressione in adolescenza. Per il genitore è essenziale comprendere cosa comunica il proprio figlio adolescente

Continua