Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto commerciale

Master franchising, quale legge applicabile?

Il Regolamento c.d. Roma I, Roma II e la prassi commerciale prediligono l’autonomia nella scelta della legge applicabile

Master franchising,  quale legge applicabile? - Il Regolamento c.d. Roma I, Roma II e la prassi commerciale prediligono l’autonomia nella scelta della legge applicabile

Le questioni relative all’individuazione della legge applicabile ai contratti internazionali di (franchising e di) Master franchising, in mancanza di una specifica disciplina internazionalprivatistica, vanno risolte mediante il ricorso alle norme previste per i contratti in generale.
Il problema della legge applicabile riguarda tutti i contratti c.d. internazionali, ossia quei contratti che presentano elementi di estraneità giuridicamente rilevanti rispetto ad un dato ordinamento giuridico e, di converso, elementi di collegamento con altri ordinamenti.
In linea generale, la gran parte dei moderni sistemi di diritto internazionale privato attribuisce alla volontà delle parti un ruolo fondamentale nella scelta della legge applicabile al contratto (c.d. electio iuris), in modo da consentire alle parti di dare al rapporto contrattuale un assetto meglio rispondente ai loro interessi.

In tale contesto, è di primario rilievo il Regolamento c.d. Roma I (Regolamento (CE) n. 593/2008 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 giugno 2008 sulla legge applicabile alle obbligazioni contrattuali, in vigore dal 18 dicembre 2009 in tutti gli Stati dell’Unione europea (fatta eccezione per la Danimarca). Tale Regolamento consente ai contraenti di indicare, in maniera espressa o implicita, come legge applicabile, un qualunque ordinamento giuridico statale che sia reputato adeguato. Ed anzi tale è la valorizzazione dell’autonomia privata che alle parti è concessa la libertà di scegliere la legge applicabile anche in un momento successivo alla conclusione del contratto, di modificare la scelta operata in precedenza e di riferirsi a più ordinamenti giuridici per selezionare le norme chiamate a disciplinare i diversi aspetti del rapporto contrattuale.
Inoltre, analogo principio di autonomia della volontà è ora previsto anche dall’art. 14 del Regolamento n. 864/2007 dell’11 luglio 2007, c.d. Regolamento ‘‘Roma II’’, entrato in vigore l’11 gennaio 2009, per le obbligazioni extracontrattuali.
In materia di franchising la prassi contrattuale degli operatori svolge un ruolo determinante incentivando la stipula di clausole di scelta espressa del diritto applicabile.

Per ciò che specificamente concerne il Master franchising (internazionale), ciascuna parte tende di regola a sostenere nelle trattive la scelta della propria come legge applicabile al contratto. In tale tipologia contrattuale, infatti, a differenza del franchising (internazionale), il rapporto tra i contraenti può essere caratterizzato da un maggiore equilibrio, proprio in considerazione delle qualità e delle caratteristiche che sovente connotano la figura del sub-franchisor, sicché v’è normalmente spazio per lo sviluppo di trattative anche su tale aspetto.
Ciascuna parte, chiaramente, tende a proporre l’applicazione della legge dello Stato in cui essa ha la propria sede d'affari, sospinta dal movente psicologico invero comune a tutti i contratti internazionali, per cui si tende a presumere che la legge domestica, in quanto conosciuta, sia anche per sé più vantaggiosa. Da un lato, infatti, i franchisors tendono ad imporre l’applicazione della legge dello Stato in cui essi hanno la loro sede d’affari al fine di ottenere uniformità di disciplina dei contratti di Master che andranno a stipulare nei vari Paesi. Dall’altro, i sub-franchisors fanno leva per condurre la scelta verso la legge del proprio Paese sulla circostanza che in esso sarà funzionante la rete che verrà realizzata in esecuzione del contratto di Master.

Non sempre e non necessariamente il sub-franchisor è soggetto dotato di competenze e conoscenze adeguate per valutare compiutamente le soluzioni prospettate dal franchisor e/o dispone di una forza tale da rendere effettivamente equilibrate le trattative precontrattuali, sicché anche per questi si pongono esigenze di tutela rispetto a possibili abusi del franchisor in ordine alla scelta della legge applicabile.
In caso di divergenze e, quindi, i contraenti non abbiano designato la legge applicabile, il contratto è regolato dalla legge risultante dall’applicazione delle norme di conflitto.
Più precisamente secondo l’art. 4 della Convenzione di Roma in mancanza di scelta da parte dei contraenti, il contratto è regolato dalla legge del Paese con il quale presenta il collegamento più stretto: è questo il cosiddetto principio di prossimità.

Infine, in merito alla composizione delle liti, va detto che l'individuazione del giudice competente in materia di (franchising e di) Master franchising internazionale deve avvenire secondo quanto prevedono le disposizioni che definiscono tale questione per la generalità dei contratti, come accade per la determinazione della legge applicabile.

Il mio studio è a disposizione per offrire ulteriori approfondimenti in merito.  


Avv. Renato Rugiero

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto commerciale

Studio Legale Rugiero - Rr Law Firm - Napoli (NA)

STUDIO LEGALE RUGIERO - RR LAW FIRM

Avvocati / Civile

RIVIERA DI CHIAIA 270

80121 - Napoli (NA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Sequestro conservativo c.d. in mani proprie

Sequestro conservativo in mani proprie di somme dovute dal datore di lavoro al lavoratore a titolo di trattamento di fine rapporto

Continua

Locazione commerciale e irregolarità urbanistica

Ecco i principi sanciti dalla Corte di Cassazione in materia di validità del contratto di locazione e di irregolarità urbanistica dell’immobile locato

Continua

Il contratto di franchising

Differenze rispetto alla concessione di vendita, alla somministrazione e ai contratti di licenza

Continua

La legge italiana sul franchising

Ecco cosa prevede il nostro ordinamento in tema di franchising

Continua

La nozione giuridica di know how

Caratteri distintivi e cenni legislativi sul know how

Continua

Retrodatazione del c.d. “periodo sospetto”

Retrodatazione del c.d. “periodo sospetto” in caso di successione tra concordato preventivo e fallimento

Continua

Amministratori non operativi di SpA

Modificati i presupposti della loro responsabilità allo scopo di evitare una eccessiva responsabilizzazione per azioni compiute dagli AD

Continua