Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Terapia del Dolore

La cefalea a grappolo e il nervo grande occipitale

L’infiltrazione con steroide del nervo Grande Occipitale riduce la frequenza delle crisi cefalgiche

La cefalea a grappolo e il nervo grande occipitale - L’infiltrazione con steroide del nervo Grande Occipitale riduce la frequenza delle crisi cefalgiche

La cefalea a grappolo, o cluster headache, è una forma di cefalea piuttosto rara. Colpisce circa 1 persona su 1000 ed è più frequente negli uomini, con un rapporto uomini/donne di circa 5/1. In genere esordisce nella seconda decade (età media 25 anni), ma può insorgere anche dopo i 50 anni e raramente in età pediatrica. 

  

Le cause non sono note. Quel che è certo è che sono coinvolte le radici sensitive del nervo Trigemino e che coesiste un’attivazione del sistema parasimpatico. Alcuni studi sembrano evidenziare una correlazione genetica. Il fumo, l’alcool, gli stress emotivi, l’altitudine e il cambiamento di fuso orario possono scatenare o accentuare le crisi. 

  

Il dolore è insopportabile. Trafittivo, unilaterale, localizzato nella regione oculare con possibili irradiazioni alla fronte, allo zigomo, alla mascella e talvolta al collo e alla spalla dello stesso lato. Sono associati: edema e ptosi della palpebra, arrossamento congiuntivale, lacrimazione, rinorrea, sudorazione e arrossamento della pelle del viso, soprattutto nella regione frontale. 

  

Le crisi hanno una durata compresa tra i 15 e i 180 minuti, una frequenza che va da 1 attacco ogni 2 giorni fino ad anche 8 attacchi nello stesso giorno e un’insorgenza spesso, anche se non sempre, notturna. Il termine “grappolo” indica che le crisi cefalgiche sono concentrate in un periodo temporale variabile che va da alcuni giorni ad alcune settimane e poi sono seguite da una fase di remissione. Se quest’ultima è superiore a 1 mese si parla di Cefalea a Grappolo Episodica, se è inferiore di Cefalea a Grappolo Cronica. 

  

La diagnosi si basa sui sintomi e sull’esclusione di altre patologie cerebrali, tramite RMN o TC. 

  

Il trattamento si struttura su due linee: interventi profilattici per ridurre la frequenza delle crisi e interventi per trattare la crisi ormai insorta. Per quest’ultimi i farmaci cardine sono i triptani somministrati per via sottocutanea (Sumatritpan) o inalatoria (Zolmitriptan). Inoltre è dimostrato che l’inalazione di ossigeno ad alte concentrazioni riduce la durata della crisi. Per quanto riguarda la prevenzione i farmaci cardine sono il Verapamile, i Beta Bloccanti, come l’Atenololo, e la Melatonina. Quest’ultima, al dosaggio di 10 mg al giorno, interviene soprattutto nella regolazione circadiana del sonno, che nel paziente con Cefalea a Grappolo riveste un ruolo cruciale. 

  

Recentemente è stato dimostrato che l’infiltrazione del nervo Grande Occipitale con cortisone riduce la frequenza degli attacchi. Il nervo Grande Occipitale origina dalla seconda radice cervicale (C2) e provvede all’innervazione sensoriale della nuca. Il suo blocco tramite anestetico locale e la neuro-modulazione con radiofrequenza si è dimostrato efficace nella Nevralgia Occipitale di Arnold e in misura minore in alcune forme di emicrania. Da un punto di vista fisiopatologico la correlazione tra la Cefalea a grappolo e il nervo Grande Occipitale non è chiara. Tuttavia considerando che il blocco/infiltrazione del Nervo Grande Occipitale è tecnicamente semplice, scarsamente invasivo e privo di effetti collaterali rilevanti, è sensato tenerlo in considerazione nell’ambito di una strategia terapeutica multimodale. 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Terapia del Dolore

Dr. Michele Naclerio - Milano (MI)

Dr. Michele Naclerio

Medici legali / Medicina del Dolore (Terapia del Dolore)

Via G.b. Grassi 74 C/o A.o. Ospedale L. Sacco

20100 - Milano (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

La nevralgia post-erpetica

E’ una patologia secondaria alla riattivazione del virus Varicella-Zoster. Spesso dura 12 mesi, talvolta però può persistere per sempre

Continua

La sindrome delle Faccette Articolari

Costituisce una delle cause più comuni di mal di schiena. La neuromodulazione con radiofrequenza o con crio-analgesia permette di ridurre significativamente il dolore

Continua

Il mal di schiena

Dietro il termine di “mal di schiena” si nascondono differenti tipi di patologie. Solo una corretta diagnosi può portare a individuare il corretto trattamento

Continua

Il mal di schiena: perché e come trattarlo

È una tra le patologie più comuni nei paesi occidentali e spesso ha come causa delle alterazioni della colonna vertebrale che non devono essere trascurate

Continua

Radiofrequanza e Crioanalgesia: indicazioni e tecnica

Se correttamente impiegate, in alcuni tipi di patologie possono portare una riduzione significativa del dolore per un periodo variabile da tre a sei mesi

Continua

I Cannabinoidi: indicazioni e uso terapeutico

I farmaci cannabinoidi costituiscono una risorsa importante nell'ambito della Terapia del Dolore. Recentemente in Italia è stato approvato il loro uso terapeutico

Continua

Il dolore postoperatorio cronico

Un trattamento mirato può risolvere il problema o comunque portare a una riduzione significativa del dolore

Continua

Dolore postoperatorio persistente

E’ un evento molto più comune di quanto si possa pensare. Una diagnosi precoce evita inutili sofferenze

Continua

Uso terapeutico dei Cannabinoidi: cosa c'è da sapere

Numerose ricerche scientifiche hanno evidenziato i molteplici effetti terapeutici. Molte sono le patologie individuate che possono giovarsi di tali sostanze

Continua

Il Dolore Pelvico Cronico

Il Dolore Pelvico Cronico richiede un approccio multispecialistico. La Terapia del Dolore prevede l’impiego di più farmaci, tra i quali i Cannabinoidi

Continua

Nevralgia Occipitale o Nevralgia di Arnold

La Nevralgia occipitale è una patologia rara, sebbene non rarissima, dovuta a un’irritazione del nervo occipitale (nervo di Arnold). Il trattamento può essere medico o chirurgico

Continua

La Neuropatia Diabetica

Il trattamento della Neuropatia Diabetica è complesso e richiede un approccio polispecialistico. Una corretta Terapia del Dolore può migliorare la qualità di vita dei pazienti

Continua

Nevralgia Posterpetica: perché alcuni pazienti guariscono e altri no?

I pazienti sottoposti agli stessi trattamenti spesso hanno risultati clinici differenti: non sempre viene attuata una strategia terapeutica razionale

Continua

La disfunzione delle articolazioni sacro-iliache

Le alterazioni del bacino sono una causa frequente di lombalgia acuta persistente

Continua

La Mesoterapia non serve solo a dimagrire

La Mesoterapia è un valido strumento terapeutico per molti tipi di dolore, soprattutto di natura muscoloscheletrica

Continua

Che cosa è la Terapia del Dolore

Il dolore da sintomo può diventare in alcuni casi malattia. Combatterlo significa rifiutare il dolore inutile

Continua

Herpes Zoster: perché non sottovalutarlo

L'Herpes Zoster, o Fuoco di Sant'Antonio, in alcuni casi può essere responsabile della Nevralgia Posterpetica. Un trattamento tempestivo e mirato è sempre opportuno

Continua