Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Riconoscimento causa servizio ed equo indennizzo

Il TAR Palermo con sentenza del luglio 2014 riconosce la dipendenza da causa di servizio della cardiopatia ischemica in favore di dipendente polizia

Riconoscimento causa servizio ed equo indennizzo - Il TAR Palermo con sentenza del luglio 2014 riconosce la dipendenza da causa di servizio della cardiopatia ischemica in favore di dipendente polizia

Il Tribunale Amministrativo Regionale di Palermo, con sentenza depositata il 08 luglio 2014 ha riconosciuto la dipendenza da causa di servizio in favore di dipendente della Polizia di Stato colpito da Cardiopatia Ischemica

Il dipendente della Polizia di Stato, impegnato per molti anni in servizio di scorta a personalità di vario genere, in paricolare magistrati, nonchè nel servizio di volante, aveva richiesto il riconoscimento della causa di servizio della patologia ischemica che lo aveva colpito deducendo che quest'ultima fosse ricollegabile allo stress psicofisico del servizio prestato. Nel  contempo aveva pure chiesto la concessione dell'equo indennizzo. 

Di diverso avviso era il Comitato di Verifica per le cause di servizio che aveva espresso giudizio di non dipendenza da fatti di servizio della patologia lamentata. 

Motivo per cu il dipendente si vedeva costretto a ricorrere contro il Ministero dell'Interno- Dipartimento della Pubblica Sicurezza, davanti al Tribunale Amministrativo Regionale di Palermo, che, disponeva verificazione medico legale volta ad accertare se la cardiopatia ischemica sofferta dal ricorrente fosse dipendente da causa di servizio. 

Stante l'esito positivo della disposta verificazione, a termini della quale il servizio svolto aveva avuto un ruolo di concausa efficiente e determinante nel sorgere della patologia, il Tribunale Amministrativo, in appena otto mesi dall'inizio del procedimento giurisdizionale, accoglieva la domanda del dipendente  in considerazione della circostanza che dall'atto contestato emergevano evidenti vizi logici, desumibili dalla sua motivazione, in ragione dei quali se ne evidenziava l'inattendibilità metodologica delle conclusioni cui era pervenuta l'Amministrazione. 

 

 

 

 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Nuova sentenza del TAR LAZIO sullo scorrimento delle graduatorie

Secondo la sentenza n.6077 del 27 APRILE 2015 del TAR LAZIO la Legge D’Alia sullo scorrimento delle graduatorie è applicabile anche ai concorsi militari

Continua

Casalinga equiparata a una lavoratrice autonoma

Il Tar di Lecce riconosce ad un agente di Polizia i riposi giornalieri nonostante la moglie, madre di un neonato, fosse casalinga

Continua

Lavoro alle dipendenze della Pubblica Amministrazione

Il servizio prestato in modo illegittimo per una Pubblica Amministrazione deve essere considerato come reso di fatto senza attribuzione di punteggio

Continua

P.A.: nuove assunzioni e scorrimento graduatorie

Nuove assunzioni in materia di pubblico impiego e scorrimento delle graduatorie valide

Continua

Confine tra giudice ordinario ed amministrativo

Il pubblico impiego tra giurisdizione ordinaria ed amministrativa

Continua