Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto penale criminale

Il peculato, limiti e requisiti

Costituisce reato di peculato o peculato d'uso l'utilizzo per fini personali di internet e telefono della pubblica amministrazione?

Il peculato, limiti e requisiti - Costituisce reato di peculato o peculato d'uso l'utilizzo per fini personali di internet e telefono della pubblica amministrazione?

Preliminarmente dobbiamo chiarire cosa si intende per peculato

L'articolo 314 c.p. prevede che il pubblico ufficiale o l'incaricato di un pubblico servizio, che, avendo per ragione del suo ufficio o servizio il possesso o comunque la disponibilità di denaro o di altra cosa mobile altrui, se ne appropria, è punito con la reclusione da quattro a dieci anni. 

Questo primo comma stabilisce che tale reato può essere commesso solo da un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblicità utilità (reato proprio). 

Inoltre dalla fattispecie descritta si comprende che è sostanzialmente un appropriazione indebita commessa dal p.u. 

Il secondo comma dell’articolo prevede il cosiddetto peculato d'uso ovvero un appropriazione momentanea della cosa di proprietà della pubblica amministrazione. 

Infatti si legge che si applica la pena della reclusione da sei mesi a tre anni quando il colpevole ha agito al solo scopo di fare uso momentaneo della cosa, e questa, dopo l'uso momentaneo, è stata immediatamente restituita. 

Quindi commette reato il funzionario o meglio il pubblico ufficiale se utilizza il telefono dell'ufficio o internet per scopi personali? 

Innanzi tutto la fattispecie va inquadrata al massimo come peculato d'uso poiché è impossibile che l'ufficio venga privato definitivamente della connessione ad internet e della linea telefonica per un utilizzo temporaneo da parte del p.u. 

La Corte di Cassazione ha chiarito che in tema di peculato, la condotta del p.u. che utilizzi il telefono d'ufficio per scopi personali fuori dai casi d'urgenza (è scriminata ovviamente la telefonata fatta al medico per un malore o al figlio per un incidente ecc.) e al di fuori delle legittime autorizzazioni, integra il reato di peculato d'uso

Questo però solo se produce un danno apprezzabile al patrimonio della pubblica amministrazione o una lesione concreta alla funzionalità dell'ufficio a cui è preposto il soggetto agente. 

Quindi si riterrà irrilevante da un punto di vista penale la sporadica telefonata alla moglie o a un amico se il costo addebitato è minimo è la durata è talmente breve da non interrompere significativamente l'attività dell'ufficio. 

Tale principio è ovviamente applicabile anche all'utilizzo della connessione ad internet sia tramite il computer dell'ufficio sia tramite telefono o altro per motivazioni non istituzionali ma per fini privati

In relazione a questo inoltre si dovrà distinguere e verificare quale tipo di convenzione lega l’ente al gestore di telefonia e servizio internet poiché se la pubblica amministrazione paga una somma forfettaria al mese (tariffa flat) per cui è indifferente il numero ed il tempo delle connessioni e non vi è danno economico la condotta sarà irrilevante penalmente e non vi potrà essere alcuna condanna per peculato d'uso. 

Viceversa se la tariffa non è flat ma a consumo dovrà essere valutato l'eventuale danno economico prodotto alla pubblica amministrazione. 

Si veda sul punto la sentenza della Cassazione Penale n 26297/17.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto penale criminale

Avv. Jacopo Pepi - Firenze (FI)

Avv. Jacopo Pepi

Avvocati / Penale

Viale Antonio Gramsci 7

50121 - Firenze (FI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Cittadinanza dei Robot e A.I. profili giuridici

L'umanizzazione della macchina che conseguenze potrebbe avere? I robot potrebbero esercitare diritti e doveri in uno Stato?

Continua

Furto in abitazione o privata dimora

Quando è configurabile il reato di cui all'art. 624 bis (furto in appartamento o privata dimora)?

Continua

Omesso versamento Iva e contrabbando

Il trasporto di aerei dalla Repubblica di San Marino sul suolo nazionale configura il reato di contrabbando? Quando l'Iva all'importazione è dovuta?

Continua

Bloccare la strada ad un auto è violenza privata?

Il conducente che ostacola l'uscita da un parcheggio di una vettura durante un diverbio commette il reato di violenza privata ex art. 610 c.p.

Continua

Pubblicità e spam via mail. Tuteliamoci

Cos'è lo spam? Quale tutela esiste? Esistono profili risarcitori per il danno da spamming?

Continua

L'avviso di fine indagini è sempre dovuto

La mancanza di avviso di conclusione delle indagini 415 bis all'indagato emesso dalla Procura competente per luogo comporta la nullità del processo?

Continua

Appropriazione indebita. Momento consumativo

Il momento consumativo del reato si manifesta nel momento in cui viene compiuto un atto di dominio sulla cosa appropriata

Continua

In quanto si prescrivono le cartelle di Equitalia?

Sanzioni Tributarie, cartelle definitive non impugnate, prescrizione quinquennale

Continua

Accusa ingiusta? Una nuova arma contro la calunnia

Una recente sentenza della Corte di Cassazione potrà proteggerci dalle calunnie? I Giudici di merito valuteranno le testimonianze esagerate?

Continua

Dichiarazione fraudolenta o Frode Fiscale

Il reato di Frode Fiscale è destinato a diventare sempre più di moda nei Tribunali del Bel Paese?

Continua

Coltivazione di marijuana, quando non è punibile?

Quali sono gli sviluppi in giurisprudenza? Quando è punibile? Quando si può sostenere l’uso personale? Quando la condotta può risultare inoffensiva?

Continua

Divorzio breve e negoziazione assistita: cosa sono?

Cosa cambia e cosa resta nelle procedure di separazione? Quando sono applicabili le nuove norme procedurali? Cosa conviene?

Continua

Diritto di difesa e reato di calunnia

L'imputato può mentire incolpando implicitamente di falsa testimonianza purchè sia in relazione alla propria difesa.

Continua

Facebook, messaggi sgraditi la Cassazione dice no!

La Cassazione definisce luogo aperto al pubblico la piazza virtuale assoggettandone i messaggi o post alle molestie di cui all`art. 660 del codice penale

Continua

Facebook, attenzione a quel che si scrive

Si può incorrere nella diffamazione aggravata da motivi razziali anche tramite i soli post

Continua

Droga. Cosa è cambiato.

Quali sono le modifiche della normativa sugli stupefacenti apportate dalla sentenza della Corte Costituzionale? Chi può usufruire della “nuova” norma

Continua

Danni causati dall'alunno: chi ne risponde?

Responsabilità Civile della scuola e degli insegnati per danni causati e subiti dal minore durante l'orario scolastico

Continua

Accusa ingiusta? Quali strade intraprendere?

Quando si è calunniati è conveniente fare immediatamente una contro denuncia?

Continua

Guida in stato di ebbrezza, come difendersi?

Inutilità del rifiuto di sottoporsi al test dell’etilometro; il lavoro di pubblica utilità come alternativa alla condanna e al decreto penale

Continua

Stalking, come difendersi

Cosa si può fare se si è vittima di molestie o minacce ripetute, ma si ha paura che una denuncia aggravi o non risolva la situazione?

Continua