Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto penale criminale

Quando il pedone è responsabile del sinistro

L'attraversamento improvviso ed imprevedibile quale causa del sinistro. L'omicidio colposo prodotto dal pedone. Recenti orientamenti giurisprudenziali

Quando il pedone è responsabile del sinistro - L'attraversamento improvviso ed imprevedibile quale causa del sinistro. L'omicidio colposo prodotto dal pedone. Recenti orientamenti giurisprudenziali

La recentissima sentenza della IV Sezione Penale della Corte Suprema (Presidente dott. D’Isa, rel. dr.ssa Maria Pia Gaetana Savino), pubblicata il 04.07.2017, conferma un orientamento già tracciato nella giurisprudenza dei giudici territoriali e della Suprema Corte, che esclude  o comunque attenua la responsabilità del conducenti quando vi sia un attraversamento improvviso ed imprevedibile di un pedone, che, con la sua condotta incauta, si è reso responsabile esclusivo o comunque prevalente del sinistro stradale. Infatti l'art. 41 CdS, per esempio, disciplina gli attraversamenti pedonali semaforizzati e impone ai pedoni di non effettuare l'attraversamento nè di impegnare la carreggiata quando vi sia il segnale rosso. Nel caso esaminato dalla Corte Suprema, nella sentenza richiamata, un pedone, sbucando improvvisamente dal retro di un autobus dal quale era disceso, mentre era ancora vigente il segnale rosso per i pedoni, andava a collidere con un motociclo che  proveniva all'interno della sua carreggiata, così provocando la caduta e la morte del motociclista. La Corte di Appello di Milano aveva riconosciuto la prevalente colpa del pedone nella misura del 75% e tale definizione di responsabilità è stata confermata dalla Suprema Corte, la quale ha osservato in primo luogo che il pedone non avrebbe potuto attraversare in presenza del segnale di rosso che gli faceva divieto di attraversamento, che in ogni caso il motociclo proveniva all'interno della propria carreggiata, sia pure nei pressi della linea mediana, e che la condotta del pedone era assolutamente imprevedibile in quanto il motociclista non avrebbe potuto immaginare che il pedone attraversasse con il segnale rosso ed infine che l'impatto era inevitabile, in quanto il pedone è sbucato improvvisamente dal retro dell'autobus, per cui a quel punto il motociclista non ha potuto tentare nemmeno di effettuare una frenata. La sentenza in oggetto, pur esaminando un caso particolare, riafferma in sostanza principi già presenti nella giurisprudenza,  quando e se il conducente non possa logicamente prevedere la collisione come "rischio tipico e prevedibile". Si consideri che poco prima con sentenza 27513/17, depositata il 01.06.2017, la Corte Suprema aveva invece affermato che l'attraversamento fuori dalle strisce costituisce un rischio tipico e prevedibile, per cui  il conducente potrebbe in tal caso evitare l'impatto, essendone di conseguenza responsabile. 

Si tratta quindi di esaminare, caso per caso,  se si sia in presenza o meno di un rischio tipico e prevedibile, dovendosi escludere la responsabilità o comunque ridurla di gran lunga solo quando  la condotta del pedone si presenti come totalmente atipica ed imprevedibile o largamente imprevedibile.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto penale criminale

Avv. Alfredo Guarino - Napoli (NA)

Avv. Alfredo Guarino

Avvocati / Penale

Via Santa Lucia 90

80016 - Napoli (NA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Prove hot di coniugi con amanti?

Rilevanza penale della produzione in causa di foto di rapporti intimi del coniuge con amanti. Per la Cassazione la difesa vale più della privacy

Continua

Alcolismo e addebito nella separazione

Giurisprudenza sull'alcolismo causa di addebito nelle separazioni dei coniugi; incidenza sui doveri coniugali e conoscenza pregressa della dipendenza

Continua

I rapporti con il genitore non affidatario

L'autodeterminazione del minore adolescente nei rapporti con il genitore non affidatario. Nuovi indirizzi giurisprudenziali della Suprema Corte

Continua

Padre premorto: riconoscimento del figlio

In tale caso è possibile effettuare un accertamento tecnico urgente e occorre far partecipare al contraddittorio tutti gli eredi

Continua

Assegnazione della casa familiare in caso di `interessi contrastanti`

Possono verificarsi casi particolari in cui l`interesse del minore viene posto dopo l`interesse del genitore non affidatario?

Continua

L’evento morte nei giudizi civili

Nuove tematiche in ordine alla morte del coniuge affidatario o del giudice monocratico. Proposte innovative e richiami della giurisprudenza

Continua

Depenalizzazione e la nuova tutela delle vittime

Dopo la depenalizzazione, le vittime dovranno identificare i rei ed iniziare una causa civile. Pena pecuniaria a favore dello Stato: urgono correttivi

Continua

Impugnazione e segretazione degli atti nella Direttiva UE

Diritto alla conoscenza piena degli atti di indagine per un processo effettivamente equo e per la tutela dei diritti fondamentali della difesa

Continua

Maltrattamenti in famiglia di fatto – Coabitazione

Coabitazione nella famiglia di fatto e maltrattamenti. Diversità delle interpretazioni e nuove problematiche. Necessità di soluzioni condivise

Continua

Nuovi confini fra truffa ed estorsione

La rilevanza penale alla crescente richiesta di parenti, compagne, amanti ed amici cari di percepire soldi e vantaggi simulando mali immaginari

Continua