Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto tributario

L' avviso di ricevimento postale fa fede

E’ quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione a SEZIONI UNITE in concomitanza della Sentenza N°13452 del 29 maggio 2017.

L' avviso di ricevimento postale fa fede - E’ quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione a SEZIONI UNITE in concomitanza della Sentenza N°13452 del 29  maggio 2017.

La pronuncia in commento rileva per avere  i Giudici di Legittimità risposto a due interrogativi che nel corso degli ultimi anni hanno alimentato non poco contenzioso. In particolare, gli Ermellini hanno fatto chiarezza in ordine al contrasto giurisprudenziale riferito al computo del termine di trenta giorni previsto per la costituzione in giudizio del ricorrente o dell’appellante dovendo fare  espresso riferimento quale dies a quo al momento di invio o al momento di ricezione del plico inviato mediante spedizione postale con raccomandata a.r. 

 

- Il difesa a quo da cui fare decorrere il termine di trenta giorni per la costituzione in giudizio: 

Come già segnalato la casistica che ci occupa è quella riconducibile a ricorsi inviati mediante spedizione postale con raccomandata a .r. In particolare, il primo interrogativo al quale i Giudici di Legittimità hanno dato risposta nella pronuncia in commento  è quello che riguarda la data da cui far decorrere il termine dei trenta giorni di cui agli artt. 22, comma 1 e 53, comma 2 del D.lgs.n°546/1992 al fine di  ottemperare alla costituzione in giudizio previo deposito del fascicolo di parte. 

Con riferimento a tale specifico assunto gli Ermellini hanno  innanzitutto chiarito che i trenta giorni  previsti per la costituzione davanti al giudice tributario decorrono dalla data di ricezione del plico da parte del destinatario ovvero dalla data di spedizione del plico stesso. 

In altre parole, la Suprema Corte ha recepito un orientamento già palesato in concomitanza della sentenza n°12185 del 2008 in occasione della quale i Giudici di Legittimità   ebbero modo di precisare che: “in tema dei contenzioso tributario, qualora la notificazione del ricorso introduttivo abbia avuto luogo mediante spedizione postale, il termine entro cui, ai sensi del D.lgs.31 dicembre 1992, n°546, art.22, deve essere effettuato il deposito presso la segreteria della commissione tributaria  decorre non già dalla data di spedizione, bensì da quella di ricezione dell’atto da parte del destinatario: la regola, desumibile dall’art.16 u.c. secondo cui la notificazione a mezzo del servizio postale si considera effettuata al  momento della spedizione in quanto volta ad evitare che eventuali disservizi postale possano determinare decadenze incolpevoli a carico del notificante, si riferisce infatti ai soli termini entro i quali la notificazione stessa deve intervenire, ed avendo carattere eccezionale non può essere estesa in via analogica a quelli per i quali il perfezionamento della notificazione rappresenta il momento iniziale, trovando in tal caso applicazione il principio generale secondo cui la notificazione si perfeziona con la conoscenza legale dell’atto da parte del destinatario”. 

Tanto rilevato, da ultimo in concomitanza della sentenza n°13452 del 29/05/2017 le Sezioni Unite hanno espressamente dichiarato di ribadire il principio giurisprudenziale di cui sopra,  non senza evidenziare i Giudici di Legittimità l’intento di fare in modo che venga perseguito l’adeguamento delle norme del processo tributario a quelle del processo civile con la previsione di una disciplina uniforme per la proposizione del ricorso introduttivo mediante un assetto delle comunicazioni e delle notificazioni tale da consentire, comunque, l’impiego più largo possibile del servizio postale. 

Ne deriva che a conclusione di una attenta, scrupolosa e dettagliata analisi della normativa di riferimento  la Suprema Corte di Cassazione a Sezioni Unite ha fatto chiarezza in ordine al primo dei due quesiti, palesando il principio di diritto secondo cui a conferma di quanto già espresso nel 2008: “nel processo tributario, il termine di trenta giorni per la costituzione in giudizio del ricorrente e dell’appellante, che si avvalga per la notificazione del servizio postale universale, non decorre dalla data della spedizione diretta del ricorso a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento, ma dal giorno  della ricezione del plico da parte del destinatario (o anche dall’evento che la legge considera equiparabile alla ricezione”. 

 Pertanto, come già segnalato, si tratta di un principio giurisprudenziale già espresso nel 2008 dalla Suprema Corte in considerazione del quale viene fatta salva per il ricorrente o appellante  la possibilità di utilizzare un intervallo di tempo  sicuramente più ampio entro cui espletare la costituzione in giudizio davanti alla commissione tributaria adita previo deposito del fascicolo di parte presso la segreteria della commissione tributaria adita, attribuendo pertanto valenza giuridica  alla data di ricezione del plico (anziché alla data di spedizione intesa come data di partenza) da parte del destinatario da cui fare decorre il termine perentorio di trenta giorni utili secondo quanto disposto dagli artt. 22 comma 1 e 53 comma 2 del D.lgs.n°546/1992. 

 

- Sul deposito dell’avviso di ricevimento in sostituzione  della ricevuta di spedizione postale: 

 Il giudicato delle Sezioni Unite in commento rileva anche per avere gli Ermellini risposto ad un secondo quesito che  riguarda nello specifico la rilevanza o meno dell’omesso tempestivo deposito della ricevuta di spedizione postale del ricorso quando risulti in atti dall’avviso di ricevimento del relativo plico raccomandato, al fine di verificare la regolare e corretta costituzione in giudizio del ricorrente o dell’appellante. 

 

Tra i due orientamenti sopra evidenziati le Sezioni Unite della Corte di Cassazione  hanno espresso da ultimo nella sentenza sopra richiamata il principio di diritto secondo cui: “nel processo tributario non costituisce motivo d’inammissibilità del ricorso o dell’appello, che sia stato notificato direttamente a mezzo del servizio postale universale, il fatto che il ricorrente o l’appellante, al momento della costituzione  entro il termine di trenta giorni dalla ricezione della raccomandata da parte del destinatario, depositi l’avviso di ricevimento del plico e neon la ricevuta di spedizione, purchè nell’avviso di ricevimento medesimo la data di spedizione sia asseverata dall’ufficio postale con stampigliatura meccanografica ovvero con proprio timbro datario; solo in tal caso, l’avviso di ricevimento è idoneo ad assolvere la medesima funzione probatoria  che la legge assegna alla ricevuta di spedizione, laddove in mancanza, la non idoneità della mera scritturazione manuale o comunemente dattilografica della data di spedizione, sull’avviso di ricevimento può essere superata, ai fini della tempestività della notifica del ricorso o dell’appello, unicamente se la ricezione del plico sia certificata dall’agente postale come avvenuta entro il termine di decadenza per l’impugnazione dell’atto o della sentenza”. 

In altre parole, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto ammissibile e pertanto utilizzabile anche l’avviso di ricevimento in sostituzione  della ricevuta di spedizione  subordinando però tale validità alla conditio sine qua non che l’avviso stesso in termini di attendibilità venga certificato dall’ufficio postale con stampigliatura meccanografica o con il timbro datario attraverso i quali è possibile configurare la data certa da cui fare decorrere il termine dei trenta giorni per la costituzione in giudizio. 

- Considerazioni conclusive

Diciamo che la ratio dell’orientamento ultimo assunto dai Giudici di Legittimità a Sezioni Unite è condivisibile a parere di chi scrive e rinviene dal volere fare salva la possibilità di utilizzare l’avviso di ricevimento attestante l’avvenuta spedizione postale quale valida alternativa rispetto al deposito della ricevuta di spedizione subordinando però necessariamente tale utilizzo alla certificazione da parte dell’ufficio postale mediante stampigliatura con macchina numeratrice e con timbro datario. 

Tali considerazioni hanno portato i Giudici di Legittimità a definire comunque idoneo l’avviso di ricevimento postale in caso di notifica a mezzo posta in sostituzione dell’avviso di spedizione postale e, pertanto possibile il deposito del primo nel fascicolo di parte al fine di attestare per tabulas  l’osservanza del termine di cui agli art.21 comma 1 e 53 comma 2 del D.lgs.n°546/1992, volendo tuttavia la i Giudici di Legittimità  subordinare  tale utilizzo  alternativo a quel rigore rinveniente necessariamente  dalla tracciabilità cosiddetta automatizzata assicurata dall’agente postale.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto tributario

Studio Legale Tributario Avv. Giuseppe Durante - Bari (BA)

Studio Legale Tributario Avv. Giuseppe Durante

Avvocati / Civile

VIA GIULIO PETRONI 25/5

70124 - Bari (BA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Tari, riduzione per disservizio non del Comune

E’ quanto ha disposto la Corte di Cassazione in concomitanza della Sentenza N°22531 depositata il 27 settembre 2017

Continua

E’ nulla la notifica della cartella a mezzo pec

E’ quanto ha disposto la Commissione Tributaria Provinciale di Reggio Emilia in concomitanza della Sentenza N°204 depositata il 31/07/2017

Continua

Pagano la Tarsu i parcheggi dei supermercati

Le aree scoperte adibite a parcheggio del Centro commerciale pagano la TARSU. Lo ha ha disposto la Corte di CASSAZIONE nella SEN. 18500 del 26/7/2017

Continua

I poteri delle commissioni tributarie

La Cassazione ha assunto in passato l’orientamento secondo cui il processo tributario era da considerare “misto" ossia inquisitorio e dispositivo

Continua

Il giudizio di ottemperanza e processo tributario

L’Istituto del giudizio di ottemperanza rappresenta senza dubbio uno degli istituti più interessanti previsti dal D.lgs.n°546/1992

Continua

Il ricorso introduttivo. Elementi essenziali

Il processo tributario, come le altre giurisdizioni soggiace al principio generale secondo cui “non si ha giurisdizione senza azione”

Continua

Gli atti impugnabili in commissione tributaria

Il processo tributario è un giudizio di impugnazione che in quanto tale implica un impulso di parte a seguito di un interesse ad agire

Continua

Accertamento TARSU e obbligo della motivazione

E' quanto ha disposto la Commissione Tributaria Provinciale di Bari- Sezione 2 in concomitanza della SENTENZA N°1963 depositata l'11 luglio 2017

Continua

Gli istituti deflattivi del contenzioso tributario

Strumenti utili al fine di diminuire i procedimenti iscritti in Commissione tributaria?

Continua

Il giudice tributario decide sul pignoramento

E quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione a SEZIONI UNITE in concomitanza della Sentenza N°13913 del 05 giugno 2017

Continua

Gli “F3” in costruzione pagano l'IMU come area

E’ quanto ha disposto la Corte di Cassazione in concomitanza della sentenza N°11694 dell’11 maggio 2017 in materia d’ICI/IMU

Continua

Paga l'ICI/IMU chi coadiuva i coltivatori diretti

E’ quanto ha disposto la Corte di Cassazione in concomitanza dell’Ordinanza n°11979 del 12 maggio 2017 in materia di agevolazioni ICI/IMU

Continua

Dal 1° luglio al via a Equi-Entrate riscossione

Tra i provvedimenti del Decreto Legge n°193 del 22/10/2016 vi è la disposizione che prevede la soppressione di Equitalia SPA per i tributi locali

Continua

Cartella esattoriale e prova della notifica

Grava sul concessionario della riscossione l’onere di provare l'avvenuta notifica della cartella di pagamento posta a base della iscrizione di ipoteca

Continua

La compensazione delle spese deve essere motivata

E’ quanto ha disposto dalla Suprema Corte di Cassazione Civ. 5 con la Sentenza 31 maggio 2016, n°11217 sulle spese di giudizio compensate

Continua

Cumulabili cali naturali e cali tecnici

E’ quanto hanno disposto i Giudici di Legittimità con Ordinanza N°19150 del 28/09/2016 depositata il 28/09/2016. Spetta la concessione dell'abbuono

Continua

No esenzione ICI per immobili della Santa sede

E’ quanto disposto dalla Suprema Corte di Cassazione nel Ordinanza 17/06/2016, n°14667 in materia di esenzione ICI per gli Immobili della Santa Sede

Continua

Inesistente la notifica postale AR della cartella

Commento a Sentenza della C.T.P. di Bari - Sezione 7 - N°4457 depositata il 22/12/2016

Continua

Nullo l'avviso di accertamento ICI non motivato

Nel procedimento tributario la motivazione dell’avviso di accertamento è garanzia dell'esercizio del diritto di difesa del contribuente

Continua

Consorzi di bonifica e la prova del beneficio

Spetta al Consorzio di Bonifica la prova contraria ex art.2697 comma 2 c.c. sulla sussistenza del beneficio specifico e diretto pro terreno agricolo

Continua

Obbligo della mediazione per i tributi locali

Si tratta di una delle novità ultime introdotte con i Decreti attuativi in materia di contenzioso tributario in chiave prevalentemente deflattiva

Continua

Motivazione e principio di soccombenza processuale

Il presente articolo focalizza gli aspetti tecnici e procedurali riconducibili all'art.15, comma 2 del D.lgs.n°546/1992 da recepire in sentenza.

Continua

É necessaria una riforma del Processo Tributario

Il presente articolo focalizza alcune modifiche urgenti da cui la Giurisdizione tributaria non può più prescindere

Continua