Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto di famiglia

Madre condannata a restituire danaro alla figlia

I genitori non possono appropriarsi di danaro appartenente ai figli minori senza autorizzazione del Giudice Tutelare

Madre condannata a restituire danaro alla figlia - I genitori non possono appropriarsi di danaro appartenente ai figli minori senza autorizzazione del Giudice Tutelare

Il Tribunale di Catania con una sentenza del 4 Luglio 2017 ha ancora una volta ribadito che i genitori non possono, senza autorizzazione del Giudice Tutelare territorialmente competente, appropriarsi e spendere somme di denaro destinato ai figli minori, secondo quanto statuito dall'art 320 cc. 

 

Nel caso di specie, la convenuta, madre dell'attrice giustificava di avere speso una somma appartenente alla figlia minore e ricevuta per conto di quest'ultima, a seguito di un incidente stradale che le aveva viste coinvolte,  per acquistare la casa di abitazione e, quindi, di avere agito nell'interesse della prole.  

 

Il Giudice ha condannato la convenuta alla restituzione dell'intera somma appartenente alla figlia e ha  evidenziato che l’impiego di capitali  ai sensi dell’art. 320 c.c. comma quarto, deve essere determinato dal Giudice Tutelare, e non può essere unilateralmente deciso, come è avvenuto nella specie, dalla madre,  per altro, per acquistare esclusivamente a suo nome un immobile. 

 

Né l’esigenza in sè di provvedere al mantenimento della minore può giustificare l’impiego di detta somma da parte della madre, atteso che è dovere di entrambi i genitori provvedere al mantenimento della prole (articoli 147 e 148 c.c.) e che la convenuta riceveva mensilmente dal coniuge separato un assegno a titolo di contributo per il mantenimento della figlia. 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Diritto di famiglia

Avv. Cimino Maria Teresa - Catania (CT)

AVV. CIMINO MARIA TERESA

Avvocati / Civile

VIA ALBERTO MARIO 32

95129 - Catania (CT)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

I nonni concorrono al mantenimento dei nipoti

Il Tribunale ancora una volta interviene per statuire l'obbligo dei nonni a concorrere al mantenimento dei nipoti ex art 316 bis c.c

Continua