Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto penale criminale

Droga. Cosa è cambiato.

Quali sono le modifiche della normativa sugli stupefacenti apportate dalla sentenza della Corte Costituzionale? Chi può usufruire della “nuova” norma

Droga. Cosa è cambiato. - Quali sono le modifiche della normativa sugli stupefacenti apportate dalla sentenza della Corte Costituzionale? Chi può usufruire della “nuova” norma

La Corte Costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale della normativa sugli stupefacenti

È quindi ritornata in vigore la vecchia legge che distingue droghe leggere e pensanti. 

Più severa per le droghe pesanti (eroina, cocaina, pena minima 8 anni di reclusione) e più lieve per le droghe leggere (hashish, marijuana pena minima 2 anni). 

Dal marzo 2014 è in vigore la “nuova” disciplina per chi coltiva, produce, fabbrica, estrae, raffina, vende, offre o mette in vendita, cede o riceve, a qualsiasi titolo, distribuisce, commercia, acquista, trasporta, esporta, importa, procura ad altri, invia, passa o spedisce in transito, consegna per qualunque scopo o comunque la detiene illecitamente. 

Per i reati commessi nel periodo di vigenza della legge abrogata si applica comunque la norma più favorevole fra quelle del tempo in cui il reato è stato commesso e quelle successive. 

 

La normativa più favorevole è quella del caso concreto: in linea di massima, però, se il reato riguarda le droghe pesanti, per chi lo ha commesso dal 2006 al 6 marzo 2014 c’è dunque il diritto di fruire della normativa dichiarata incostituzionale perchè più favorevole (pena minima anni 6); se il reato riguarda, invece, le droghe leggere, si applica sempre la normativa abrogata nel 2006 e ora nuovamente in vigore (pena minima anni 2). 

Cambia la rilevanza giuridica della detenzione di medicinali dato che la formulazione dell'art. 73 Tu stup. non puniva le condotte di mera detenzione di medicinali per uso personale, anche senza ricetta: il reato è da considerarsi abrogato. 

 

E chi commette un reato inerente agli stupefacenti adesso? 

Se il reato riguarda le droghe pesanti si applica la normativa abrogata nel 2006 e ora “risorta” e, quindi, la pena minima di anni 8. 

Se il reato riguarda, invece, le droghe leggere, si applica la normativa abrogata nel 2006 e ora “risorta” con pena minima anni 2. 

E per i reati riguardanti la droga di lieve entità? 

Il fatto cd. lieve è quello nel quale l'azione è modesta con riguardo a mezzi, modalità e circostanze dell'azione delittuosa. 

Per i fatti di lieve entità è intervenuta la L. 76/2010 (entrata in vigore a maggio 2014) che punisce lo spaccio "lieve" di sostanze stupefacenti con autonoma fattispecie senza distinzione fra droghe leggere e pesanti (con altra irragionevolezza del sistema che avrebbe bisogno di un intervento legislativo possibilmente competente e ragionato). 

In base alla nuova normativa sui fatti lievi: 

- è consentito l'arresto in flagranza ai sensi dell'art. 381 c.p.p.  

- non è consentita la custodia cautelare in carcere per i fatti di cui al comma 5 

- sono comunque consentite le intercettazioni telefoniche, 

- è applicabile il nuovo istituto della sospensione del processo con messa alla prova 

 

Quali sono le sanzioni dell’art 73 adesso? Il sistema sanzionatorio del DPR 309/90 in vigore per le sostanze stupefacenti è il seguente: 

a) irrilevanza penale dell’uso personale delle sostanze stupefacenti, senza rilievo diretto del quantitativo detenuto che, però, in concreto può assumere rilevanza a fini probatori per desumere la destinazione a fine personale; 

b) illiceità penale delle diverse condotte descritte all’art. 73 comma 1 se diverse dall’uso personale, sanzionata: 

- per le droghe “pesanti” (elencate nelle tabelle I e III), ai sensi del comma 1, con la reclusione da otto a venti anni.; nell’ipotesi lieve prevista dal comma 5, con la reclusione sei mesi a 4 anni 

- per le “droghe leggere” (elencate nelle tabelle II e IV), ai sensi dei commi 1 e 4, con la reclusione da due a sei anni; 

nell’ipotesi lieve prevista dal comma 5, con la reclusione da 6 mesi a 4 anni. 

 

La sentenza della Corte Costituzionale che fa tornare in vigore la normativa abrogata nel 2006 non incide sulla nozione di uso personale. Rimane la irrilevanza penale. 

Se il processo è in corso si applica la disciplina nuova se più favorevole per il caso concreto ai fatti commessi fino al 23 dicembre 2013 (fatto lieve)/5 marzo 2014 (fatto non lieve), sia che ci siano indagini in corso che per indagini che iniziano successivamente, ma anche ai processi in corso, anche se c’è stata condanna in primo grado o in appello purchè quindi la sentenza non si definitiva. 

 

Cosa succede a chi è stato condannato per droghe leggere in via definitiva sulla base della normativa incostituzionale? 

E’ il profilo più delicato e incerto. 

Ci sono due orientamenti in giurisprudenza: ad una tesi tradizionale della intangibilità assoluta del giudicato (chi è stato condannato in via definitiva non può più usufruire della normativa più favorevole) si contrappone una conforme ai principi fissati dagli artt. 27 e 3 Cost., art. 25 Cost., comma 2, che non consentono di considerare costituzionalmente giusta e, perciò eseguibile, anche soltanto una porzione di pena che consegua all'applicazione di una norma ritenuta non conforme alla Carta fondamentale. 

Non vi sono però certezze: è quindi necessario verificare con il proprio avvocato la situazione concreta. 

C'è sempre e comunque la possibilità di fare una istanza al giudice dell’esecuzione ex artt. 30/4 l. 87/1953 e 666 c.p.p. per incostituzionalità della pena.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto penale criminale

Avv. Jacopo Pepi - Firenze (FI)

Avv. Jacopo Pepi

Avvocati / Penale

Viale Antonio Gramsci 7

50121 - Firenze (FI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Bloccare la strada ad un auto è violenza privata?

Il conducente che ostacola l'uscita da un parcheggio di una vettura durante un diverbio commette il reato di violenza privata ex art. 610 c.p.

Continua

Pubblicità e spam via mail. Tuteliamoci

Cos'è lo spam? Quale tutela esiste? Esistono profili risarcitori per il danno da spamming?

Continua

L'avviso di fine indagini è sempre dovuto

La mancanza di avviso di conclusione delle indagini 415 bis all'indagato emesso dalla Procura competente per luogo comporta la nullità del processo?

Continua

Appropriazione indebita. Momento consumativo

Il momento consumativo del reato si manifesta nel momento in cui viene compiuto un atto di dominio sulla cosa appropriata

Continua

In quanto si prescrivono le cartelle di Equitalia?

Sanzioni Tributarie, cartelle definitive non impugnate, prescrizione quinquennale

Continua

Accusa ingiusta? Una nuova arma contro la calunnia

Una recente sentenza della Corte di Cassazione potrà proteggerci dalle calunnie? I Giudici di merito valuteranno le testimonianze esagerate?

Continua

Dichiarazione fraudolenta o Frode Fiscale

Il reato di Frode Fiscale è destinato a diventare sempre più di moda nei Tribunali del Bel Paese?

Continua

Coltivazione di marijuana, quando non è punibile?

Quali sono gli sviluppi in giurisprudenza? Quando è punibile? Quando si può sostenere l’uso personale? Quando la condotta può risultare inoffensiva?

Continua

Divorzio breve e negoziazione assistita: cosa sono?

Cosa cambia e cosa resta nelle procedure di separazione? Quando sono applicabili le nuove norme procedurali? Cosa conviene?

Continua

Diritto di difesa e reato di calunnia

L'imputato può mentire incolpando implicitamente di falsa testimonianza purchè sia in relazione alla propria difesa.

Continua

Facebook, messaggi sgraditi la Cassazione dice no!

La Cassazione definisce luogo aperto al pubblico la piazza virtuale assoggettandone i messaggi o post alle molestie di cui all`art. 660 del codice penale

Continua

Facebook, attenzione a quel che si scrive

Si può incorrere nella diffamazione aggravata da motivi razziali anche tramite i soli post

Continua

Danni causati dall'alunno: chi ne risponde?

Responsabilità Civile della scuola e degli insegnati per danni causati e subiti dal minore durante l'orario scolastico

Continua

Accusa ingiusta? Quali strade intraprendere?

Quando si è calunniati è conveniente fare immediatamente una contro denuncia?

Continua

Guida in stato di ebbrezza, come difendersi?

Inutilità del rifiuto di sottoporsi al test dell’etilometro; il lavoro di pubblica utilità come alternativa alla condanna e al decreto penale

Continua

Stalking, come difendersi

Cosa si può fare se si è vittima di molestie o minacce ripetute, ma si ha paura che una denuncia aggravi o non risolva la situazione?

Continua