Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto tributario

Il ricorso introduttivo. Elementi essenziali

Il processo tributario, come le altre giurisdizioni soggiace al principio generale secondo cui “non si ha giurisdizione senza azione”

Il ricorso introduttivo. Elementi essenziali - Il processo tributario, come le altre giurisdizioni soggiace al principio generale secondo cui “non si ha giurisdizione senza azione”

- L’atto introduttivo del procedimento. Il ricorso e i suoi elementi essenziali: 

Volendo fare un parallelo con il processo civile e le norme Codicistiche che lo disciplinano possiamo dire che anche nel processo tributario come nel giudizio civile è necessario che l’atto introduttivo contenga i cosiddetti “elementi essenziali” per l’individuazione dei tre soggetti fondamentali del giudizio; vale a dire, il giudice adito, il ricorrente; il soggetto resistente. L’aspetto formale riconducibile al ricorso davanti al giudice tributario di primo grado è disciplinato dalla previsione normativa di cui all’art.18, comma 2 del D.lgs.n°546/1992, in cui è  disposto testualmente: “ il ricorso deve contenere, l’indicazione: 

- a) della commissione tributaria cui è diretto; 

- b) del ricorrente e del suo legale rappresentante,  

- c) della relativa residenza o sede legale o del domicilio eventualmente eletto nel territorio dello Stato, nonché, del codice fiscale e dell’indirizzo di posta elettronica certificata; 

- d) dell’ufficio del Ministero delle finanze o dell’ente locale o del concessionario del servizio di riscossione nei cui confronti il ricorso è proposto; 

- e) dell’atto impugnato e dell’oggetto della domanda; 

- f) dei motivi. 

Rispetto alla previsione normativa previgente, l’entrata in vigore del D.L. n°138/2011 ha inserito tra gli elementi formali del ricorso introduttivo l’indicazione della P.E.C. (Posta Elettronica Certificata) del ricorrente o del suo legale rappresentante. Si tratta di un elemento formale ulteriore richiesto dalla norma in commento  la cui omissione in atti non implica l’inammissibilità del ricorso introduttivo. In tal senso, dispone espressamente  il successivo comma 4 dello stesso art.18 del D.lgs.n°546/1992 in cui è previsto che“ il ricorso è inammissibile se manca o è assolutamente incerta una delle indicazioni di cui al comma 2, ad eccezione di quella relativa al codice fiscale e all’indirizzo di posta elettronica certificata, o non è sottoscritto a norma del comma precedente”. 

La previsione normativa di cui al comma 4 dell’art.18 dispone espressamente che: “ il ricorso deve essere sottoscritto dal difensore del ricorrente e contenere l’indicazione dell’incarico a norma dell’art.12, comma 3, salvo quanto disposto dall’art.12, comma 5. La sottoscrizione  del difensore o della parte deve essere apposta tanto nell’originale quanto nelle copie del ricorso destinate alle altre parti, fatto salvo quanto previsto dall’art.14, comma 2”. 

In altre parole, agli elementi formali tassativamente indicati nel comma 2 dell’art.18, si aggiungono quelli di cui al successivo comma 3; vale a dire, la sottoscrizione del difensore a cui è stata conferita procura ad litem nonché l’indicazione della procura ad litem  stessa posta a margine o in calce all’atto di parte introduttivo, richiamando, il comma 3, la casistica in cui il ricorrente non si difende da solo nel giudizio tributario  bensì demanda la propria difesa ad un difensore tecnico di fiducia o, perché il valore della controversia  è superiore ad euro 3.00,00; oppure, semplicemente, perchè  per ragioni prudenziali al di là di quello che può essere il  valore della controversia il ricorrente ritiene di essere maggiormente tutelato in sede giudiziale previo conferimento di incarico formale ad un difensore tecnico di fiducia che lo rappresenti in giudizio [1]La valenza tassativa degli elementi formali espressamente indicati nei commi 2 e 3 dell’art.18 rinviene chiaramente dalla previsione normativa contenuta nel richiamato comma 4 dove è prevista espressamente l’inammissibilità del ricorso introduttivo nel caso in “cui manca o è assolutamente incerta una delle indicazioni di cui al comma 2”. Ne deriva che è di fondamentale importanza, in sede di redazione di un ricorso, verificare la sussistenza e coesistenza di tutti i requisiti formali previsti dalla norma e, dalla cui incertezza deriva l’inammissibilità dell’atto introduttivo che può essere rilevata d’ufficio dal Collegio tributario adito o eccepita dalla controparte, in sede di controdeduzioni. 

  

- Il petitum e la causa petendi: 

Per quanto riguarda in particolare il contenuto formale del ricorso introduttivo quale atto di parte che da impulso all’azione giudiziale tributaria possiamo dire che lo stesso ha un oggetto (petitum) delimitato dalle specifiche doglianze  mosse dal ricorrente con i motivi specificamente dedotti in primo grado, così che si delineano sin dalla nascita del rapporto processuale tributario, le domande e le eccezioni proposte dalle parti (in tal senso: Cass. Sez. Trib.14 dicembre 2011, n°26941). In particolare, quando si parla di oggetto della domanda (petitum) riferito al processo tributario possiamo dire che lo stesso consiste nel provvedimento richiesto al giudice adito configurabile nell’annullamento dell’atto impositivo opposto; ossia, nella declaratoria  di nullità in presenza di vizi particolarmente evidenti che pregiudicano la legittimità formale e/o sostanziale della pretesa impositiva che si contesta con l’attivazione del giudizio. 

Rileva ancora segnalare che l’errata indicazione della Commissione tributaria adita nel ricorso, implica l’inammissibilità dell’atto di parte solo nel caso in cui l’incertezza in ordine al giudice tributario adito sia assoluta. In mancanza, l’errore sull’indicazione del Collegio tributario competente non è da considerare  motivo di inammissibilità del ricorso (in tal senso: Cass. Sez. Trib. 18/06/2009, 14117). Nel caso in cui chi decide di agire in giudizio è una persona giuridica necessita l’indicazione espressa della denominazione sociale o dell’organo che la rappresenta. La carenza nell’atto introduttivo del processo delle indicazioni necessarie per la individuazione  del legale rappresentante del ricorrente inficia l’atto medesimo e ne determina l’inammissibilità tutte le volte che sia causa di incertezza assoluta al riguardo, senza che tale vizio, sia passibile di sanatoria  per raggiungimento dello scopo ai sensi dell’art.156 comma 3 c.p.c. (in tal senso: Cass. Sez. Trib.08/06/2000, n°7804; Cass. Sez. Trib. 10/03/2008, n°6359). E’, inoltre, da ritenersi ammissibile la proposizione di un unico ricorso cumulativo avverso più atti. Infatti, al processo tributario si applica il principio di economia processuale tipico del giudizio civile (art.104 c.p.c.) che consente la proposizione contro la stessa parte di una pluralità di domande anche non connesse tra loro. E’ pacifico, pertanto, che il ricorso cumulativo è sicuramente ammissibile quando l’atto opposto ha ad oggetto la stessa imposta o, comunque, se si tratta di tributi erariali, imposte strettamente connesse tra loro per cui sia possibile configurare una connessione soggettiva e oggettiva. 

 

In materia di tributi locali, per esempio, è sicuramente ammissibile il ricorso unico presentato dal contribuente-ricorrente avverso quattro avvisi di accertamento I.C.P. o IMU (imposta comunale sulla pubblicità – Imposta Municipale Unica) riferiti alle annualità 2008/2009/2010/2011 notificati allo stesso soggetto in pari data, sia esso persona fisica o giuridica. L’ammissibilità dell’atto di parte introduttivo rinviene nel caso di specie dalla configurabilità di una chiara connessione oggettiva e soggettiva che legittima la presentazione di un ricorso unico al giudice tributario di primo grado territorialmente competente. Non può dirsi la stessa cosa nel caso in cui, per esempio, vengono notificati dal Comune impositore due avvisi di accertamento a rettifica IMU per le stesse annualità e per le stesse ragioni a due coniugi residenti nella stessa abitazione. In tal caso, non è configurabile alcuna connessione soggettiva, per cui, ciascuno dei coniugi dovrà, magari in considerazione delle stesse doglianze, presentare  ricorso separato rispetto a quello dell’altro coniuge. 

 

G. Durante, I nuovi termini del processo tributario dopo la riforma della :.n°69/2009, in Azienditalia Finanza e Tributi n°4/2010.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto tributario

Studio Legale Tributario Avv. Giuseppe Durante - Bari (BA)

Studio Legale Tributario Avv. Giuseppe Durante

Avvocati / Civile

VIA GIULIO PETRONI 25/5

70124 - Bari (BA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

ICI. La notifica degli accertamenti a mezzo posta

Il D.lgs.n°504/1992, art.11 nel testo applicabile ratione temporis prevede esclusivamente il ricorso al servizio postale con raccomandata a.r.

Continua

Tari, riduzione per disservizio non del Comune

E’ quanto ha disposto la Corte di Cassazione in concomitanza della Sentenza N°22531 depositata il 27 settembre 2017

Continua

E’ nulla la notifica della cartella a mezzo pec

E’ quanto ha disposto la Commissione Tributaria Provinciale di Reggio Emilia in concomitanza della Sentenza N°204 depositata il 31/07/2017

Continua

Pagano la Tarsu i parcheggi dei supermercati

Le aree scoperte adibite a parcheggio del Centro commerciale pagano la TARSU. Lo ha ha disposto la Corte di CASSAZIONE nella SEN. 18500 del 26/7/2017

Continua

I poteri delle commissioni tributarie

La Cassazione ha assunto in passato l’orientamento secondo cui il processo tributario era da considerare “misto" ossia inquisitorio e dispositivo

Continua

Il giudizio di ottemperanza e processo tributario

L’Istituto del giudizio di ottemperanza rappresenta senza dubbio uno degli istituti più interessanti previsti dal D.lgs.n°546/1992

Continua

Gli atti impugnabili in commissione tributaria

Il processo tributario è un giudizio di impugnazione che in quanto tale implica un impulso di parte a seguito di un interesse ad agire

Continua

Accertamento TARSU e obbligo della motivazione

E' quanto ha disposto la Commissione Tributaria Provinciale di Bari- Sezione 2 in concomitanza della SENTENZA N°1963 depositata l'11 luglio 2017

Continua

Gli istituti deflattivi del contenzioso tributario

Strumenti utili al fine di diminuire i procedimenti iscritti in Commissione tributaria?

Continua

L' avviso di ricevimento postale fa fede

E’ quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione a SEZIONI UNITE in concomitanza della Sentenza N°13452 del 29 maggio 2017.

Continua

Il giudice tributario decide sul pignoramento

E quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione a SEZIONI UNITE in concomitanza della Sentenza N°13913 del 05 giugno 2017

Continua

Gli “F3” in costruzione pagano l'IMU come area

E’ quanto ha disposto la Corte di Cassazione in concomitanza della sentenza N°11694 dell’11 maggio 2017 in materia d’ICI/IMU

Continua

Paga l'ICI/IMU chi coadiuva i coltivatori diretti

E’ quanto ha disposto la Corte di Cassazione in concomitanza dell’Ordinanza n°11979 del 12 maggio 2017 in materia di agevolazioni ICI/IMU

Continua

Dal 1° luglio al via a Equi-Entrate riscossione

Tra i provvedimenti del Decreto Legge n°193 del 22/10/2016 vi è la disposizione che prevede la soppressione di Equitalia SPA per i tributi locali

Continua

Cartella esattoriale e prova della notifica

Grava sul concessionario della riscossione l’onere di provare l'avvenuta notifica della cartella di pagamento posta a base della iscrizione di ipoteca

Continua

La compensazione delle spese deve essere motivata

E’ quanto ha disposto dalla Suprema Corte di Cassazione Civ. 5 con la Sentenza 31 maggio 2016, n°11217 sulle spese di giudizio compensate

Continua

Cumulabili cali naturali e cali tecnici

E’ quanto hanno disposto i Giudici di Legittimità con Ordinanza N°19150 del 28/09/2016 depositata il 28/09/2016. Spetta la concessione dell'abbuono

Continua

No esenzione ICI per immobili della Santa sede

E’ quanto disposto dalla Suprema Corte di Cassazione nel Ordinanza 17/06/2016, n°14667 in materia di esenzione ICI per gli Immobili della Santa Sede

Continua

Inesistente la notifica postale AR della cartella

Commento a Sentenza della C.T.P. di Bari - Sezione 7 - N°4457 depositata il 22/12/2016

Continua

Nullo l'avviso di accertamento ICI non motivato

Nel procedimento tributario la motivazione dell’avviso di accertamento è garanzia dell'esercizio del diritto di difesa del contribuente

Continua

Consorzi di bonifica e la prova del beneficio

Spetta al Consorzio di Bonifica la prova contraria ex art.2697 comma 2 c.c. sulla sussistenza del beneficio specifico e diretto pro terreno agricolo

Continua

Obbligo della mediazione per i tributi locali

Si tratta di una delle novità ultime introdotte con i Decreti attuativi in materia di contenzioso tributario in chiave prevalentemente deflattiva

Continua

Motivazione e principio di soccombenza processuale

Il presente articolo focalizza gli aspetti tecnici e procedurali riconducibili all'art.15, comma 2 del D.lgs.n°546/1992 da recepire in sentenza.

Continua

É necessaria una riforma del Processo Tributario

Il presente articolo focalizza alcune modifiche urgenti da cui la Giurisdizione tributaria non può più prescindere

Continua