Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto penale criminale

Abuso edilizio prescritto? No alla demolizione

L'ordine di demolizione deve essere revocato in tutti i casi di estinzione del reato

Abuso edilizio prescritto? No alla demolizione - L'ordine di demolizione deve essere revocato in tutti i casi di estinzione del reato

Nel raccogliere e compendiare la normativa di settore, il Testo Unico sull'Edilizia ricollega sanzioni penali a talune violazioni di legge.

In particolare, l'art. 44 del d.p.r. 380/2001 prevede tre fattispecie di reato contravvenzionale: a) inosservanza delle norme, prescrizioni e modalità esecutive; b) esecuzione di lavori in assenza di permesso di costruire ovvero esecuzione dei lavori in totale difformità dallo stesso; c) lottizzazione abusiva ovvero interventi edilizi in zone sottoposte a vincolo storico, archeologico, artistico, paesaggistico.

La clausola di riserva "salvo che il fatto non costituisca più grave reato e ferme le sanzioni amministrative" unita all'obbligatorietà della confisca in caso di lottizzazione abusiva hanno generato il dubbio sulla perdurante validità dell'ordine di demolizione in caso di sentenza di non doversi procedere per intervenuta prescrizione.

I Giudici di merito, infatti, hanno tendenzialmente confermato l'ordine di demolizione anche in esito a sentenze in cui dichiaravano l'estinzione del reato in quanto prescritto. 
Non sono mancati provvedimenti in senso difforme, cosicchè la Corte di Cassazione è stata chiamata a pronunciarsi sui ricorsi interposti dagli imputati, dal Pubblico Ministero o dal Procuratore Generale (in taluni casi anche per saltum avverso la sentenza di primo grado).

La questione è stata affrontata e risolta dai Supremi Giudici, i quali ormai hanno definito un orientamento granitico e costante. 

Il principio di diritto affermato pare potersi così riassumere: la sentenza di proscioglimento che dichiari l'estinzione del reato di costruzione abusiva per intervenuta prescrizione comporta il dissequestro e la restituzione dell'immobile già sottoposto a sequestro preventivo, con conseguente obbligo di revoca dell'ordine di demolizione.

Stante la sua natura amministrativa, infatti, l'ordine ablatorio presuppone sempre una sentenza di condanna (o altra ad essa equiparata), rispetto alla quale la predetta sanzione risulta accessoria.

Ne deriva che, anche laddove il reato venisse accertato ma risultasse penalmente non censurabile poichè prescritto, il Giudice di merito dovrà comunque revocare l'ordine di demolizione (cfr. Cass. Pen. Sez. III, sent. n. 22317 del 09.05.2017 e, per relationem, Sez. III, n. 756 del 02/12/2010; Sez. VI, n. 44638 del 31/10/2013; Sez. III n. 55092 del 19.05.2016; Sez. III, n. 50441 del 27/10/2015).

La questione rimane di stringente attualità. Nelle ultime settimane, invero, la Terza Sezione della Corte di Cassazione ha ribadito il medesimo principio in numerose sentenze tra le quali vanno segnalate le sentenze gemelle del 07.07.2017 (nn. 33051, 33061 e 33063) e del 16.06.2017 (nn. 30194 e 30195).

La revoca dell'ordine di demolizione, con ogni evidenza, dovrà disporsi non soltanto nell'ipotesi di prescrizione, bensì anche in tutti gli altri casi di estinzione del reato, quale - ad esempio - la morte del reo (Cass. Pen. Sez. III, Sent. n. 34806 del 17.07.2017).

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
1 Commento

Marco Angelo Zimmile

04/08/2017 18:09

E' una problematica dai caratteri legali molto spinosi, contradditori e interpretati in modo diverso dalle stesse sedi giudiziarie. E' la Cassazione stessa a ribadire che la demolizione è una sanzione amministrativa non soggetta a prescrizione quindi, tra questo mare di sentenze, non si sa come orientarsi...

http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2016/03/10/abusi-edilizi-cassazione-la-demolizione-non-si-prescrive_02887352-7d10-4364-bc35-c3b91e81362d.html

Rispondi

In risposta al commento di Marco Angelo Zimmile

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
Annulla

L'autore Ŕ esperto in
Diritto penale criminale

Avv. Salvatore Battaglia - Palermo (PA)

AVV. SALVATORE BATTAGLIA

Avvocati / Penale

VIA VITTORIO ALFIERI,36

90144 - Palermo (PA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Sostituto processuale e costituzione parte civile

Il sostituto processuale del procuratore speciale può costituirsi parte civile in udienza? La questione è stata rimessa alle Sezioni Unite.

Continua

Responsabilità medica fra Riforme Gelli e Balduzzi

Per la Cassazione, in forza del "favor rei", per i fatti commessi prima della vigenza della Legge Gelli, si applica la precedente Legge Balduzzi

Continua

Riforma Orlando, il nuovo art. 603 c.p.p.

In quali casi il Giudice d'Appello deve disporre obbligatoriamente la rinnovazione del dibattimento?

Continua