Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza del lavoro

Capitali all'estero? C'è la voluntary disclosure

Introduzione alla Voluntary Disclosure: versamenti, sanzioni e trattamento dei reati tributari

Capitali all'estero? C'è la voluntary disclosure - Introduzione alla Voluntary Disclosure: versamenti, sanzioni e trattamento dei reati tributari

Tra le novità che il nostro Governo ha recentemente introdotto in tema di fiscalità internazionale, ce ne sono almeno due che probabilmente non lasceranno indifferenti coloro che possiedono capitali non dichiarati in paesi esteri. 

 

Se da un lato, anno dopo anno (e il 2017 non ha fatto eccezione), il Fisco italiano stipula sempre più accordi con paesi a fiscalità privilegiata per favorire lo scambio di informazioni riguardanti la posizione fiscale degli italiani all’estero (sono ormai numerosissime le convenzioni stipulate in tal senso e sempre meno i paesi considerati “black-list”), dall’altro è stato reintrodotto, con il D.l. 193/2016, l’istituto della Voluntary Disclosure (2) , che permetterà (con scadenza al 31 Luglio, ma che molto probabilmente verrà prorogata), di sanare la posizione fiscale di chi detiene capitali esteri non dichiarati, con sanzioni decisamente ridotte e non punibilità per alcune fattispecie di reati tributari.  

 

La disciplina della Voluntary Disclosure è ampia e variegata, ma in questa sede ci limiteremo (se così si può dire), a trattare tre temi, probabilmente i più spinosi ed articolati: versamenti, sanzioni, e trattamento di taluni reati. 

 

- VERSAMENTI 

Il versamento va fatto in un’unica soluzione entro il 30 Settembre 2017 oppure in 3 rate mensili, la prima delle quali dovrà essere corrisposta sempre entro il 30 Settembre 2017. 

 

Non è possibile avvalersi di compensazioni e il mancato pagamento è causa di decadenza di tutta la procedura.  

 

- SANZIONI 

Le sanzioni si differenziano a seconda di quattro situazioni particolari (non autoliquidazione, autoliquidazione totale, autoliquidazione parziale, autoliquidazione in eccesso

 

- se gli autori della violazione decidono di non provvedere spontaneamente al versamento (non autoliquidazione), saranno applicabili due tipi di sanzioni: 

 

il 60% del minimo edittale se le attivita' vengono trasferite in Italia o in Stati membri dell'Unione europea o in Stati aderenti all'Accordo sullo Spazio economico europeo che consentono un effettivo scambio di informazioni con l'Italia, se le attivita' trasferite in Italia o nei predetti Stati erano o sono ivi detenute ovvero se l'autore delle violazioni rilascia all'intermediario finanziario estero presso cui le attivita' sono detenute l'autorizzazione a trasmettere alle autorita' finanziarie italiane richiedenti tutti i dati concernenti le attivita' oggetto di collaborazione volontaria e allega copia di tale autorizzazione, controfirmata dall'intermediario finanziario estero, alla richiesta di collaborazione volontaria; 

l’85% del minimo edittale negli altri casi.  

 

- nel caso in cui il versamento avvenga in maniera spontanea e venga liquidata l’intera somma dovuta (autoliquidazione totale), le sanzioni sono ridotte del 10% rispetto al caso precedente (versamento non effettuato), nei medesimi casi; 

 

- se invece si decide di provvedere spontaneamente al versamento di una somma inferiore a quanto dovuto (autoliquidazione parziale), le sanzioni risultano le stesse viste in precedenza per i medesimi casi, ma si dovranno corrispondere le somme ancora dovute: 

 

maggiorate del 10% se la differenza rispetto a quanto dovuto è superiore al 10% e si riferisce ai soli redditi soggetti a ritenuta a titolo d’imposta o ad imposta sostitutiva e relative sanzioni, incluse quelle sulle attività suscettibili di generare tali redditi o se tale differenza è superiore al 30% negli altri casi; 

maggiorate del 3% se la differenza rispetto a quanto dovuto è inferiore al 10% e si riferisce alle fattispecie viste al punto precedente o inferiore al 30% negli altri casi. 

 

- Infine, (autoliquidazione in eccesso) nel caso in cui venga liquidata una somma superiore a quanto dovuto, è possibile chiedere la differenza a rimborso o utilizzarla in compensazione. 

 

- REATI 

La collaborazione volontaria offre al contribuente la possibilità di non essere perseguito per taluni reati di stampo squisitamente tributario, più precisamente: 

 

dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti; 

dichiarazione fraudolenta mediante altri artifici; 

dichiarazione infedele; 

omessa dichiarazione; 

omesso versamento di ritenute dovute o certificate; 

omesso versamento di Iva; 

reati di riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita, se commessi in relazione ai precedenti 6 punti; 

autoriciclaggio, in relazione ai reati tributari non punibili, per attività oggetto di collaborazione volontaria e fino al versamento della prima o unica rata. 

 

É bene precisare che la causa di non punibilità per tutti i predetti reati si applica limitatamente alle condotte relative agli imponibili, alle imposte e alle ritenute oggetto della collaborazione volontaria.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Consulenza del lavoro

Dr. Roberto Barucca Consulente Del Lavoro Tributarista Revisore Legale - Senigallia (AN)

Dr. Roberto Barucca Consulente Del Lavoro Tributarista Revisore Legale

Consulenti del Lavoro / Sviluppo e Lavoro

Via Mamiani 12/16

60019 - Senigallia (AN)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

La collaborazione coordinata e continuativa

Cenni storici e normativa attuale sulle collaborazioni

Continua

Il nuovo libretto famiglia

Le nuove prestazioni occasionali per persone fisiche non nell'esercizio di attività d'impresa o professionale: il Libretto Famiglia

Continua

Novità compensazioni F24 per imprese e professionisti

Novità per imprese e professionisti con importi da compensare nel modello F24

Continua

Il nuovo contratto di prestazione occasionale

Ecco tutto quello che c`è da sapere sui soggetti, utilizzatori, prestatori e agricoltori

Continua