Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto tributario

I poteri delle commissioni tributarie

La Cassazione ha assunto in passato l’orientamento secondo cui il processo tributario era da considerare “misto" ossia inquisitorio e dispositivo

I  poteri delle commissioni tributarie - La Cassazione  ha assunto in passato  l’orientamento secondo cui il processo tributario era da considerare “misto"  ossia inquisitorio e dispositivo

- L’art.7  del D.lgs.n°546/1992. Limiti ai poteri istruttori dei Giudici tributari: 

La previsione normativa di cui all’art.7 del D.lgs.n°546/1002  dispone testualmente: “Le Commissioni tributarie, ai fini istruttori e nei limiti dei fatti dedotti dalle parti, esercitano tutte le facoltà di accesso, di richiesta di dati, di informazioni e chiarimenti conferiti agli uffici tributari ed all’ente locale da ciascuna legge d’imposta”. Il presente lavoro partendo proprio dall’analisi del dato normativo, focalizza gli aspetti tecnici e procedurali più significativi demandati al Giudice tributario in chiave istruttoria”.  

Dalla lettura testuale della previsione normativa  di cui sopra,  si evince inequivocabilmente che l’oggetto del procedimento instaurato davanti al Giudice tributario viene determinato dalle parti in causa le quali hanno un potere dispositivo pieno; mentre nella ricerca delle prove una volta formatosi il quid disputandum è affidato alla Commissione tributaria adita. 

Tale affermazione desumibile dalla disciplina attualmente contenuta nel richiamato art. 7, comma 1 del D.lgs.n°546/1992 deve essere recepita cum grano salis  in considerazione del fatto che non implica la totale abolizione del principio dell’onere della prova disposto dall’art. 2697 c.c. 

Infatti, sussiste sempre a carico delle parti costitute l’onere di provare i fatti dedotti nel processo; tuttavia, tale onere di parte può esaurirsi anche con semplici allegazioni probatorie perché è fatto salvo il potere del giudice adito di integrare con la propria attività quella delle parti costituitesi  in giudizio. 

Pertanto, rimane comunque vigente il principio secondo cui è l’interessato a dover dedurre i fatti impeditivi, estintivi o modificativi della pretesa fiscale avanzata con l’atto impugnato, e spetterà per contro all’ente impositore contro dedurre in merito ed allegare ciò che è necessario per poter contrastare le ragioni addotte dalla parte avversa. E’ possibile sostenere quindi, che è evidente nel processo tributario la prevalenza del principio inquisitorio ma che esso sia stato recepito dalla legge solo nell’ambito del quid disputandum. Particolarmente inbteressante è l'analisi finalizzata a focalizzare i poteri dei Giudici tributari in ordine alla disapplicazione dei Regolamenti comunali adottai dagli enti locali ex D.lgs.n°446/1997 nella gestione dei tributi di spettanza. 

 

- Il Potere di disapplicazione dei Regolamenti comunali ex art.7 comma 5 del D.lgs.n°546/1992: 

Al di fuori del campo di applicazione delle prove legali che restringono o annullano il potere di accertamento e di valutazione, le Commissioni tributarie cosi  come il giudice civile  hanno ampi margini di valutazione con riferimento alla valenza effettiva delle prove in ordine ai fatti oggetto di causa. Pertanto si è ritenuto che non debba prendersi in considerazione ciò che risulta da un atto notorio quando la Commissione tributaria adita attraverso fatti e circostanze acquisiti agli atti è giunta a convincimenti diversi dandone adeguata motivazione. Quindi, potere discrezionale nell’ammettere le prove e libertà di valutazione delle stesse. 

La previsione normativa di cui all’art. 7 comma 5 del d.lgs. n. 546/1992 dispone testualmente che: “le Commissioni tributarie, se ritengono illegittimo un regolamento o un atto generale rilevante ai fini della decisione, non lo applicano, in relazione all’oggetto dedotto in giudizio,  salva l’eventuale impugnazione nella diversa sede competente.” 

Possiamo dire che la disciplina contenuta nella norma appena richiamata non ha nulla a che vedere con la materia delle prove  poiché trattasi della elaborazione di un principio generale già vigente nel D.P.R. n. 636/1972 e successive modificazioni dove era già prevista la possibilità da parte del giudice tributario (come quello civile e amministrativo) di disapplicare un regolamento o un atto amministrativo in generale qualora risultassero palesemente illegittimi o meglio contra legem

Tale principio normativo recepito in toto dal richiamato art. 7, comma 5 del d.lgs. n. 546/1992 risale alla legge 20 marzo 1865, il cui art. 4 lo codificò per la prima volta in omaggio al principio della divisione dei poteri e per esso quando l’autorità giudiziaria riconosce che un atto amministrativo è illegittimo; per atto amministrativo si intende sia quello generale, come i regolamenti che quello particolare  limitandosi a pronunciarsi sugli effetti che da tale illegittimità sono derivati in modo pregiudizievole per l’interessato, ma non può modificare o revocare l’atto medesimo.  Infatti, qualora il giudice tributario o ordinario potesse modificare o revocare un provvedimento amministrativo eserciterebbe esso stesso un’attività amministrativa; cosa che sarebbe appunto in contrasto con il principio della divisione dei poteri.  Alla revoca è equiparato l’annullamento dell’atto che pure produrrebbe lo stesso risultato. 

Quando si parla di atti generali, si deve intendere tutti gli atti di contenuto normativo emessi dalla pubblica amministrazione che hanno come destinatari una serie indistinta di soggetti che al momento della emissione dell’atto stesso non sono individuati ne  tanto meno individuabili. Tutto ciò implica che se l’atto impositivo trova fondamento in un atto generale o in un regolamento illegittimo tale illegittimità può rilevare solo al fine di dichiarare l’illegittimità dell’atto impositivo stesso. 

In merito, rileva precisare che tale potere di disapplicazione riconosciuto palesemente al giudice tributario (art. 7 comma 5) e la previsione di una possibile impugnazione nella diversa sede competente, non introduce un sistema di doppia tutela dinanzi al giudice tributario e al giudice amministrativo. 

Esula, invece, dai poteri riconosciuti ai Collegi tributari  la cognizione in via principale del regolamento e dell’atto generale impugnato direttamente, in quanto il richiamato art. 7, comma 5 del D.lgs. n. 546/1992 è chiaro nel determinare i poteri del giudice tributario incidenter tantum., 

 Interessante in tal senso, è la pronuncia della C.T.P. di Roma che con sent. del 18 giugno 1999, n. 218 utilizzando i poteri che gli derivano proprio dalla norma in commento non ha esitato a dichiarare illegittimo il regolamento comunale adottato dal Comune di Roma con la deliberazione approvata dal Consiglio comunale relativamente alla parte in cui era evidente il contrasto con l’art. 12 del D.lgs n. 507/1993, disponendo, la previsione regolamentare, l’applicazione della tariffa annuale a tutte le affissioni indipendentemente dalla loro durata inferiore all’anno. In tal caso, la disapplicazione del regolamento comunale ha comportato quale logica conseguenza l’annullamento di tutti gli avvisi di accertamento emessi e notificati dal Comune impositore ai soggetti passivi nel Comune di Roma. 

Sulla questione specifica appena richiamata rileva precisare, ad avviso di chi scrive, che quando parliamo in dettaglio di disapplicazione (riferita al regolamento comunale) essa consiste nel considerare tamquam non esset  gli atti ritenuti non conformi alla legge. 

Trattasi, in sostanza, di una manifestazione del potere giudiziario che non implica il ritiro dell’atto viziato con efficacia ex tunc  bensì alla privazione dell’atto stesso con riferimento al caso concreto, inteso nella sua specificità.  In particolare, possiamo dire con maggiore chiarezza che l’atto può essere privato della sua efficacia solo nel contesto processuale in cui è stata eccepita l’illegittimità e, non anche, contestualmente  in tutti i processi pendenti in cui l’atto stesso  continua ad avere  rilevanza. Ne deriva, che non è esclusa la possibilità che possa verificarsi un contrasto tra le Commissioni tributarie circa l’applicazione dei predetti atti.  I vizi possono essere fatti valere incidenter tantum ai fini della disapplicazioni innanzi ai giudici tributari; possono, invece essere dedotti in via principale e diretta davanti al giudice di legittimità. Ne deriva che con specifico riferimento ai regolamenti comunali ex D.lgs.n°446/1997 che tanta importanza hanno  nella gestione del singolo tributo, a seguito delle previsioni inserite nella Legge di Stabilità (L.n°190/2015) dinanzi alle commissioni tributarie potrà essere richiesta soltanto la disapplicazione  del regolamento comunale, nonché degli atti generali rilevanti ai fini della specifica questione tributaria per cui si controverte; fermo restando la possibilità di impugnativa degli stessi innanzi al giudice amministrativo secondo i normali criteri di riparto della giurisdizione. 

In particolare, rileva segnalare l’obbligo da parte del ricorrente di eccepire nel proprio atto di parte esplicita domanda di disapplicazione del regolamento comunale o in generale di atti amministrativi disposti dall’ente impositore che possono essere rilevanti ai fini del giudicato finale. 

 

Pertanto, deve ritenersi evidentemente preclusa la possibilità di disapplicazione d’ufficio da parte del giudice tributario,  della delibera comunale con la quale è stata determinata lì aliquota IMU anche nel caso in cui la stessa sia stata adottata dall’ente impositore oltre il termine previsto ex lege. Ne deriva che affinchè il giudice tributario adito possa  disporre in sede giudiziale  la disapplicazione dell’atto deliberativo è necessaria  quale conditio sine qua non  l’espressa richiesta  nel ricorso introduttivo  di disapplicazione della delibera adottata dal  comunale.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto tributario

Studio Legale Tributario Avv. Giuseppe Durante - Bari (BA)

Studio Legale Tributario Avv. Giuseppe Durante

Avvocati / Civile

VIA GIULIO PETRONI 25/5

70124 - Bari (BA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Tari, riduzione per disservizio non del Comune

E’ quanto ha disposto la Corte di Cassazione in concomitanza della Sentenza N°22531 depositata il 27 settembre 2017

Continua

E’ nulla la notifica della cartella a mezzo pec

E’ quanto ha disposto la Commissione Tributaria Provinciale di Reggio Emilia in concomitanza della Sentenza N°204 depositata il 31/07/2017

Continua

Pagano la Tarsu i parcheggi dei supermercati

Le aree scoperte adibite a parcheggio del Centro commerciale pagano la TARSU. Lo ha ha disposto la Corte di CASSAZIONE nella SEN. 18500 del 26/7/2017

Continua

Il giudizio di ottemperanza e processo tributario

L’Istituto del giudizio di ottemperanza rappresenta senza dubbio uno degli istituti più interessanti previsti dal D.lgs.n°546/1992

Continua

Il ricorso introduttivo. Elementi essenziali

Il processo tributario, come le altre giurisdizioni soggiace al principio generale secondo cui “non si ha giurisdizione senza azione”

Continua

Gli atti impugnabili in commissione tributaria

Il processo tributario è un giudizio di impugnazione che in quanto tale implica un impulso di parte a seguito di un interesse ad agire

Continua

Accertamento TARSU e obbligo della motivazione

E' quanto ha disposto la Commissione Tributaria Provinciale di Bari- Sezione 2 in concomitanza della SENTENZA N°1963 depositata l'11 luglio 2017

Continua

Gli istituti deflattivi del contenzioso tributario

Strumenti utili al fine di diminuire i procedimenti iscritti in Commissione tributaria?

Continua

L' avviso di ricevimento postale fa fede

E’ quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione a SEZIONI UNITE in concomitanza della Sentenza N°13452 del 29 maggio 2017.

Continua

Il giudice tributario decide sul pignoramento

E quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione a SEZIONI UNITE in concomitanza della Sentenza N°13913 del 05 giugno 2017

Continua

Gli “F3” in costruzione pagano l'IMU come area

E’ quanto ha disposto la Corte di Cassazione in concomitanza della sentenza N°11694 dell’11 maggio 2017 in materia d’ICI/IMU

Continua

Paga l'ICI/IMU chi coadiuva i coltivatori diretti

E’ quanto ha disposto la Corte di Cassazione in concomitanza dell’Ordinanza n°11979 del 12 maggio 2017 in materia di agevolazioni ICI/IMU

Continua

Dal 1° luglio al via a Equi-Entrate riscossione

Tra i provvedimenti del Decreto Legge n°193 del 22/10/2016 vi è la disposizione che prevede la soppressione di Equitalia SPA per i tributi locali

Continua

Cartella esattoriale e prova della notifica

Grava sul concessionario della riscossione l’onere di provare l'avvenuta notifica della cartella di pagamento posta a base della iscrizione di ipoteca

Continua

La compensazione delle spese deve essere motivata

E’ quanto ha disposto dalla Suprema Corte di Cassazione Civ. 5 con la Sentenza 31 maggio 2016, n°11217 sulle spese di giudizio compensate

Continua

Cumulabili cali naturali e cali tecnici

E’ quanto hanno disposto i Giudici di Legittimità con Ordinanza N°19150 del 28/09/2016 depositata il 28/09/2016. Spetta la concessione dell'abbuono

Continua

No esenzione ICI per immobili della Santa sede

E’ quanto disposto dalla Suprema Corte di Cassazione nel Ordinanza 17/06/2016, n°14667 in materia di esenzione ICI per gli Immobili della Santa Sede

Continua

Inesistente la notifica postale AR della cartella

Commento a Sentenza della C.T.P. di Bari - Sezione 7 - N°4457 depositata il 22/12/2016

Continua

Nullo l'avviso di accertamento ICI non motivato

Nel procedimento tributario la motivazione dell’avviso di accertamento è garanzia dell'esercizio del diritto di difesa del contribuente

Continua

Consorzi di bonifica e la prova del beneficio

Spetta al Consorzio di Bonifica la prova contraria ex art.2697 comma 2 c.c. sulla sussistenza del beneficio specifico e diretto pro terreno agricolo

Continua

Obbligo della mediazione per i tributi locali

Si tratta di una delle novità ultime introdotte con i Decreti attuativi in materia di contenzioso tributario in chiave prevalentemente deflattiva

Continua

Motivazione e principio di soccombenza processuale

Il presente articolo focalizza gli aspetti tecnici e procedurali riconducibili all'art.15, comma 2 del D.lgs.n°546/1992 da recepire in sentenza.

Continua

É necessaria una riforma del Processo Tributario

Il presente articolo focalizza alcune modifiche urgenti da cui la Giurisdizione tributaria non può più prescindere

Continua