Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Sequestro preventivo e motivazione apparente

Il Tribunale del Riesame dichiara nullo il decreto di sequestro preventivo per difetto di motivazione.

Sequestro preventivo e motivazione apparente - Il Tribunale del Riesame dichiara nullo il decreto di sequestro preventivo per difetto di motivazione.

Su richiesta del PM, il GIP provvedeva all'emissione del decreto di sequestro preventivo riportando pedissequqmente, quale motivazione a sostegno del provvedimento, la medesima richiesta della pubblica accusa. 

Questo difensore proponeva richiesta di riesame rilevando come il GIP si fosse limitato ad eseguire un semplice "copia e incolla" delle motivazioni dell'autorità requirente, omettendo, quindi, di sottoporre la richiesta al proprio vaglio. Altresì, si rilevava come tale inesistente vaglio critico comportava l'assenza dell'analisi dei requisiti della concretezza e dell'attualità (periculum in mora). Infine, si precisava come il Tribunale del Riesame, in presenza di un decreto privo di motivazione, non avrebbe potuto operare alcuna sanatoria del provvedimento medesimo. 

Il Tribunale del Riesame, aderendo in toto alla richiesta del difensore, ha dichiarato nullo il decreto di sequestro spiegando che: "dall'esame degli atti e dal semplice raffronto tral la richiesta della misura e il decreto di sequestro, emerge la piena sovrapponibilità dei testi e il diretto acritico recepimento e la conseguente mera riproposizione, da parte del GIP, delle argomentazioni svolte dall'organo requirente"; "L'assenza di autonomo vaglio critico delle emergenze processuali nel provvedimento oggetto di riesame, contenente indicazioni del tutto coincidenti con il contenuto della richiesta del PM, non può che traduri nel vizio della nullità per assenza di motivazione"; "La totale assenza di motivazione, come messo in rilievo nell'interesse del ricorrente, non consente a questo collegio di svolgere una funzione di supplenza"; "Il Tribunale del riesame, in definitiva, deve provvedere alla declaratoria di nullità del provvedimento impugnato sia in caso di motivazione inesistente - cui va equiparata quella di motivazione meramente apparente che si risolva in mere clausole di stile - sia in caso di motivazione che, pur materialmente redatta, non risulti autonoma rispetto alla richiesta del PM". 

 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Bancarotta per distrazione e tentativo

Se la disponibilità del bene rimane in capo al fallimento, non può dirsi consumato il reato di bancarotta per distrazione

Continua

Evasione fiscale

L'accertamento con adesione e l'estinzione del debito tributario determinano la non punibilità ex art. 13 DLgs 74/2000

Continua

Omesso versamento delle ritenute previdenziali

L'omesso versamento delle ritenute a carico del lavoratore non è reato laddove non vi sia stata alcuna retribuzione

Continua