Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto amministrativo

Guidare scalzi o a piedi nudi si può?

Cosa dice il nuovo Codice della Strada al riguardo?

Guidare scalzi o a piedi nudi si può? - Cosa dice il nuovo Codice della Strada al riguardo?

Alzi la mano chi sa esattamente come comportarsi al riguardo, anche perché un tempo mettersi alla guida scalzi o facendo uso di calzature di tipo aperto (ciabatte, zoccoli, infradito) era vietato. Ma oggi, con le auto di ultima generazione in cui il ruolo dell’impianto frenante è diventato ancora più fondamentale, non è più così. 

Infatti, dal 1993 [nel Codice della Strada in vigore sino al 1992 era espressamente previsto nel regolamento di esecuzione il divieto di condurre i veicoli indossando calzature aperte (tipo zoccoli, ciabatte, ecc.]; tale limitazione è stata eliminata, lasciando al conducente la discrezionalità e l'apprezzamento di opportunità circa il tipo di scarpe da utilizzare durante la guida. Il conducente deve autodisciplinarsi nell'abbigliamento in modo da garantire un'efficace azione di guida con i piedi, così come si legge sul sito della Polizia. 

Peraltro, sono gli stessi articoli 140 e 141 del nuovo Codice della Strada che richiedono alla guida un comportamento tale “da non costituire pericolo o intralcio per la circolazione ed in modo che sia in ogni caso salvaguardata la sicurezza stradale” (art. 140) e che il conducente debba “essere in grado di compiere tutte le manovre necessarie in condizione di sicurezza, specialmente l'arresto tempestivo del veicolo entro i limiti del suo campo di visibilità e dinanzi a qualsiasi ostacolo prevedibile” (art. 141). 

Ciò considerato, e concludendo, possiamo tranquillamente scegliere quale calzature indossare alla guida, senza vincoli di sorta? Non propriamente, perché l'assicurazione a riguardo ci potrebbe obiettare, in caso di incidente, e qualora nel verbale redatto da Polizia e Carabinieri fosse indicata la circostanza di guida senza scarpe (per esempio), che il sinistro è stato provocato da una "negligenza grave" – quando l’automobilista non incorra in un'accusa per lesioni gravi o addirittura per omicidio stradale – e così, dopo aver pagato i danni, potrebbe agire in rivalsa nei confronti dell'automobilista per non aver rispettato il Codice della Strada (salvo che nel contratto RCA non si sia firmata la clausola di rinuncia alla rivalsa per infrazioni al Codice della Strada). 

Saranno il buon senso (come sempre) e il rispetto del Codice della Strada a ‘guidarci’ sul comportamento da tenere al fine di non recare danni agli altri, oltre che a sé stessi.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto amministrativo

Avv. Cristiana Centanni - Roma (RM)

AVV. CRISTIANA CENTANNI

Avvocati / Civile

Via FRANCESCO DENZA 15

00197 - Roma (RM)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Danni da sinistro stradale

Chi paga per l’auto finita nella buca: il Comune o la Società a cui era stato affidato in appalto il servizio di manutenzione della strada?

Continua

Il Tutor e la soglia di tolleranza

Al tutor va applicata una tolleranza maggiore degli autovelox, ovverosia del 15%, tenuto conto della peculiarità di funzionamento dello stesso

Continua

Tarsu: riduzione della tariffa fino al 40%

Tarsu: riduzione della tariffa fino al 40% in ipotesi di grave violazione del Regolamento di Nettezza Urbana

Continua

Bollo auto, prescrizione

La tassa automobilistica si prescrive in tre anni, anche in caso di omessa impugnazione della cartella di pagamento

Continua

Danno da vacanza rovinata per forte ritardo volo

Se il volo è in forte ritardo, colui che ha acquistato dal tour operator il pacchetto turistico, va da quest'ultimo risarcito

Continua

Atto di aggiudicazione gara

Atto di aggiudicazione della gara non pubblicato nella sezione “amministrazione trasparente”. Quando scattano i trenta giorni per l’impugnativa?

Continua

Odori di sugo, fritti, etc.? E’ reato

Gli odori da cucina che superano la soglia della tollerabilità integrano la fattispecie di getto pericolose di cose ex art. 674 c.p.

Continua

Via libera al ‘sisma bonus’

Le novità del 'sisma bonus' introdotto con la Legge di Bilancio 2017

Continua

Gara. Esclusione. Nuovo codice appalti

Esclusione dell’Impresa dalla gara per la mancanza del requisito del pareggio di bilancio nell’ultimo triennio

Continua

Istanza di accesso agli atti

Illegittimo il rifiuto opposto dall’Amministrazione alla istanza di accesso agli atti della subappaltatrice

Continua

Condominio. Parti comuni. Trasformazione

La finestra può essere trasformata in accesso carraio per un uso più intenso della cosa comune

Continua

Termine dell`impugnazione dell`atto di ammissione alla gara

Quando decorre il termine di impugnazione dell'atto di ammissione alla gara dell'impresa aggiudicataria se non pubblicato sul sito dell'Appaltante?

Continua